La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Le bombe del ’93

Cattura15Le chiamano proprio “le bombe del ‘93” per identificare uno dei momenti più oscuri della storia italiana recente. L’Italia era ancora sotto choc per le stragi mafiose, quando un ordigno potentissimo esplose a Firenze, alla fine di maggio. Andai di corsa a Firenze e per giorni seguii da vicino quelli che poi ho chiamato “gli angeli della polvere”, i coraggiosi vigili del fuoco che dovevano rovistare fra cumuli di macerie. In via dei Georgofili le vittime furono cinque, compresa Caterina di appena sei mesi. Per quell’attentato, e poi per quelli successivi, si addossò l’intera colpa alla mafia, ma le ombre restano. Lo stesso procuratore Vigna parlò di servizi deviati. Se mi è permesso un giudizio personale, quella bomba ha tutte le caratteristiche dei servizi perché le vittime furono in un certo senso casuali, visto che nessuno sapeva che in quella torretta viveva la famiglia del custode. Certamente resta strana la circostanza: mettere un ordigno di notte in una viuzza laterale e non a mezzogiorno in piazza della Signoria, sempre affollatissima, che sta proprio all’angolo. La verità giornalistica contro la verità giudiziaria, come sempre. Lo stesso meccanismo si ripetè due mesi dopo, a luglio, quando fu messa una bomba all’una di notte nel parcheggio (ovviamente deserto) della basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma. Fui avvertito subito, corsi in redazione. Appena arrivato seppi di due altri attentati, in contemporanea: a Milano e in un’altra chiesa romana, San Giorgio al Velabro. Mi ricordo che c’era Angela Buttiglione che poi andò in studio. Ci guardammo sconcertati, con una gran paura: c’era tanto l’aria di un golpe. La stessa impressione che ebbe il presidente Ciampi, rivelò più tardi che anche lui aveva temuto un colpo di stato. Andai sul posto, al Velabro andò Giorgino. Andammo avanti in diretta per giorni, poi la paura del golpe passò. Ma non le ombre.  Vent’anni fa

One comment on “Le bombe del ’93

  1. ceglieterrestre
    28 July 2013

    “le bombe del ‘93” Le bomme der 93

    Grazzie Gabbià, co sto poste hai scritto pe ricordà ‘n’ ntra paggina de storia che scotta!
    Puro se l’anni so passati lesti ce so certi ricconti che resteno stabbili. La storia ricconta de tutto quello che accade, ma ce so storiacce che la raggione nun se conoscerà mai e ce lassano la bocca co er fele. Le bojerie se mischieno
    e sortono de fora le mezze verità. E li vassalli che l’hanno fatta diventeno sortanto perzonaggi e resteno impuniti. Cencia

    Anche se le notizie le leggo in ritardo, questi spazi mi tengono informata. Una pagina di storia che non si può dimenticare. Grazie a te Pino, conosco molte cose che prima non sapevo. Buona domenica di riposo. Franca

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 27 July 2013 by in terrorismo.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,704 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: