Per un piatto di lenticchie

Sicuramente sono scemenze rispetto al Grande Debito. Ma è il segno dell’arroganza che fa paura. Come hanno scritto molti analisti, la Casta non ha ancora capito che l’indignazione ha superato l’orlo. A Bergamo, terra leghista che chiama ladri gli altri, si sono triplicati lo stipendio con una tempestività che rasenta la dabbenaggine. E mentre si chiede ai cittadini la tassa di… solidarietà, spuntano ormai dappertutto i privilegi di chi dovrebbe tutelare gli interessi dei cittadini. Non bastano gli stipendi d’oro, dopo il menù a prezzi stracciati del Senato, spunta adesso quello Camera: soltanto alla Caritas si paga di meno, poveri disgraziati. Per non parlare delle pensioni, della stampa di partito, degli evasori, degli intrallazzi. Dove spiccano, puntualmente, i signori dei palazzi. Onorevoli de che?

Quando vedo dignitosissimi signori che vanno a frugare nei bidoni della spazzatura, che vivono ormai di resti, m’incazzo. Sì, m’incazzo.

Advertisements

64 thoughts on “Per un piatto di lenticchie

  1. ma non era Roma la ladrona? qualche post fà commentavo auspicando una gogna per questa gente ma credo che la pena sia inadeguata. Non c’è modo di punirli. La politica non farà mai qualche cosa contro se stessa. Comungue le “carezze” fisiche non darebbero risultati. Se ne dimenticherebbero troppo presto. C’è un solo modo per punirli: riuscire a toccarli pesantemente nel portafoglio.

  2. Allora bisognerebbe mandarli in ferie coatte ed eterne ad Hammamet, magari. Non senza aver tirato loro le monetine per dare la mancia al barman

    • No Pino dai…..non lo era lo sai benissimo .Vero che abbiamo la memoria corta ma chi si è dimenticato degli anni del pentapartito o del caf tanto partecipata da Eugenio Scalfari.Erano piu’ statisti allora,forse,rispetto a questi quattro ranocchi che mai diventeranno prinicipi nemmeno se li bacia Charlene,ma pure a loro rubare veniva benissimo.O ci siamo dimenticati i pouf imbottiti di tele di valore? Non credo….

  3. La questione dei prezzi alla “bouvette” non è nuova, purtroppo (il primo che mi capita: Miracolo alla buvette dei senatori i prezzi “politici” calano del 20% – Politica – Repubblica.it – http://goo.gl/QuAJ0), come non è nuova la storia dei privilegi, spesso ingiustificati, di cui godono i parlamentari. Certo, oggi il quadro assume un aspetto un po’ diverso e lugubre…

  4. Infatti, ho anticipato nel post che sono scemenze rispetto al “buco”. Ma è un fatto di dignità. Quando si sta bene va bene per tutti, ma quando va male è indecente che loro continuino a star bene e gli altri sempre peggio.

  5. loro sono diversamente decenti, diversamente onesti, diversamente…… si, insomma, sono diversamente! Noi invece dobbiamo stare attenti perchè potrebbero accusarci di fare del qualunquismo, del razzismo, di essere politicamente scorretti. Insomma noi siamo diversamente deficienti.

  6. La si chiama arroganza.
    Ma quando il Paese protesta in un coro indignato, e come consuetudine il tutto passa in cavalleria, la si chiama strafottenza.
    E se permetti caro Pino, mi incazzo pure io.

  7. Si cara Irisilvi.
    Quando pensi che c’ è gente che il Ferragosto mangia i resti del mercato, foglie di lattuga, pomodori fracidi, frutta non più vendibile, dopo anni di lavoro e pensione da spiccioli, allora è doveroso incazzarsi.
    A meno che, non si è politici.

  8. Incredibile vicenda!!! Ecco, questa è l’Italia.
    Processato per un pacco di biscotti quando ogni anno si scoprono migliaia di persone completamente sconosciute al fisco, che insomma non hanno mai pagato una lira di tasse (e magari vanno in giro in Porsche).

    • “La legge e’ uguale per tutti, ma non necessariamente la sua applicazione, come del resto gia’ ribadito dalla Corte Costituzionale” (N. Ghedini, Roma, 6 ottobre 2010)

      • N.Ghedini sta per Niccolo’ Ghedini? Detto anche l’avvocato del diavolo.Posso solo aggiungere :il signore si che se ne intende….oltre che essere un avvocato di “grido” è pure parlamentare di quelli che mangiano a 10 euro ,cominciando dall’antipasto, alla camera.

  9. Fatti i conti ed ordinando un piatto di ogni portata ed il piatto più caro compreso di “bevanda standard” ed incluso il servizio ad un senatur un pranzo gli viene a costare €. 25,06. Sono stato a Roma qualche tempo fa e 25€ non mi sono bastati nemmeno per una pizza con “bevanda standar” (‘na cocacola).

  10. Magari 25 euro! Ne bastano una decina per un pasto completo.

    (Detto questo, ma dove vai a mangiare a Roma? Una pizza con bevanda costa 15 euro, con 25 si mangia bene in trattoria, antipasto e matriciana compresi).

  11. Il fatto che L’ ufficio Stampa dell’ Ospedale, dichiari che è un atto pubblico visibile a tutti, non sminuisce assolutamente il sospetto di intrallazzo.

  12. A base di pesce
    Antipasto:
    Lamelle di spigola con radicchio e mandorle €. 3,34
    Primo piatto:
    Risotto con rombo e fiori di zucca €. 3,34
    Secondi piatti:
    Filetto di orata in crosta di patate €. 2,62
    Contorno:
    Verdure al vapore €. 2,62
    Bevanda standard €. 0,62
    Dolce €. 1,74
    Pane e servizio €. 0,52
    Totale €. 17,46

    Siamo molto vicini ai 15 euro di pizza che indichi tu, con la lieve differenza che questo è un menù a base di pesce.

    Si arriva a €. 25,06 volendo strafare e aggiungendo pesce spada alla griglia €. 3,55 + purea di patate €. 2,62 e un’insalata €. 1,43.

    P.S. appena torno a Roma ti chiederò consiglio per dove mangiare (ahahahahaha).

    Buon Ferragosto

  13. Ma i senatori hanno tutti una certa età…e poi devono lavorare sodo… questo non è un pranzo, ma il cenone di Natale… Quelli “normali” con una decina di euro la sfangano.

    Mangiare a Roma, se non sei invitato a mensa da qualche parlamentare, non costa comunque cifre esagerate: qualsiasi trattoria, pure al centro, con 25 euro ti fa mangiare bene. Se hai il vizio di esagerare….toh puoi arrivare a 30. Ma poi non ce la fai neppure a fare due passi ;)))

  14. lungi da me difendere questi signori, anzi, c’è chi non si stupisce più e invece io non riesco a non stupirmi tutte le volte, ci sono cose che stento a credere….però….
    oserei dire che purtroppo non dipende neanche tanto da loro, cioè, ok, si comportano malissimo, lavorano malissimo, ecc…ma sono i fondi monetari internazionali a “ricattare” gli stati, a chiedere sempre le stesse misure: tagli, privatizzazioni, ecc, come se non ci si rendesse conto che la vecchia ricetta ormai non funziona più, perchè l’economia mondiale così com’è ormai non può che saltare per aria, non si può più reggere da sola, anzi si autofagocita, può solo scoppiare, presto o tardi, bene o male (STA scoppiando, intanto che noi ci godiamo l’aria condizionata)
    i nostri governanti, in questo contesto, alla fine non contano nulla (anche obama, che può fare? figurarsi il nostro signor b!), vero che ci hanno messo anche del loro, ma temo che sia solo una goccia nel mare, che è molto più agitato e molto più complesso, alla fine concentrarsi su di loro è quasi distrazione dai problemi reali.
    insomma, per come la vedo io, la festa è finita, doveva finire, era evidente, solo che magari si pensava di non essere più qui a vederlo e invece lo vedremo :(
    questa cosa dei ristoranti è scandalosa davvero, ma temo che diventerà una barzelletta rispetto a quello che ci aspetta….
    evviva!!

  15. Mi pare di aver ripetuto più volte che si tratta di sciocchezze sul piano economico. Vero pure tutto quello che dici sul sistema finanziario. Ma. Ecco il ma: se la festa è finita, deve finire per tutti, non soltanto per chi magari non ha mai festeggiato. La Casta insomma non costituisce il problema reale, ma è un fatto morale. Pensare di tagliare, per esempio, le pensioni quando le loro sono intoccabili e dorate è indecente. Triplicarsi lo stipendio in piena bufera è addirittura da cretini. L’oceano è formato da tante piccole gocce.

  16. io sono la goccia fatta persona, nel senso che cerco di mettere tante goccioline in ogni cosa che faccio, quindi ci credo alle gocce!! ;)
    però quello che intendevo dire è che stavolta ormai siamo alla frutta :(
    sì, loro sono indecenti, concordo, ma ripeto che in questo momento ho la sensazione che a pensare a loro ci si distragga….non so come dire….
    vero che se la festa finisse un pochino anche per loro, sarebbe un esempio, ecco sì, potrebbe essere un esempio….mah
    per chi?

    • Hai perfettamente ragione. Ma tanto la posso girare e rigirare come vogliono. I giovani e la rete hanno capito bene che queste decisioni sono imposte dalla finanza e dalle lobbies. Complici i politici dei vari governi che sono solo gli esecutori materiali.

  17. A noi non resta che spingerli almeno a vergognarsi….
    Nessuno si distrae, anche perchè noi non abbiamo il potere di cambiare la manovra. Ma almeno li spingiamo a non esagerare.

  18. Il problema è che questi per un piattino di lenticchie si sono venduti la primogenitura non solo nostra, ma soprattutto quella delle generazioni che verranno…

  19. insisto nel dire che magari se la fossero venduta questi…….
    molto più in alto è stata venduta, ma poi non è stata venduta da QUALCUNO, non esiste neanche un’entità concreta, è solo saltata la pentola a pressione.

  20. @mrm:è proprio così
    nessuno ha venduto nulla ,è saltato tutto e in concreto andiamo in aria tutti
    in realta’ la mia paura principale è che a qualcuno venga in mente di sobillare il nord ,fin che sti quattro caproni stanno a Roma va bene ,ma se cambia l’aria cosa succedera’?

    • M A H !?!

      tra le tante assurdità (italian tax) in arrivo in autunno, il rispolvero della vecchia tassa, ora tristemente all-in-one, sui passaggi carrabili privati… Manca ancora taluna fantascientifica tassa sull’aria che si respira, ma un buco per un’altra decretica leggina prima del prossimo crack finanziario mondiale di ottobre, sicuramente nascerà all’interno di certe “mentuccie malate” at governum…

  21. @ Pino
    Bersani , intervistato a La7 da Mentana, ha detto cose giuste. Questa manovra è recessiva e non ha niente di strutturale. Un solito prelievo qua e la di ben altri 45 miliardi + i 70 miliardi d Luglio. In totale ci sono circa 15 miliardi di tagli alle regioni e l’abbattimento per le detrazioni familiari. ( qualcosa di veramente spregevole ). Sono i tuoi amici del Tg1 che hanno hanno smorzato i toni. Hanno dedicato alla manovra 10 frettolosi minuti per poi passare a notizie di secondo piano.Berlusconi si è preparato la prossima campagna elettorale : “La manovra era necessaria , abbiamo tagliato 54 mila poltrone , ed è stata votata anche all’opposizione ( cosa non del tutto vera , visto che non ci può mettere mano più di tanto)”

  22. Sia RaiTre che La7 hanno fatto un’edizione straordinaria del TG per trasmettere in diretta la conferenza stampa di Berlusconi e Tremonti (RaiTre solo un pezzo, La7 integralmente). Le altre reti: niente.

    • Si si , le ho viste . Sia Rai3 ( anche perchè sono innamorato di Bianca Berlinguer da quando ero piccolo :) e stimo il padre ;) più del Che ) che La7.

  23. Io non ho visto nulla,cena da amici ma vi ringrazio per queste notizie .
    Ma Francesco perchè senti il bisogno di attaccare Pino Scaccia? Il tuo “sono i tuoi amici del tg1 ” è fastidioso.Il tg1 è sempre e ribadisco SEMPRE stato filogovernativo ,con questo non vuol dire che alcune firme di valore non abbiano gravitato in quella sfera ,di destra,centro o sinistra.Dai per una volta non fare il provocatore per nulla.Effetto zero.

    • L’80 per cento dei giornalisti del Tg1 è di sinistra.
      Ridicolo innescare una polemica che non mi interessa ed è banale. Ma chiunque abbia governato si è impadronito della maggiore testata televisiva italiana. Tanto per non fare nomi, il “triplo salto mortale” – da redattore ordinario a vicedirettore – l’ha inventato Dalemix. Lo stesso dell’inciucio.
      Punto: io rispondo di me stesso e non mi pare che qui io stia trascurando la manovra.

  24. Per un piatto di lenticchie | BgUnder

  25. Non mi avventuro in un terreno (l’economia) che non mi compete, non approvo l’andazzo dei sacrifici a senso unico (sempre verso il ceto medio basso e mai verso quello alto) e credo che si sarebbe potuto agire molto di più sui tagli ai privilegi della politica, visto che i costi sono conseguenza proprio dei privilegi. C’è comunque una domanda che mi pungola: se ciascuno di noi fosse al posto dei vituperati membri della Casta, onestamente, sarebbe capace di rinunciare ai benefici della condizione?

  26. In tutta onestà, probabilmente no. Ma la scelta è proprio quella: di entrare nella Casta. Molti miei colleghi lo hanno fatto, io ho preferito continuare a fare il giornalista, cioè il mestiere che amo.

    • …e lo fai egregiamente, il tuo mestiere. Sempre attento e sempre, veramente, indipendente.Quanto a coloro che magari prima criticavano ed ora godono, meglio stendere un velo.Anzi, facciamo che si stende un bel telo da paracadutista.
      Ed ora un’altra domanda: meglio votare ed eventualmente criticare l’operato di coloro che abbiamo eletto (anche se poi rimaniamo inascoltati) oppure meglio proclamare lo sciopero delle urne?Ma poi la Casta capirebbe o continuerebbe a marciare come un cavallo bendato verso il precipizio?

  27. beh, però è bello trovare che c’è chi ti dà risposte. A volte fatico io stessa a trovarle….

  28. Che dire, Pino,.
    non riesco a rendermi conto di come si possa continuare a credere alle panzane che i nostri governanti ci raccontano.
    Loro continuano a predicare che non vogliono mettere le mani in tasca ai cittadini ,ma in effetti ci stanno di nuovo rapinando ,
    se non ricordo male il superministro Temonti parlava tempo fa’ di una Robin Hood tax , ma non sono riuscito a capire come funziona ,visto che aumentano i tiket su medicinali,visite specialistiche ,e analisi , visto che vogliono aumentare l’iva ben sapendo che chi non la paga adesso non la pagherà neppure in futuro . Ma Robin Hood non prendeva ai ricchi per dare ai poveri ?
    MI verrebbe voglia di scrivere una interminabile elenco di insulti a questi parassiti ,ma il buon senso mi dice di non scendere al livello dell’ (onorevole ) Bossi.
    Ci hanno tolto gli ideali , molti giovani non sanno cosa significhi giustizia sociale , diritti e doveri uguali per tutti ,RICCHI E POVERI , solidarietà con i più deboli .
    Ma c’è una cosa che vorrei chiedere a quel 25% di ITALIANI che non vanno più a votare , è , se il governo del fare li ha soddisfatti per come ha amministrato l’ ITALIA ; ma a loro forse non interessa , tanto destra o sinistra uguali sono .
    Come possiamo tornare a sperare in LIBERTà , UGUGLIANZA e FRATERNITà ?

    Come possiamo tornare a sperarare in libertà,uguaglianza e fraternità

  29. Occhio alle truffe in piena crisi economico-globable: Euro falsi, banconote e monete, di difficile riconoscimento…

    Recente video Polizia in Romania

    Recente video GDF di Napoli

  30. ItaGlia: Nanopatologa italiana “rottamata” al prepensionamento

    …Come è entrata in contatto con il dipartimento di Stato americano? – «I miei studi sulle nanopatologie, anno dopo anno, si sono indirizzati verso le malattie dei soldati, in pratica sull’inquinamento bellico, quello causato dallo scoppio di bombe e dall’uso di materiale da guerra. Sono diventata consulente per la commissione d’inchiesta italiana sull’uranio impoverito e del comitato scientifico del ministero della Difesa per la prevenzione e controllo delle malattie dei militari. Sono anche consulente per la procura di Lanusei nell’ambito di un’indagine sul poligono e sulle malattie di cui soffrono militari e civili che operano in quella parte della Sardegna. Poi sono arrivate le chiamate per partecipare ai congressi Nato e l’incarico di visiting professor di un istituto del dipartimento di Stato…»…

    MORE: http://bit.ly/p66Ysh

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s