La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Arnoldo Foà, voce da kolossal

arnoldo-foa_1

Era nato maestro. Per la voce, per le rughe, per il piglio. Soprattutto la voce che lo aveva portato a doppiare tutti i kolossal che avevano bisogno di possenza e profondità, un attore nato per recitare la Bibbia. Riempiva lo schermo del cinema e riempiva, fisicamente, i teatri. Lui sempre al centro della scena, quasi un destino. Personalmente ho avuto il grande privilegio di averlo come maestro. Erano i tempi (1979) in cui la Rai imponeva ai neo assunti uno “stage” per trasformarci in giornalisti televisivi. Quindici giorni di “full immersion” davanti alla piscina del centro aziendale di Tor di Quinto:  ma non dentro la piscina perchè c’era da imparare in  fretta un compito (allora) molto impegnativo. Grandi professionisti ci trasmettevano il mestiere. Tra questi c’era Arnoldo Foà che ci insegnava la “recitazione della notizia”. Che non significava certo manipolarla, ma saperla offrire a chi stava dall’altra parte. Evitando cantilene anche quando si leggeva. E poi la gestione della voce che doveva partire “da dentro”, diceva. Insegnamenti importanti che mi sono portato appresso, dando anche alle notizie meno importanti un’intonazione credibile. L’ho rivisto molti anni dopo, non mi ha riconosciuto, ma sono stato io a ricordargli quelle lezioni. Ha sorriso, ma non ricordo proprio come ha commentato, sicuramente con un grugnito. Non era tipo da smancerie. E non gli piaceva il maestro, sapeva di vecchio.

3 comments on “Arnoldo Foà, voce da kolossal

  1. Patrizia M.
    11 January 2014

    Una voce indimenticabile, una persona senza tanti fronzoli, che amava profondamente ciò che faceva e la vita!
    Molto bello il tuo ricordo: Patrizia

  2. Maria Concetta Oronzio
    12 January 2014

    Aspettavo il tuo ricordo… quante volte lo hai citato sulla Torre. A volte un po’ retoricamente si dice “Lascia un vuoto incolmabile”,lui ascoltandolo si sarebbe fatto una delle sue grosse risate,ma stavolta è proprio vero……..

  3. ceglieterrestre
    13 January 2014

    M’arincresce era un granne. Quanno l’ho incontrato pe la prima vorta ner lontano 1959, me chiese se le guardavo la macchina ner mentre aspettava mio marito pe la perizzia, io lo feci ma non con piacere. Inzomma pemmè era bravissimo e aveva puro un ber grugno.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 11 January 2014 by in persone.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,704 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: