Il sito e il web

http://pinoscaccia.homestead.com/Home.html

La torre di Babele è , insieme, un progetto e un luogo fisico. Il progetto è quello di ospitare tutte le lingue del mondo, tutte le idee, dare voce a chiunque, cosi’ da arrivare per paradosso a una parola ‘unica’, insomma a capirsi. Di parole, girando per i problemi del mondo, ne sento sempre tante, cerco di sentirle tutte: se c’è un pò di confusione, è solo apparente.  Perchè un coro così vario  può essere invece un grande strumento per raggiungere quella verità da tutti invocata ma così varia complicata contorta difficile da conquistare. Nei miei (numerosi) spazi virtuali non dirò verità perchè sostengo da tempo, per esperienza da cronista, che la verità assoluta non esiste. Esistono i fatti, ma sui fatti ognuno ha la propria verità, ed e’ già fortunato ad averla. Il luogo fisico è la torre vera, così come l’ho conosciuta a Samarra, in Iraq. Lì la chiamano “malwiya”, la spirale, splendida metafora architettonica dove è faticosissimo, sul serio, arrampicarsi in vetta superando passaggi tortuosi. Dunque, la torre di Babele mi sembrava che potesse rappresentare il senso di questo sito e anche del blog (e del libro). Un  punto fermo, dedicato principalmente alle mie esperienze (forti) in tante terre insanguinate dall’odio e dall’intolleranza.  Un diario in continuo movimento dove anche le verità, appunto, spesso si sovrappongono, si sostituiscono, si smentiscono, si alterano.  Sono sempre in molti a parlare, spesso lingue diverse. La mia grande speranza, che voglio condividere, è che alla fine si arrivi finalmente a una lingua universale. Cioè a capirsi.


Contatore Sito



Bpath Contatore


Facebook
Twitter
Myspace
Flickr
Youtube
Netlog
H5
Faceskin
Volunia

Advertisements

Discussion

6 thoughts on “Il sito e il web

  1. Ci si può capire anche guardandosi negli occhi, non servono tante parole, io scrivo per farmi conoscere

    Posted by ceglie | 26 August 2010, 18:29
  2. Pino ho sempre apprezzato la tua professionalita’ e la tua coerenza,i tuoi reportage dai teatri di guerra del golfo e dell’afghanistan nonche fatti di cronaca nazionali di un certo rilievo.Complimenti per il sito e per i tuoi libri.Grazie

    Posted by corrado | 26 August 2010, 21:47
  3. grazie a te corrado, ci sto riprovando con il blog, spero nell’aiuto di tutti voi

    Posted by pinoscaccia | 26 August 2010, 21:54
  4. mi faccio un poco di pubblicità, il che non guasta, il mio blog è—
    lastrminute.blogspot.com visitateloooooooo

    Posted by Giovanni Farzati reporter Salerno | 6 October 2010, 22:12
  5. Anni fa ti ho inviato una mail in cui annunciavo di svolgere una ricerca sui soldati leccesi mandati in Russia. Il libro è ora edito e vorrei fartene avere una copia. Dove?

    Posted by marcello quaranta | 22 January 2014, 16:44

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pingback: La sfida continua, sempre sotto il segno della Torre | [Il mio canto libero] - 10 March 2014

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Recent Comments

Fausto on Tienanmen: la vera storia di q…
Sergio Filippucci on Armir: ecco i primi nomi dei d…
aurelianoflavio2 on “Dittatori” ha col…
Giuseppe Parisi on I soldi di Putin alla Leg…
aurelianoflavio2 on I soldi di Putin alla Leg…

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

Advertisements
%d bloggers like this: