La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Primo bilancio di fine anno e una modesta proposta: perchè non allungarsi di sei ore evitando il bisestile?

Ai bilanci non si sfugge, un anno che finisce è sempre uno spartiacque. Cominciamo a farne qualcuno generale, prima di affrontare forse quelli personali. Dunque, a occhio credo che il 2013 che sta per andarsene non sia piaciuto a nessuno. Pensare che neppure era bisestile, ma è stato sicuramente peggiore del precedente, massacro di Monti a parte. Ora se ne riparla nel 2016, quando i giorni saranno ancora 366. Una modestissima proposta: siccome l’invenzione è nata dall’esigenza di sommare un quarto di giorno che avanza ogni anno, non si potrebbe magari allungare l’ultimo di sei ore? Il fuso orario mi ha abituato a ben altro. A parte le battute, il 2013 ci ha “regalato” (si dice sempre così) un governo nuovo e un evento assolutamente storico: la moltiplicazione dei Papi. Così la Chiesa si è evoluta, ma certo non ha sconfitto tutti gli “ismi” della nostra società malata. In cambio il mondo ha perso molti uomini importanti, non tutti amati, non tutti buoni ma tutti decisivi e in qualche maniera ci sentiamo più poveri. Non solo per un altro pezzo di gioventù che se ne è andata con loro. Ecco il lungo, doloroso elenco. Per non parlare dell’ormai “consueta” strage di reporter in giro per terre difficili (129 morti finora). 

Giuliano Gemma, Mariangela Melato, Carlo Lizzani, Peter O’ Toole (cinema) – Franca Rame (teatro) – Enzo Jannacci, Little Tony, Lou Reed, Franco Califano (musica) – Giulio Andreotti, Margaret Tatcher , Hugo Chavez (politica) – Margherita Hack, Nelson Mandela, Tom Clancy, don Andrea Gallo, generale Giap (società) – Pietro Mennea (sport) – Ottavio Missoni (moda).

2 comments on “Primo bilancio di fine anno e una modesta proposta: perchè non allungarsi di sei ore evitando il bisestile?

  1. Walter
    31 December 2013

    Si, vero. Quest’ anno ci ha lasciato tanta gente che ha fatto storia. La nostra storia. Ma prima o poi come tutti, si deve “lasciare”. Quello che si osserva, in questo momento di bilanci, è che ci hanno lasciato pure molti ideali e valori positivi. Quelli ahimè, possono essere eterni se tramandati a chi viene dopo di noi, ma durare un soffio se muoiono dentro di noi.
    Con tutto il rispetto per le persone che hai citato caro Pino, si avverte di più lo scivolare via di questi valori e ideali. Colpa di tutti noi. Speriamo si possa rimediare nel nuovo anno che sta arrivando.

  2. pinoscaccia
    31 December 2013

    Purtroppo abbiamo perso molti punti fermi. Alcuni di quelli che ci hanno lasciato erano proprio maestri dei valori.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 29 December 2013 by in capodanno, tribù.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,959 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: