you're reading...
politica, storia, tribù

Cancellano la memoria, affidano i diritti umani a chi invoca i forni crematori e assolvono chi inneggia alla distruzione totale del sud

46161189_10157332157952985_4630896762897301504_n

Sembra quasi che lo facciano per sfregio, per dimostrare che comandano loro. Stamattina è stata eletta presidente della commissione diritti umani la senatrice leghista Stefania Pucciarelli, quella che invocava i forni crematori, che appoggia le ruspe, è contraria al riconoscimento dei diritti delle persone Lgbt, scrive cose come “le zecche dei centri sociali”, è contraria a una legge contro la tortura,  chiama “zingari” i rom, invita a prendere bene la mira quando si spara ai ladri. Ha la terza elementare, curriculum lavorativo: casalinga.  Emma Bonino, candidata anche lei dall’opposizione, ha preso 8 voti. Come mettere Totò Riina alla commissione giustizia e come sputarci tutti in faccia. Dicono che abbia un “forte senso di responsabilità” così l’hanno votata pure i cinquestelle, sempre appaiati nelle zozzerie ai colleghi di governo (e quindi è inutile fare i verginelli).

Certo l’aria è cambiata. C’erano una volta le terribili toghe rosse, adesso c’è invece la Corte d’Appello di Milano che assolve “perché il fatto non sussiste” una delicata consigliera comunale di Como, Donatella Galli, che qualche anno fa aveva inneggiato a due simpatici e potenti vulcani italiani. “Forza Etna” e “Forza Vesuvio” allegando anche una cartina dell’Italia senza il sud. Ah, la signora in primo grado era stata condannata a una pena puramente simbolica: 20 giorni (pena sospesa) e un euro (dico 1) di multa, ma evidentemente ai giudici di appello è sembrato addirittura troppo e hanno annullato la sentenza. Così, tifosi beceri in tutta Italia potranno continuare a urlarlo a squarciagola senza timore di conseguenze.

Il cambiamento si avverte pesante anche nella storia. Come per esempio a Vicenza dove la giunta (destra spinta) ha cambiato la dicitura “eccidio nazifascista” con “eccidio delle truppe di occupazione” in memoria della strage del 9 novembre 1944 dove i nazisti, appunto, uccisero dieci ragazzi per rappresaglia contro l’attentato a un ponte (un solo ferito). Per una “memoria condivisa” ha spiegato il sindaco, come se gli dava proprio fastidio sentir parlare di nazisti assassini (mai puniti).

Rileggiamo Primo Levi:  “La memoria è la storia di un popolo, ed un popolo senza memoria è un popolo senza identità, destinato a scomparire senza lasciare alcuna traccia di sé”. Ecco, i signori che governano stanno cancellando anche la memoria ed è il delitto più grave.

Advertisements

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

One thought on “Cancellano la memoria, affidano i diritti umani a chi invoca i forni crematori e assolvono chi inneggia alla distruzione totale del sud

  1. Sembra di stare in un film tipo “Orwell 1984”. Ma è tutto vero.
    Tra l’altro il tuo “collega” Di Maio giorni fa, non è stato per niente tenero con voi, anzi (sciacalli e pennivendoli).
    Questi disgraziati al Governo nei loro incoscienti deliri, sostengono pure di aver sconfitto la povertà.
    Di sicuro hanno sconfitto i poveri, che è tutt’altra cosa.
    Non consola affatto il sapere che nelle Americhe, le democrazie sono messe peggio. Molto peggio.
    Pure per voi Giornalisti.

    Posted by Walter | 17 November 2018, 00:27

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Recent Comments

Fausto on Tienanmen: la vera storia di q…
Sergio Filippucci on Armir: ecco i primi nomi dei d…
aurelianoflavio2 on “Dittatori” ha col…
Giuseppe Parisi on I soldi di Putin alla Leg…
aurelianoflavio2 on I soldi di Putin alla Leg…

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

Advertisements
%d bloggers like this: