La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Il giustiziere delle Filippine

rodrigo-duterte-4-796074

In Occidente lo paragonano all’americano Trump, per la furia giustizialista, ma nelle Filippine è semplicemente “The punisher”, il punitore, come un vecchio terribile personaggio dei fumetti. Certo Rodrigo Duterte, detto Rody o Digong, è un personaggio duro. Ormai sicuro presidente dell’arcipelago asiatico con cento milioni di abitanti ha già promesso (o minacciato) di cambiare la costituzione, con il rischio serio di avviare il Paese verso una dittatura. E già in molti rimpiangono la pur durissima Gloria Arroyo che aveva già ristretto di molto le libertà individuali.  Ma l’ex sindaco di Davao è qualcosa di molto più pericoloso. Da far venire i brividi, come quando si è rammaricato di non aver partecipato allo stupro di gruppo di una missionaria, o quando ha fatto uccidere senza un processo da squadre private di vigilantes mille sospetti criminali (“farei uccidere anche mio figlio se si drogasse”, ha dichiarato) o che chiama il Papa “figlio di p.” solo perché con la sua visita ha creato problemi al traffico.

Settantuno anni, vita da libertino dichiarato (“premierei gli inventori del Viagra”), una moglie ufficiale e due occasionali, un paio di figli, da sindaco ha sempre fatto lo sceriffo, andando in moto in testa a squadre anticrimine e mettendo in cima ai progetti non soluzioni economiche per un territorio in grande crisi ma la lotta alla violenza diffusa: “Il mio governo costruirà meno prigioni e più pompe funebri per i trafficanti”, ha giurato. Si professa cattolico ma ammette di non andare in chiesa. “Se rispettassi i dieci comandamenti non potrei mai fare il politico”, spiega ridendo.

A suo merito sul fronte dei diritti umani è ascritta la nomina di un vicesindaco musulmano, nonché le sue pubbliche aperture ai diritti dei gay e dei transessuali. Ma gli oppositori ricordano che per portare Davao al quinto posto tra le città più sicure del mondo, Duterte ha stretto un’alleanza anche con i guerriglieri comunisti del Sud, con l’idea di cooptare qualche ribelle perfino nel nuovo Gabinetto. E a chi pensa all’ipotesi di un golpe militare si ricordano strane alleanze.

Certamente per le Filippine si prospetta un futuro buio. Un Paese terribile anche per i giornalisti. Un morto già quest’anno, sette l’anno scorso, 150 – secondo Amnesty – dal 1986 ad oggi con soli quindici arresti. Per non parlare delle torture. Un paradiso a guardarlo da lontano, un inferno a starci dentro.

Advertisements

One comment on “Il giustiziere delle Filippine

  1. GIUSEPPE PARISI
    10 May 2016

    I Filippini hanno confini antropologici molto diversi dai nostri e fra di loro, le differenze culturali sono abissali, le mille malattie sociale occidentali si accomunano a quelle fra loro endemiche….ed un popolo impaurito deprivato culturalmente, coercito da 1000 imposizoni frustranti dove si rifugia…. nel babbo cattivo anche se è un popolo tanto dolce come molti Filippini…iniziamo a studiare, dobbiamo essere tanti Regeni che analitacamente studia piccole zone…accuratamente

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 10 May 2016 by in filippine, tribù.

Professione Reporter

2017: morti 22 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio rapito in Siria.

Aspettando i 983 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 718,909 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,432 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: