La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Ucraina, la svolta (forse)

223525062-721a7bbd-ca80-48eb-b0b1-1fc20aecadc8

E’ finita come tutte le rivoluzioni. Con la folla che abbatte i simboli del potere (la statua di Lenin) e si appropria “festante” dei luoghi, generalmente fastosi, dell’ultimo che lo deteneva. E’ successo anche in Ucraina con i manifestanti, e gli stessi poliziotti, che entrano nella reggia di  quel  gigante di Viktor Fëdorovyc Janukovyc, si siedono nel salotto buono, fotografano lo zoo, i galeoni, il water d’oro, immortalano il  rovesciamento come un trofeo. Per le strade di Kiev restano i morti, tanti morti, e alcuni significativi passaggi mediatici: un cronista che muore con la telecamera accesa, un’infermiera che manda tweet in punto di morte (poi scongiurata), un suonatore di cornamusa fra le barricate, un cecchino che bacia la croce. E come in tutte le rivoluzioni c’è naturalmente anche l’eroe, anzi stavolta l’eroina: Yulia Tymoshenko , la samurai con le trecce, leader arancione e icona della protesta. Apparsa finalmente libera, sulla sedia a rotelle dopo anni di carcere. “La dittatura è finita, bisogna assicurare che i manifestanti non siano morti invano. Oggi l’intero nostro Paese può vedere il sole e il cielo.  E la dittatura è caduta non grazie ai politici e ai diplomatici, ma grazie a coloro che sono scesi in strada”.  Forse però non è affatto finita. Il presidente deposto, dal suo rifugio a Kharkov (la chiamo come in Russia, dove forse è già fuggito) non è affatto disposto a farsi da parte e grida al golpe. E affila le armi, ricordando gli undici miliardi di dollari come patrimonio della rivoluzionaria e magari anche l’intervento dei “pravi sektor”, gli ultrà di destra, che hanno scatenato tutto quel sangue a piaza Maidan. Resta il nodo politico. L’Europa è riuscita a “imporre” un accordo, fissando per fine maggio le elezioni anticipate. Ma le distanze fra blocco occidentale e mondo sovietico rischiano di spaccare in due questo Paese così grande e importante. I protagonisti di una pace vera, non di una tregua,  sono sempre loro: Obama e Putin. Pare che si siano già parlati al telefono e che siano d’accordo nella ratificazione rapida dell’accordo, impegnandosi su economia e riforme. Forse non conviene a nessuno avere quella bomba nucleare al centro del vecchio continente.        

Il passato che ritorna. Proprio a Kharkov è cominciato il nostro viaggio, più di vent’anni fa, sulle tracce dell’Armir                                                                                      

One comment on “Ucraina, la svolta (forse)

  1. Pingback: Kharkov è tornata al centro della rivoluzione ucraina, segno di una frattura antica. Ma è anche la città da dove è partito vent’anni fa il nostro viaggio sulle tracce dell’Armir (e dove forse abbiamo trovato qualche traccia di italiani) |

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 22 February 2014 by in ucraina.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,484 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: