you're reading...
rai, tribù

Rai, occupazione totale: mai successo. Neanche ai tempi del cosiddetto monopolio democristiano.

cavallo-rai-755x515

Mai successo. Io sono entrato alla Rai all’epoca della lottizzazione quindi lo posso dire con cognizione di causa. Il direttore del Tg1 era democristiano (di sinistra, perché il congresso aveva deciso così), il capocronista era comunista, il capo degli speciali socialista, altri posti di comando erano socialdemocratici e liberali. Lottizzazione, sempre usata come parolaccia, era in realtà un’autentica espressione di democrazia. Anche allargando il discorso….idem, Tg2 socialista e il fresco entrato Tg3 comunista (il famoso TeleKabul). Ricordo anche bene le riunioni di redazione per impostare il telegiornale; discussioni vere dove volevano anche le sedie. Restano epici gli scontri Morrione-Frajese, due grandi divisi solo dalle idee politiche.

Con questo sciagurato governo del cambiamento è saltata questa regola fondamentale. Pure in maniera schizofrenica, superando anche il manuale Cencelli. La maggioranza poteva essere rispettata mettendo Sangiuliano al Tg1 dov’è stato vicedirettore per anni (e stimato da tutti). Eh no, troppo facile: la testata ammiraglia “spettava” ai cinquestelle e quindi andava ribaltato tutto, spostando Gennaro leghista al Due. La cosa divertente è che Carboni è stato scelto perché ha accompagnato tutto il percorso del movimento, anche se rivendica chissà quali diritti. Insomma, proprio per appartenenza. La voglia di potere poi magari distrae e si mette la Paterniti, europeista convinta, al Tg3 ma è in pieno stile grullino dove ogni giorno si cambiano le carte in tavola.

E voi che ancora credete alla scemenze elettorali (fuori i partiti dalla Rai) eccovi serviti. Neanche ai tempi del cosiddetto monopolio Dc, dove c’era pieno rispetto per le opposizioni. Neanche ai tempi degli editti di Berlusconi. E men che meno sotto Renzi. Sono prove generali di dittatura.

Mi viene il voltastomaco.

Advertisements

About pinoscaccia

già redattore capo Rai inviato speciale Tg1

Discussion

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Anno 18

[dal 18 ottobre 2001]
Visite totali circa 7 milioni

Recent Comments

Fausto on Tienanmen: la vera storia di q…
Sergio Filippucci on Armir: ecco i primi nomi dei d…
aurelianoflavio2 on “Dittatori” ha col…
Giuseppe Parisi on I soldi di Putin alla Leg…
aurelianoflavio2 on I soldi di Putin alla Leg…

Categories

Archives

L’ultimo libro

Hitler e Mussolini tra passioni e potere: i tranelli della storia rivisti da un reporter di guerra e da una professoressa di lettere.

Le verità e le bugie intorno ai due dittatori che hanno segnato le sorti del secolo breve. Da una parte il führer, con sangue ebraico e forse origini berbere. Dall’altra il campione della famiglia italiana, il duce, che si innamorò di Claretta Petacci, forse una probabile spia degli inglesi. Poi la fine, ancora avvolta da misteri. Hitler e Mussolini, uniti dall’odio, dall’illusione di una conquista universale, da una fine tragica e da due amori maledetti. Sicuramente feroci, ma con infinite debolezze, spietati, ma fragilissimi.

Advertisements
%d bloggers like this: