La storia diversa di due bambine, anzi tre

094118859-917390ee-41b2-42e4-9e3f-bd66eefa94a6 20140107_yuval_nizri

Nello stesso giorno arrivano dall’estero due notizie assolutamente contrastanti. Dall’Afghanistan la storia di Spozhmay, una bambina di dieci anni salvata proprio in extremis: sorellina di un comandante talebano era stata imbottita di esplosivo, arruolata a sua insaputa nel sempre più numeroso esercito dei kamikaze minorenni. Dunque, un viso d’angelo che gli adulti avevano trasformato in un demonio, destinato a dare la morte. Da Israele invece una storia d’amore destinata alla grande speranza di pace. Tutte le bambine di queste storie così diverse sono coetanee. Da una parte Yuval, una bambina ebrea morta in un incidente stradale, e dall’altra Miran, una bambina araba che ha ricevuto il suo cuore. Dicono i vecchi saggi di Pattada, patria sarda della lama, che un coltello può tagliare il pane, dunque può dare la vita, ma naturalmente può essere usato come offesa e dare la morte. La colpa non è mai del coltello. 

Advertisements

3 thoughts on “La storia diversa di due bambine, anzi tre

  1. La colpa ovviamente è di chi usa il coltello e di come lo usa!!!
    Due storie veramente una all’estremo dell’altra, la seconda dovrebbe essere d’esempio a tanti!!
    Salluti, Patrizia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s