La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Se fosse sempre Natale

cecil-williams-labrador-292862

Se il Babbo Natale di quest’anno ha il nome di Antonio Sasso, un operaio vicentino, che non solo ha restituito cinquemila euro trovate in un portafoglio perso, ma addirittura ha lasciato al Comune la ricompensa che gli spettava a favore dei più bisognosi, la fiaba natalizia è stata sicuramente raccontata a New York. Non solo per il gesto eroico di Orlando, un labrador che ha salvato il suo padrone cieco, Cecil Williams, nella metropolitana di Harlem ma, stavolta, per la straordinaria solidarietà che anche gli uomini – non solo gli animali –  hanno dimostrato. Il fatto è che il cane è molto vecchio e si avvia alla pensione. Cecil non se lo può più permettere e allora è stata fatta una colletta: in pochi giorni sono stati trovati 100 mila dollari. Il mondo sarebbe diverso se non succedesse solo a Natale. Sicuramente migliore.

7 comments on “Se fosse sempre Natale

  1. Irisilvi
    23 December 2013

    Che belle notizie ,dalla mia terra e dalla big apple che amo tanto.
    Buon Natale!

  2. Walter
    23 December 2013

    Già, se fosse sempre Natale. Ma non lo è sempre per cui, teniamoci strette queste notizie in vista di giorni lontani.

  3. E’ una di quelle volte che condivido Walter :)))
    (con le mie scuse ai sentimentalisti che si scatenano a natale pensando gli valga un bonus…nella compagnia d’assicurazione :)))

  4. senzanord
    24 December 2013

    Non si può fare solidarietà per professione. Questi episodi lo confermano. Ci vuole un po’ di generosità sincera, senza aspettarsi niente in cambio. Il mondo può essere migliore se mostro a mio figlio un gesto disinteressato verso un estraneo. Quasi sempre gli parlo di educazione, dovere, competizione, poco di solidarietà. E sbaglio.Buon Natale a tutti.

  5. mrm
    24 December 2013

    irisilvi, bentornata! era un pezzo che non ti vedevo passare di qui…
    :)

  6. semi-ot… nel sentimentalismo di natale ci può stare… e questo altro che lapsus freudiano!
    La frase è questa:
    “non bisogna mai smettere di sognare perché quando smetti di sognare inizi a morire”.
    niente, da non crederci, ma io continuavo a capire: ‘perchè quando smetti di sognare inizi a “guarire”‘. E l’hanno ripetuta più volte…e ogni volta la ‘sentivo’ così! capivo che c’era un controsenso, qualcosa che non andava, ma l’ho dovuta leggere su internet per capire che quello che diceva era “morire” non “guarire”! Incredibile…
    (era uno sceneggiato semplice così… sentimentalista, ma carino).
    E dire che posso perfino confermarlo…che è vera la prima: quando si smette di sognare si inizia a morire.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 23 December 2013 by in tribù.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,484 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: