La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Tra scienza e stregoneria

aggressione2

Nell’epoca della Grande Incompetenza, dove tutti parlano di tutto saltando dal calcio alla geopolitica scopiazzando in giro e su google, bisogna alla fine rassegnarsi. Tuttavia qualche limite c’è, o dovrebbe esserci. Capisco che non si fanno danni se si sproloquia sulla politica (magari eviterei le balle) o sulla formazione della Nazionale, tanto Ventura mica sta a sentire noi. Non si fanno danni neppure se si fa gossip sulle elezioni americane, in quanto ritengo che Trump e la Clinton non seguano troppo i social, specie quelli italiani. Ma quando si parla di medicina bisogna stare molto attenti. Ognuno è padrone di fare quello che vuole del suo corpo e della sua vita, ma dire per esempio che mangiare vegano significa eliminare tutti i rischi quando poi si scoprono bambini denutriti, eh no questo non va bene. E’ roba da talebani. Non va bene neanche quando maldestramente s’invita la popolazione a non fare i vaccini perché si sa invece che servono. Soprattutto non va bene, anzi è un atto criminale, sparlare della chemioterapia perché è stato scientificamente provato che per ora è il sistema più efficace per combattere un tumore. Il che non significa sempre batterlo, ma le possibilità aumentano ogni giorno, insieme alla ricerca. Ed è estremamente pericolosa, al limite della follia oltre che della legge, la campagna che sta portando avanti una mezza attrice partita di testa come la Brigliadori. Si fa pagare cento euro da ciascuna dalle sue “adepte”, signore ammantate che giocano alle fatine invocando chissà quale spirito benigno; aggredisce una brava Jena, Nadia, che tenta di capire; farfuglia spiegazioni che sanno di cialtroneria. Attacca i medici che sfrutterebbero la situazione, poi afferma che ci si può curare con una pomata per le emorroidi. Se fosse vero, quanto guadagnerebbe la casa farmaceutica che la produce? Mette una cura concreta sullo stesso piano di un viaggio a Lourdes come se la fede fosse un ostacolo alla speranza di un disperato. Giusto per chiarire, il famoso genio tedesco è stato radiato dall’Ordine dei medici. Dunque, talebana, falsa e populista: quindi d rinchiudere.

Insomma, in questo mondo di mestieri inventati, lasciamo stare almeno i “dottori”. Alcuni di loro possono sbagliare, ma rispettiamo la loro competenza. Affidiamoci comunque sempre a chi ha studiato e ne sa più di noi. E non a qualche ciarlatano che spara sentenze a cui gente ignorante può abboccare, magari perché in crisi profonda. Fidiamoci della Scienza, non delle chiacchiere. Inondiamo pure le bacheche di scempiaggini personali su come, magari, costruire la pace mondiale o sulle nuove parole da mandare alla Crusca. Ma certe streghe io le metterei subito al rogo.

1475491013_brigliadori_3

One comment on “Tra scienza e stregoneria

  1. Walter
    6 October 2016

    Magari rogo no, ma qualche anno di manicomio si. Fare l’ attrice non significa essere esenti da malattie oncologiche e nemmeno mentali.
    E’ una matta, tutto qua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 5 October 2016 by in tribù.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,457 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: