Audio: Imitazioni, la classe non è acqua

versace

Una volta, ai tempi di Noschese, era un onore essere imitati: era la consacrazione della popolarità. Saltando tutta una stagione, anzi tante stagioni di imitazioni arriviamo a Virginia Raffaele. Che è molto brava e ci azzecca. Se non ci azzeccasse non sarebbe brava. “Brava e pure bella, tacci sua” ha ironizzato Sabrina Ferilli. E poi Carla Fracci che la ringrazia. “L’ha consacrata un’icona” ha detto il marito. Ieri sera a Sanremo l’imitazione più terribile, quella della plastificata Versace. La reazione? Da vera, autentica signora: “Mi vuoi sostituire?” (vedi sopra). Ecco, come dire: la classe non è acqua. Una risposta a chi, come la Vanoni, si è offesa perchè da sempre piena di complessi (ricordo tanti anni fa un’intervista drammatica) o a chi, come una criminologa (che vordì?) non ha capito proprio niente, che appunto quell’imitazione la celebrava almeno come personaggio. Ha protestato anche prezzemolino Belen ma quella non conta, non ha neppure capito – così piena di se – che a guadagnarci è soltanto lei.

Advertisements

2 thoughts on “Audio: Imitazioni, la classe non è acqua

  1. Quando si è personaggi pubblici capita anche questo. Come ben dici, ci vuole classe anche per questo. La vanoni non l’ho mai sopportata, la criminologa…. lasciamo perdere.

  2. Vedendo le foto attuali della signora Versace, viene spontanea una domanda: cosa beve il suo chirurgo plastico, prima di sottoporla agli interventi?
    E soprattutto: cosa usa per bisturi? Un ascia?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s