La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Ormai in Egitto è un inferno

180537508-8c6c95f2-7606-438d-ab71-47a25cb5ee03

Un’altra giornata di guerra e un bilancio sempre più pesante. Secondo l’ultimo bollettino del governo le vittime in questi due giorni di fuoco sfiorano la cifra di 700, per i Fratelli Musulmani si arriva addirittura a 4500 morti. Certamente lo scontro rischia addirittura di appesantirsi con i manifestanti pro Morsi che hanno attaccato numerose sedi pubbliche e l’esercito che ha licenza di sparare sulla folla. L’Egitto si sta insanguinando dalla sfida micidiale fra il generale Abdulfattah al Sisi e Gehad el Haddad, portavoce dell’opposizione appoggiato alle spalle dichiaratamente dalla corrente jihadista salafita: o stesso Mohames Al Zawahiri, fratello del leader di al Qaeda, ha appoggiato apertamente la rivolta, invitando a combattere “in nome di Allah”. Nessuno vuole cedere e il Paese sta finendo in rovina con i cadaveri che ormai sono raccolti dappertutto, anche nelle moschee, e con ventidue chiese copte assaltate. Non è più un fatto politico ma è ormai diventata una “guerra santa”. Il teatro principale degli scontri è piazza Rabaa, al Cairo, ma ormai tutto il Paese è una polveriera. La protesta dei Fratelli Musulmani è sicuramente violentissima, ma certo – come ha detto il ministro degli esteri italiano Emma Bonino – la repressione dei militari che sostengono il governo si sta rivelando “brutale, sproporzionata e ingiustificabile”. Un brutto segnale oltretutto è arrivato dalle dimissioni del premio Nobel El Baradei al quale erano state affidate le speranze di mediazione. Il presidente americano Obama si è dichiarato molto preoccupato e in questa fase ha deciso di interrompere la collaborazione militare. Intanto, si è riunito d’urgenza il consiglio di sicurezza dell’Onu. 1157513_10151776976230238_1426162468_nNon mancano naturalmente le vittime fra gli operatori dell’informazione. Dopo la morte di un cameraman di Sky News, l’americano Mick Deane, 62 anni, e di una giovane reporter di Xpress, del gruppo emiratino Gulf news, Habiba Ahmed Abd Elaziz, 26 anni, oggi si è avuta notizia di altri due morti: il reporter egiziano Ahmed Abdel Gawad, che scriveva per il quotidiano di Stato egiziano Al Akhbar e di Mosaab el Shami, fotografo del sito Rasd. Lo ha denunciato il segretario del sindacato dei giornalisti egiziani, Gamal Abdel Rehim, alla Tv di Stato, chiedendo l’apertura di una inchiesta. Ha inoltre parlato di numerosi altri feriti, soprattutto fotografi, colpiti negli scontri al Cairo mentre seguivano i violenti sgomberi dei sit-in pro Morsi vicino alla moschea di Rabaa Al-Adawiya e in piazza Mostafa Mahmoud. Da quando è scoppiata la rivolta sono nove i giornalisti morti in Egitto.

MORTI ANCHE QUATTRO GIORNALISTI NEGLI SCONTRI AL CAIRO

Il fallimento della “primavera araba”

9 comments on “Ormai in Egitto è un inferno

  1. paolo dinucci
    15 August 2013

    anticipazioni di quello che un giorno accadrà in italia francia germania ecc.

    • pinoscaccia
      15 August 2013

      in italia non c’è al qaeda e l’esercito non spara sulla folla

      • GiorgiusGam
        16 August 2013

        Siamo la prima sponda europea nel Mediterraneo e nell’Adriatico, un paese (il nostro) dove passa di tutto, su terra e mare, in primis “armi” – Se L’Europa non supera il (ancora forse) prossimo autunno nero finanziario (Cina), avremo grossi problemi di ordine pubblico (sempre ancora forse, inizio 2014).

  2. luciogialloreti
    16 August 2013

    Altro che “primavera”!

  3. GiorgiusGam
    17 August 2013
  4. senzanord
    19 August 2013

    Qualcuno, chiaramente, sta dietro alla decisione dell’esercito egiziano di destituire Morsi, ormai divenuto infedele all’Occidente. Ma la situazione sembra sfuggita di mano, troppi morti…guerra civile, anzi no. Nessuna agenzia usa queste parole. Si parla di manifestanti, pro e contro. Quanta gente dovrà ancora morire perché si possa parlare liberamente di guerra civile? Chi ha dato l’input si è defilato velocemente. Dove sono i paladini dei diritti umanitari? E gli esportatori di democrazia? Nessuno all’orizzonte. E’ l’ennesimo fronte della solita guerra santa.

    • pinoscaccia
      19 August 2013

      diciamo che è stato un errore appoggiare morsi visto che stava con i fratelli musulmani

  5. Dopo aver ormai capito perchè Terzani diceva che il nuovo comunismo è l’islam, ecco questi altri:
    “le idee importate dall’occidente mettono a rischio la società cinese”
    no, sono i diritti conquistati e quel miraggio di democrazia che sono a stra-rischio, cinesini…

    http://www.repubblica.it/esteri/2013/08/20/news/cina_idee_occidentali_minacciano-65031041/?ref=HRER2-1

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 15 August 2013 by in egitto.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,457 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: