La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Le donne come bersaglio

Siamo proprio alla follia. Due giovani a bordo di una Smart di colore scuro hanno seminato il panico in via Palmiro Togliatti, a Roma, la notte scorsa intorno a mezzanotte sparando contro le auto in transito e in sosta. E il “tiro a segno” aveva preso di mira le donne. Nessuna di loro è rimasta ferita ma in totale i due hanno esploso almeno tre colpi, di cui due verso vetture guidate da donne che percorrevano la Togliatti da Cinecittà verso via Casilina. La prima auto colpita è una Nissan Micra su cui viaggiava una quarantenne. Uno dei due uomini sulla Smart ha puntato la pistola contro il finestrino posteriore sinistro e ha aperto il fuoco infrangendolo. Poco dopo è stata la volta di un’Audi A3 di cui è stato colpito il cofano anteriore. Alla guida sempre una donna, di 23 anni. Le due donne, in stato di choc, hanno sporto denuncia agli agenti del commissariato Romanina. I due sulla Smart si sono rivolti infine contro un’auto in sosta, una Toyota Aygo, poi risultata di proprietà di una donna, la terza, di cui hanno infranto entrambi i vetri anteriori. Le telecamere degli autovelox hanno ripreso la corsa dell’auto a forte velocità e sono al vaglio degli inquirenti le immagini. Sul posto è intervenuta anche la polizia scientifica per i rilievi. I due sono ricercati. Secondo alcuni testimoni a sparare sono state due persone con la pelle olivastra, ma nessuno è riuscito a rilevare integralmente il numero di targa dell’auto. Le donne, invece, non avevano alcuna relazione tra loro e viaggiavano da sole. Secondo gli investigatori potrebbe trattarsi di un gesto di qualche squilibrato ma la polizia non esclude però che i responsabili possano essere anche persone sotto l’effetto di droga. La notizia

4 comments on “Le donne come bersaglio

  1. “A noi donne il voto non serve a nulla, pensai. Dovremmo armarci”.

    Se non credessi al karma…. lo farei.

  2. ceglieterrestre
    19 May 2013

    Gabbià ciavevi raggione bazzicà li folletti delle vorte ce se arimette. Vabbè ho arisorto anzi m’è venuta l’ispirazzione e ho fatto er poste. Pe la storiaccia de sopra nun me faccio più meravija de ste sparatorie pe fortuna che nun ce so feriti e morti. Me dispiace che nun ce so ancora notizzie bone pe er giornalista.

  3. Walter
    19 May 2013

    E’ poco probabile l’ intenzione di accanirsi solo contro delle vittime donne, perché è poco probabile che sapessero della proprietà femminile della terza vettura in sosta colpita dai proiettili.
    Forse erano, anzi sono, solo dei pericolosi balordi.

  4. Visto????????????
    penso soprattutto a Monti e Fornero…….. con tutto quello che hanno fatto.
    ecco come crollano i paesi, grecia per prima.
    e la Gabanelli da quel dì che aveva fatto quel servizio sui sicari degli stati.
    ecco:

    http://www.corriere.it/politica/13_maggio_19/grasso-tangenti-multinazionali-lobby_6501d0f6-c0a0-11e2-9979-2bdfd7767391.shtml

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 19 May 2013 by in femminicidio.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,484 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: