La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Bulli i figli o i genitori?

Poi ci si meraviglia se i nostri figli diventano bulli. Si sono fronteggiati nell’atrio di una scuola media come fossero su un campo di battaglia, per una questione innescata da due ragazzine. È l’incredibile storia di due coppie di genitori romani che, nel tentativo di risolvere un banale litigio scoppiato tra le loro bambine, hanno dato luogo ad una rissa senza esclusione di colpi, arrivando persino a brandire un’ascia. A far scoppiare la violenta lite, nel maggio del 2008, sarebbe stata una normalissima antipatia tra compagne di corso. Una delle alunne racconta alla mamma di non voler più andare a scuola perché bersaglio di pesanti dispetti da parte di una studentessa più grande. Convinta di poter risolvere la faccenda, la donna si reca a scuola in compagnia del marito e si avvicina all’ingresso per esporre il problema alle insegnanti. Proprio nell’atrio, però, incontra la presunta bulla e sua madre, e in un attimo si accende una mischia che coinvolge le due donne e le minori. Tutta la storia

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 1 March 2014 by in violenza.

Professione Reporter

2017: morti 7 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 983 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 713,920 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,438 other followers

Questo è uno spazio virtuale pubblico, quindi ci sono alcune regole obbligatorie da rispettare. Non sono consentiti: commenti anonimi o privi di indirizzo email valido; messaggi offensivi, volgari, razzisti o sessisti; che violano le leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione).

%d bloggers like this: