La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Chi tocca i giornalisti mi fa pena

12670286_746504762153692_2904160916181843906_n

Spesso i giornalisti non rappresentano, per così dire, la parte migliore dell’umanità. Il mestiere può provocare “silicosi dell’anima, nella forma di narcisismi tragicomici, gelosie forsennate, attitudine servile, meschinità”. Ma ciò che riscatta la categoria è soprattutto quel sentimento disinteressato: l’intensa, appassionata curiosità dei veri cronisti che hanno come unico scopo quello di raccontare quello che vedono e che sentono, a costo di pagarlo con la vita. Dunque, quando si attaccano i giornalisti io non ci sto. Nei primi sette mesi dell’anno sono già stati uccisi 97 reporter in tutto il mondo, solo per la voglia e il coraggio di essere accanto alla notizia. Più di trecento (341) sono in prigione, 54 sono stati sequestrati. In Italia, ci sono state quest’anno già 521  minacce, 40 vivono attualmente sotto scorta. Combattono la mafia e sono anche vittime delle “querele temerarie” da parte dei poteri forti. Guadagnano, quando va bene, due euro a pezzo: la professione, umiliata dalla grande bufala del web, è in profonda crisi. Magari talvolta sbagliano, ma guardano ai fatti. E non possono rischiare di prenderle come succede, ad esempio, in Turchia dove c’è un sultano pazzo che non accetta la benchè minima opposizione. Sono considerati nemici, ma  un mondo senza testimoni è sicuramente un mondo peggiore. Ecco, chi non lo capisce mi fa pena. Piccoli uomini e piccole donne. E mi spaventa.

5 comments on “Chi tocca i giornalisti mi fa pena

  1. monica mistretta
    26 September 2016

    Condivido. E aggiungo: qui, malgrado le difficoltà, non si arrende nessuno.

  2. quarchedundepegi
    26 September 2016

    Condivido in pieno il tuo scritto.
    Buon pomeriggio.
    Quarc

  3. Josè
    26 September 2016

    bisogna non fare retorica a buon prezzo. E’ naturale che nessuno debba essere aggredito o minacciato o ucciso per la professione che fa, a meno che non faccia il militare. Ma certe reazioni isolate sono strettamente legate a ben note campagne mediatiche contrarie. A continui pestaggi per un nonnulla, ripetutti e costanti nelle settimane e non ad opera di chi prende 2 euro a pezzo, cui va la mia umana compassione e stima, ma di chi stipendiato all’uopo, usa il mestiere alla stessa stregua di quello più antico del mondo. Proprio, se non soprattutto, dove e quando la “notizia” non c’è.

    • pinoscaccia
      26 September 2016

      E certo, tre mesi senza giunta non è una notizia. E le faide che neppure nella prima Repubblica? O forse sono notizie le smargiassate di Di Battista o le gaffes di Di Maio? Siete talmente bravi da non saper neppure distinguere quei pochi che vi appoggiano. Volete tutti allineati e magari anche schiavi nei vostri pindarici voli di potere? Eh, questo è il metodo Erdogan che non sopporta opposizione. Questo è solo frutto di una campagna di odio che dura da anni. Voi ci sputate addosso, da sempre, e volete pure simpatia, consenso? Certo, no alla violenza… “ma mica è colpa mia se è negro”. Tu stai facendo retorica spicciola. Che ipocrisia.

      • Walter
        4 October 2016

        Tra l’ altro sono quelli che hanno messo in prima fila la stimata Giornalista Milena Gabanelli, per la scalata al Quirinale di pochi anni fa. Ma quando la stessa, in piene consultazioni presidenziali chiede a costoro in un suo report: “Che fine fanno i proventi del blog di Grillo?” e “quanto guadagna la Casaleggio Associati dalla pubblicità sul sito?”, la volevano addirittura torturare con epiteti e insulti che in un bar della periferia di Città del Messico fanno scandalo.
        Ancora queste domande sono senza risposta.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 26 September 2016 by in reporter, tribù.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,457 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: