E se Paddock fosse un alieno?

strage-di-las-vegas-stephen-paddock-943599

Si arriva a Las Vegas sorvolando il deserto rosso. Qualche anno fa, ci sono arrivato da Los Angeles: ci vogliono solo cinquanta dollari e appena un’ora di volo. Parlo del ’95 e sicuramente la città adesso è molto più grande. Ricordo che allora non c’erano molti alberghi ma tutti famosissimi: con un trenino li giri di tutti. C’era un vecchio spaesato, mi chiese: “quanto costa?” e io: ma è gratis. “Ah bene” insomma gli erano rimasti appena i vestiti. Tutto rigorosamente copiato. Prima tappa al Luxor, un po’ lugubre con le mummie per guardiani, poi al Caesars Palace ma farsi servire al …Pantheon dai….gladiatori, per un romano mi sembrava un po’ troppo. Così alla fine scegliemmo l’Mgm Grand che fra tanti finti era il più vero perché celebrava il mito di Hollywood. Erano i tempi di Star Wars e quindi figuratevi che spettacolo. Ho bene in mente tre particolari: fuori c’era un caldo asfissiante e si faceva shopping dentro ma era talmente grande che bisognava seguire la mappa, non potevi non giocare visto che per andare all’ascensore bisognava passare attraverso le sale delle slot machine e infine che…ogni giorno il prezzo della stanza diminuiva fino ad essere gratis dopo tre giorni (perché era matematico che i soldi li lasciavi lo stesso). Anche noi naturalmente abbiamo giocato, ma solo nei ritagli di tempo perché dovevamo andare per il deserto del Nevada a caccia di alieni (!) Partivamo all’alba ma c’era chi già giocava: ricordo una signora impegnata contemporaneamente addirittura su due slot: quattro dollari a volta, due di qua e due di là. Quando tornammo al tramonto la trovammo allo stesso posto. Seguendo un’antica e radicata abitudine cambiai solo cento dollari. Li avevo quasi finiti quando comparvero tre stelline: wahooo, 1500 dollari. Scaricata la macchina con gioiosa noncuranza provai altri due gettoni da un dollaro. Al secondo tentativo….ari…wahooo, nuovamente tre stelline, altri 1500 dollari. Stavolta il fracasso incuriosì la signora che si girò verso di me con un sorrisetto invidioso: “again?” In realtà, non è proprio normale scaricare due volte a un paio di gettoni di distanza. Claudio mi prese per un braccio e mi portò via prima di restituire al casinò tutta la vincita.

Il Mandalay Bay hotel allora non c’era, o non me lo ricordo. Di sicuro adesso sta proprio dirimpetto al Luxor ad appena un chilometro dall’Mgm. E adesso dovrei parlarvi della maledetta stanza 23 oppure del secondo emendamento che alla fine del 700 promuoveva le milizie per difendere il territorio dall’assalto straniero o dei 300 milioni di armi, una per ogni americano, che la lobby (National Rifle Asociation) difende così furiosamente. Ce ne sarebbero tante da dire: per esempio che proprio a Las Vegas fanno ogni anno lo Shoot Show o che adesso c’è la corsa per acquistare il “bum stock”, quel micidiale aggeggio che trasforma in automatica ogni tipo di arma. Ma forse bisognerebbe soprattutto approfondire tutti i misteri su questo agiato pensionato di Stephen Paddock che ha trasformato un festival country in un concerto di morte. Di lui si sa molto poco, quasi niente, e di perché lo ha fatto: chissà magari è sbucato da quell’Area 51 così vicina e così altrettanto misteriosa. Ma tanto chi se ne accorge? Stanno comunque tutti a giocare, in quella città luna park.

las vegasmgm

Advertisements

2 thoughts on “E se Paddock fosse un alieno?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s