La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

La “second life” di Tytty-Stefania

Tytty-Cherasien-285x300

Non avrei mai voluto parlarne, perché la delusione è forte, ma la storia di Tytty è sintomatica e invita a una riflessione profonda. Che ne sappiamo noi dei social network, chi c’è dietro lo schermo, ci possiamo fidare? Abbiamo sempre sospettato di poter incontrare personaggi da “second life” ma credo che questa vicenda superi tutto. Per almeno undici anni, a partire dal 2005 quando ha aperto un blog fino a tre mesi fa, Tytty Cherasien era molto conosciuta negli ambienti del volontariato internazionale. Vantava molte amicizie virtuali, fra cui quelle con la famiglia Arrigoni e il gruppo di Emergency, e anche – lo ammetto – la mia, oltre alla fiducia di molti miei amici stretti. L’ultimo messaggio me l’ha mandato l’anno scorso chiedendomi di firmare un appello contro la campagna mediatica che, a suo dire, aveva massacrato Greta e Vanessa  (perchè?). Ma ne ho ritrovati, in precedenza numerosi altri. Per esempio questo.

Sono contenta di risentirti anche se in questa ‘volante’ maniera. In questo ultimo anno mi è mancata tanto la Torre, la vecchia Torre, BF, la zonker zone, voi.  Ho un cancro, uguale a quello che ha ucciso la mia bambina 10 anni fa, forse l’uranio, forse la sfiga. E questo mi ha allontanato da tanto… fino all’assassinio di Vik. Li vi avrei voluto fisicamente vicini, vorrei partire con la flottilla, come potevo fare una volta ma le mie condizioni non me lo xmettono.. Ti abbraccio,  Shalom amico Ty*”

Già, perché Tytty raccontava di essere figlia di madre  ebrea e padre palestinese. Era stata vicino alla zonker zone di Enzo Baldoni, poi accanto alla tragedia di Arrigoni, sempre dalla parte dei migranti e degli ultimi, fino a occuparsi di Siria. Si era inventata reportage, partecipato a convegni, battuta in prima fila per il sequestro di Greta e Vanessa (forse troppo) …e tante cose ancora, conquistando la nostra fiducia.

Finchè un giorno dice di essersi legata a un oncologo inglese, Michael D. Kors, e fa partire una raccolta di fondi che frutta appena duemila euro. Ma fa un errore clamoroso: presentando il medico usa la foto di un giornalista, Tommaso Ederoclite, che se ne accorge e la denuncia per truffa. Così viene fuori tutto l’arcano. In realtà Tytty non esiste, si tratterebbe di una certa Stefania (con vari cognomi), 39 anni, abiterebbe a Milano, non esiste la figlia morta, insomma tutto inventato. Eppure le sue immagini sono pubbliche, si è fatta vedere tante volte, anche in video. Per i carabinieri farebbe parte dell’UNHCR inglese, ma la responsabile italiana smentisce. Dal giorno della denuncia chiude il profilo su Facebook, anche se su Google è facilissimo trovare tracce dei suoi passaggi sul web dove era attivissima, non chiude Twitter forse perché non lo usa dal 2007 ma i suoi followers da 249 scendono di botto a sei.

In definitiva  sparisce lasciando in piedi tutti i misteri. Soprattutto uno: com’è possibile che una persona riesca a mantenere per così tanti anni un’identità fasulla, cambiando molti mestieri e battaglie? Com’è possibile che un angelo dei rifugiati diventi improvvisamente una furfante? Chi è veramente Tytty-Stefania? Di sicuro, con tanta amarezza, bisogna ammettere  che ci ha ingannato tutti. O forse c’è qualcos’altro che ci sfugge. Mi piacerebbe che dopo tanti contatti si rifacesse viva, non importa se da Stefania o da Tytty. Almeno per spiegare.

sarfattitytti

cheriasensh Cattura

10 comments on “La “second life” di Tytty-Stefania

  1. narrabondo
    9 April 2016

    E’ un elemento in più per riflettere sulla serietà morale di certi movimenti.

  2. pinoscaccia
    9 April 2016

    ma tytty non era un movimento, sfruttava i movimenti

  3. Sabrina Ancarola
    9 April 2016

    Reblogged this on Mini Racconti Cinici .

  4. amnerisdicesare
    9 April 2016

    Impressionante. :O

  5. pipistro
    9 April 2016

    ciao, ragazzi della Torre…
    ^^v^^

  6. ceglieterrestre
    9 April 2016

    che brutta notizia. ciao :(

  7. elenasofia74
    9 April 2016

    Reblogged this on unastregadabruciare.

  8. Pingback: Tytty Cherasien: la donna senza passato

  9. Pingback: Il “Caso Tytty” e la causa siriana | My Free Syria

  10. Pingback: Vorrei richiamare la vostra ATTENZIONE – Mini Racconti Cinici

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 9 April 2016 by in tribù, tytty.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,836 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: