La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

E ora la morte arriva in Germania

13669820_10154363380245238_9034836663719154769_n

Le notizie sono ancora confuse. Si parla di almeno sei vittime (ma per alcune fonti sarebbero quindici) e di tre terroristi. Due sarebbero in fuga, un altro si sarebbe suicidato. E’ tutto comunque da verificare, mentre Monaco è letteralmente in stato d’assedio. Non si conosce ovviamente la matrice mentre emergono piccoli particolari: un cecchino sul tetto e un altro che spara a casaccio sui passanti davanti a un fast food. Quello che è successo all’interno del centro commerciale Olympia è ancora avvolto nel mistero. Fa impressione certo il legame di quel villaggio olimpico con la strage di Settembre Nero nel 1972. Molto più recentemente c’è il precedente, sempre in Baviera, del giovane afghano che ha accoltellato cinque persone su un treno, ma è tutta un’altra storia. La polizia ha invitato la popolazione a non frequentare posti affollati, ma come si può?

In poche settimane, dagli Stati Uniti (Florida, Dallas…) all’Europa, abbiamo assistito a una serie di attacchi. Alcuni legati ai jihadisti, altri alle tensioni razziali. Le motivazioni politiche si sono mescolate a quelle ideologiche. Azioni condotte con armi da fuoco oppure con un camion. Criminali armati di un’accetta o di un fucile d’assalto. Ora gli spari nel centro commerciale di Monaco, di cui si sa ancora molto poco. La sintesi è comunque semplice e brutale: sono tutte minacce contro la nostra società, non c’è aspetto della nostra vita che non possa essere sconvolto. Il rischio, una volta di più, è che i terroristi stiano raggiungendo il loro scopo: metterci paura. Più che con le pallottole possono ucciderci bloccando la nostra economia, costringendoci a stare chiusi in casa. Perché le varie “intelligence” occidentali hanno sicuramente fatto errori e mostrato carenze, ma non c’è dubbio che non può esserci difesa quando possono colpire in qualsiasi città in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Ed è l’aspetto più angosciante.

3 comments on “E ora la morte arriva in Germania

  1. MarioCircello
    22 July 2016

    In merito ai vari servizi di “intelligence”, non parlerei di errori, ma di connivenze…

  2. Walter
    23 July 2016

    Chissà perché questi impasti umani di follia e cattiveria non superano quasi mai i 30 anni di età. Dai 30 in su le promesse vergini non interessano più. Boh?
    In Israele l’ ecatombe dei Kamikaze che si facevano saltare sui bus o nelle fermate l’ hanno risolta spalmando tutti i mezzi e le pensiline delle fermate con grasso di maiale. Quasi spariti laggiù, almeno nel metodo di immolarsi all’ imbecillità.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 22 July 2016 by in germania, tribù.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,836 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: