La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Il valore di una testimonianza diretta: “Sono stati i ribelli, e non Assad, a usare le armi chimiche”

Finalmente Quirico è stato liberato. Finalmente per numerosi motivi. Per la sua famiglia, per il suo giornale e un po’ anche per noi, colleghi e amici che abbiamo sofferto l’angoscia dell’ennesimo rapimento di un reporter. Ma c’è anche un altro motivo molto importante per gioire della fine della disavventura poiché finalmente tutti potranno conoscere la reale situazione in Siria dal racconto di un testimone diretto. Sapete, e parlo a titolo personale, che sono sempre stato molto cauto sull’evoluzione della situazione siriana, distinguendo tra la sacrosanta rivendicazione di libertà da parte della popolazione (pagata con molto sangue) e gli inserimenti di elementi estranei e da scellerati interessi nobilitati, come succede sempre nelle guerre sporche, da motivi falsamente umanitari. Finora le informazioni sono arrivate dalle parti e spesso manipolate. La testimonianza di Quirico perciò arriva al momento giusto, anche per la sua oggettività, attestata dal passato professionale dell’inviato de “La Stampa”. Ecco perché da sempre difendiamo i testimoni, che pagano prezzi alti, per continuare ad aiutare la gente a capire, spezzando l’omologazione delle notizie sempre più diffusa. In realtà Mimmo non ha detto finora granchè. Ma sono bastate due battute appena sbarcato in Patria per intuire intanto il suo pensiero. Una fulminante: “Per cinque mesi sono stato su Marte. E ho scoperto che i marziani sono cattivi”. L’altra più riflessiva: “Ho cercato di raccontare la rivoluzione siriana, ci ho creduto, ma può essere che questa rivoluzione mi abbia tradito. Non è più la rivoluzione laica di Aleppo, è diventata un’altra cosa, dirottata in parte dalle frange dell’estremismo islamico”. Il resto lo racconterà ai magistrati e soprattutto al suo giornale, ma intanto ci ha pensato il suo compagno di prigionia – senza vincoli professionali – ad andare oltre, a spiegare l’amarezza di quella constatazione.

Pierre Piccinin, un belga di origini italiane, è un professore universitario, grande esperto della storia siriana. Con Quirico si sono conosciuti anni fa a un convegno a Torino e da allora sono stati otto volte insieme in Siria. Anche stavolta, condividendo sacrifici e paure. Piccinin ammette che le cose sono cambiate più in fretta più di quanto potesse aspettarsi: “In assenza del sostegno dell’Occidente, i movimenti rivoluzionari sono stati gradualmente sostituiti da cellule fondamentaliste islamiche, nelle quali sono confluiti anche gruppi marginali di bande criminali. Tutto è degenerato, non volevano fare la rivoluzione, ma razziare la popolazione e trarne vantaggio”. Lui e Quirico, ammette, sono state vittime di questa metamorfosi proprio mentre cercavano di capirla e di divulgarla. Poi racconta il rapimento: “Ai primi di aprile ci hanno fermato le truppe dell’esercito ribelle a Qusayr, ci hanno tenuti prigionieri nella totale segretezza per due mesi. Poi ci hanno consegnato alla brigata Abu Ammar. Gente squilibrata, più banditi che islamisti, molto violenti, molto anti-occidentali e molto anti-cristiani. Quando l’assedio è diventato troppo duro hanno tentato una sortita, riuscendo ad attraversare le linee governative e ci hanno portato con loro. Gli ultimi giorni sono stati durissimi, eravamo chiusi in una cantina piena di scarafaggi. Poi è cominciata una lunga odissea attraverso il Paese, a marce forzate. Fino a che siamo stati consegnati a un gruppo che lavora per al Faruk, nel nord di Damasco, e poi di nuovo a est, vicino alla frontiera turca. Ormai avevamo perso ogni riferimento”.  Poi qualche parola sui “marziani”. Racconta ancora Piccinin: “All’inizio sono stati corretti, poi le cose sono peggiorate. Ci trattavano come occidentali, cristiani, con grande disprezzo. Per giorni non ci hanno dato da mangiare. Abbiamo subito torture, umiliazioni, bullismo, finte esecuzioni. Per due volte hanno puntato la pistola alla tempia di Domenico, sparando a vuoto. Abbiamo tentato di scappare due volte. Una volta abbiamo approfittato del momento della preghiera, ci siamo impadroniti di due kalashnikov, abbiamo vagato per le campagne prima di essere ripresi. Siamo stati puniti molto severamente, picchiati”.

Alla fine, la denuncia che ha un grande sapore politico in questo momento: “E’ un dovere morale dirlo – afferma Piccinin -. Non è il governo di Assad ad aver utilizzato i gas nella periferia di Damasco. Ma sono stati i ribelli. Ne siamo certi perché lo abbiamo sentito in una conversazione. Mi costa difficile ammetterlo perché dal maggio dell’anno scorso sostengo con decisione l’esercito libero siriano nella sua giusta lotta per la democrazia. Per il momento però per una questione di etica, sia io che Domenico siamo determinati a non fare uscire i dettagli di questa informazione. Quando lui deciderà di parlarne sul suo giornale, io farò altrettanto in Belgio. So soltanto che quando il 30 agosto abbiamo appreso l’intenzione degli Stati Uniti di agire attribuendo la responsabilità delle armi chimiche al regime, avevamo la testa in fiamme. Perché eravamo prigionieri laggiù e non potevamo urlare al mondo questa verità”. Anche perché – come ricorda il collega Ennio Remondino che come me ricorda bene altri villaggi come campi di battaglia, con la popolazione inerme destinata al massacro – nessun missile lanciato da lontano può essere così intelligente da distinguere fra buoni e cattivi”. Specie in questa Siria sempre più piena di cattivi.

Quirico fa marcia indietro, o forse no. “Un giorno però – ha raccontato – dalla stanza in cui venivamo tenuti prigionieri, attraverso una porta socchiusa, abbiamo ascoltato una conversazione in inglese via Skype che ha avuto per protagoniste tre persone di cui non conosco i nomi. Uno si era presentato a noi in precedenza come un generale dell’Esercito di liberazione siriano. Un secondo, che era con lui, era una persona che non avevo mai visto. Anche del terzo, collegato via Skype, non sappiamo nulla. In questa conversazione – prosegue la ricostruzione di Quirico – dicevano che l’operazione del gas nei due quartieri di Damasco era stata fatta dai ribelli come provocazione, per indurre l’Occidente a intervenire militarmente. E che secondo loro il numero dei morti era esagerato”.  La Stampa

8 comments on “Il valore di una testimonianza diretta: “Sono stati i ribelli, e non Assad, a usare le armi chimiche”

  1. Pingback: Due false esecuzioni come tortura | Professione Reporter

  2. Pinù Ballini
    9 September 2013

    penso sia una notizia sconvolgente che sottolinea l’importanza degli inviati…quello che vedono gli occhi e sentono le orecchie non è una notizia che arriva e della quale dobbiamo fidarci…e la prigionia avvenuta in modo violento dimostra che dietro c’è qualcosa di anomalo…

  3. Monique
    9 September 2013

    Speriamo che alla testimonianza diretta sia davvero riconosciuto il suo valore.

  4. senzanord
    9 September 2013

    E gli Stati Uniti sono disposti a fare il gioco dei terroristi, capaci di farsi esplodere su un aereo americano, pur rovesciare il governo siriano! Che cosa è rimasto di quel grande paese che liberò il mondo dal nazismo?

  5. Già!…
    e non è rimasto più niente di nessun paese… il cui errore è di considerali ancora liberi… saranno le basi del cosiddetto nuovo governo mondiale. Mi chiedo solo come faranno con la pioggia radioattiva (non “gli americani”…), davvero questo pure proprio non riesco a capirlo. Avranno mica in mente di trasferirsi sulla luna e telecomandare un pianeta morto?

  6. GiorgiusGam
    5 November 2013

    Il Diario Siriano di Enea Discepoli: combattere senza armi

    Il fotografo senigalliese racconta la sua esperienza in prima linea con i ‘media-attivisti’…

    MORE: http://bit.ly/1ape0os

  7. Ale
    5 January 2014

    I “ribelli” nella realtà sono MERCENARI terroristi al soldo Nato Israele Qatar Arabia Saudita! In TV vi hanno mostrato persino SET CINEMATOGRAFICI come quello costruito a Tripoli!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 9 September 2013 by in siria.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,836 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: