La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Troll, schizzi di fango e il grande flop

482190_3931188298319_1696895965_n

Quasi in contemporanea due dei principali rivoluzionari (a parole) d’Italia hanno scoperto il dissenso. E hanno reagito  con l’abituale eleganza. Prima Travaglio: “Mi sa che c’è tanta merda su Facebook”. Gli ha fatto eco Grillo: “Il blog è stato ricoperto da schizzi di merda“. La cosa addirittura divertente è che sono stati proprio lor signori a esaltare questo stile che in maniera più educata abbiamo sempre definito “fango”. Fango sugli avversari, fango su chi non la pensa come loro, fango su tutto e su tutti. Ora che ne ricevono un pò in cambio si meravigliano e si adombrano. Lasciamo perdere Travaglio che si è inventato un mestiere, prendiamo Grillo che sugli insulti ha costruito addirittura una fortuna. Anche perchè la questione ha valenza politica e ha un senso parlarne. 

Intanto chiariamo subito la questione più importante: Grillo dovrebbe essere contento dei commenti perchè ad ogni accesso sul blog guadagna. E tanto: si calcola dai cinque ai dieci milioni di euro l’anno (stima Sole24Ore). Dice che sono pagati dai nemici? In ogni caso non dovrebbe lamentarsi: gli vanno comunque in tasca. Il problema poi non è nella moderazione, ma nella censura di tutto il dissenso. Taglia chi lo contesta (2250 in un solo giorno) e non frasi razziste indecenti. C’è qualcosa che non funziona nel controllo oppure hanno ragione gli ebrei a prendersela con lui. La realtà è che la Rete che è stata la sua forza si sta rivoltando contro. Elenco a caso alcuni commenti colti sui social network. Sicuramente gratis.

Federico Marini Ma è vero che per “insultare” e “spammare” sul blog di Grillo si viene pagati? Sul serio? E quanto pagano?

Martine Frey non sono pagata da nessuno!! Ma…Grillo (il nome la racconta lungo…) non lo sopporto proprio!

Mario Adinolfi Il sistema reagirà contro il movimento rivoluzionario e gli schizzi di fango sono il minimo. Lamentarsi è puerile quando si è in guerra. Se si è in guerra.

Carlo Giubitosa E quindi, cosi’ come non mi convince la fotografia dei media che dipingono un movimento in guerra perenne, sempre segnato da sollevazioni, proteste, dissidi e dissidenti, non mi risulta troppo convincente nemmeno il quadretto del “va tutto bene, tutti gli “interni” sono contenti e non hanno nulla da ridire, e le uniche critiche sono quelle fatte in malafede dagli “esterni” pilotati da chi vuole distruggerci”.

Barbara Palombelli Rutelli Ora Beppe grillo si accorge che nel web circola monnezza… Benvenuto fra noi!!! Meglio tardi che mai!

Emilio Fabio Torsello Avete fatto caso? Travaglio e Grillo hanno scoperto il dissenso nei commenti. Ed entrambi hanno reagito a suon di insulti. Strana gente.

Per non parlare di Battiato che dice: “Beppe, stai esagerando”. 

La realtà è che alla prova dei fatti, il movimento (che pure tanti meriti ha avuto nello smuovere le acque) sta letteralmente franando. Intanto svelando i limiti del progetto politico e la mediocrità dei rappresentanti più esposti: Pizzarotti che non sa neanche dove sta Kabul, Crimi che fa una gaffe dopo l’altra, la Lombardi che neanche conosce l’italiano, i cittadini eletti che non riescono a reggere il clima “francescano” e si adeguano subito alle sirene della casta. Gli unici troll che scopro nelle mie pagine sono proprio grillini: si distinguono subito per la violenza verbale e addirittura le minacce. Nessuno di quelli che mi segue è pagato da chicchesia, potete testimoniare, ma nel mio piccolo osservatorio noto che ad ogni post contro Grillo ricevo centinaia e centinaia di apprezzamenti. Sono gli anticorpi della Rete. 

L’ultima trovata del finto profeta è di stamattina. Si appella ai suoi talebani: «Da oggi è possibile per gli autorizzati segnalare i commenti dei troll o degli utenti che contravvengono alle regole del blog. Partecipate numerosi!». Una volta trovati che fa, gli spara? Forse è per questo che vuole la presidenza del Copasir…

Siamo seri. L’altro giorno Dagospia, il sito che ha sempre accolto con simpatia il movimento, buttava giù questa analisi che mi sento di condividere in pieno.

I grillini rischiano di essere il più grande flop della storia repubblicana, dopo aver suscitato enormi speranze in un quarto degli italiani che fra protesta e bisogno si sono rivolti a loro con il voto per determinare un cambiamento reale portando a casa risultati concreti, tangibili ed immediatamente apprezzabili. Invece con questo inspiegabile arroccamento dal sapore aventiniano stanno seriamente rischiando l’irrilevanza. E già se ne vedono i primi forti sintomi, se neppure il blocco della Tav può rappresentare un buon motivo per far cominciare il cammino di un governo con la prospettiva di portare a casa diversi punti del loro programma, a cominciare dall’abolizione dell’Imu. Allora vuol dire che siamo di fronte ad una pochezza politica allarmante di cui anche i loro sostenitori presto chiederanno conto a Grillo, Casaleggio, Crimi, Lombardi e portasilenzi vari e avariati. 

56 comments on “Troll, schizzi di fango e il grande flop

  1. marisamoles
    25 March 2013

    Condivido anch’io, in pieno.

    Non sapevo che si potessero guadagnare quelle cifre con un blog. Non sono mai passata da Grillo ma credo che sia per via della pubblicità. Che dici, li darà in beneficenza? :roll:

  2. marisamoles
    25 March 2013

    Acc … hai messo anche tu la moderazione, Pino? E’ per via dei grillini?

  3. madamepina
    25 March 2013

    ma pensa .. non lo sapevo. non sono mai stata sul blog di Grillo e neanche sulla pagina

    • pinoscaccia
      25 March 2013

      Spiego le cifre.

      In sintesi, più il M5s va bene, più utenti accedono al sito e più il volume affari di Beppe Grillo s’impenna. La prova? Le ultime elezioni. Nei mesi della campagna elettorale, il sito-blog beppepgrillo.it ha registrato dai dati clamorosi: +82% di accessi al sito e, ancor impressionante, +96% di pagine viste. Quotidianamente, il sito registra un numero di pagine viste di 1,5 milioni e 175 mila utenti, per un ricavo annuo – stima Il Sole 24 Ore – tra i 5 e 10 milioni di euro. Tutto trasparente, per carità, almeno fino a quando Grillo era solamente un comico. Ora è un politico e la cosa inizia a puzzare di conflitto d’interesse, seppur 2.0.

  4. Rita Pani
    25 March 2013

    :-D Aridateme borghezio :-D

  5. Saamaya
    25 March 2013

    Sono stati generati nuovi mostri e si è perso il telecomando della decenza

  6. Walter
    25 March 2013

    Si decurtano la diaria? tutti li devono ritornare i soldi questi fannulloni a 5 stelle.
    http://www.giornalettismo.com/archives/833481/m5s-17-di-senatori-0-di-proposte/

  7. anataua
    25 March 2013

    Pino sono d’accordo su tutto, unico spunto di riflessione: il conflitto di interessi per B sono stati la legge mammì e tutte le successive legislazioni pro domo sua. Per Grillo ancora nn mi è chiaro come si possa sviluppare. Certamente ha un conflitto di interessi etico/politico nei confronti dei suoi …stavo per dire adepti, meglio followers.Diciamo che il suo essere a capo di questo movimento dati i lauti guadagni del Blog non può essere non essere disinteressato.

    • pinoscaccia
      25 March 2013

      Infatti c’è anche il problema editoriale.

      Il conflitto d’interessi di Beppe – Se lo avesse fatto, ne avrebbe trovato uno di un certa rilevanza, di conflitto d’interessi: il suo, quello del suo blog, beppegrillo.it. Infatti, Grillo è, al contempo, leader del M5s, proprietario del marchio del movimento e, soprattutto, insieme a Gianroberto Casaleggio – che cura il sito della casa editrice Chiare Lettere, azionista de Il Fatto – gestore del sito beppegrillo.it, che guadagna, e anche molto bene, con la pubblicità online. Funziona così: tu clicchi sul sito, magari per informarti sulla linea politica del movimento, gli accessi aumentano e così gli introiti pubblicitari, calcolati, appunto, sul numero di accessi. Anche quelli che Beppe definsice “schizzi di merda digitale”.

      • Sherpa
        26 March 2013

        Ma vedi che tutto internet funziona così. non stai dicendo nulla di nuovo e non trovo nulla di strano.

        la pubblicità che hai su questo blog non ti frutta dei soldi? I commenti che lasciamo non sono dei “click” sulla tua pagina?

        Con il successo che ha avuto M5S mi pare strano che abbia avuto solo un aumento del 80%-90% … forse perchè molta gente non ha neanche visitato il blog di grillo o se l’ha fatto non l’ha fatto in maniera “costante” (175k utenti sono niente in confronto ai quasi 9 milioni di elettori), probabilmente perchè alla gente non interessa grillo ma la speranza di vedere delle persone “normali” in parlamento, cosa che finalmente ha avuto, chi sa se riusciranno a fare qualcosa di serio.

        • pinoscaccia
          26 March 2013

          Ma che cazzo dici? Vaneggi? Dove sta la pubblicità su questo blog?
          Non ci guadagno un euro.
          La discussione è proprio sulla mediocrità (purtroppo) delle persone normali.

          • Sherpa
            26 March 2013

            c’era una bellissima pubblicità sulla footlocker con linkato un video subito sotto il tuo post. Ora non compare più .. avrò avuto delle allucinazioni ;)

            Ad ogni modo non volevo irritare la tua sensibilità. Magari tu non ci guadagni da questo blog, ma tutto il giro di blog/siti/social funziona come hai descritto poco sopra.

            Ancora non vedo cosa ci sia di sbagliato.

          • pinoscaccia
            26 March 2013

            Sì, hai avuto un’allucinazione.
            Di sbagliato è diventare ricco facendo il rivoluzionario.

  8. megliogioventu
    25 March 2013

    Si è passati dal telecomando alla tastiera, evoluzione della presa per il culo! Grillo sta facendo una pessima figura, ogni giorno di più.
    Io mi sento un anticorpo della rete come tanti!

  9. Piero
    25 March 2013

    Caro Pino, gli schizzi di merda rimangono pur sempre …merda!
    Non diventerà mai cioccolata!
    Evidentemente fare il merdaiolo… conviene a Grillo!!!

  10. Magari si è adeguato al livello che sennò tutti gli altri da soli stonavano…e comunque meglio riempirsi la pancia con un clic che creando danni ai cittadini.pure moraleggiando…(suor barbara docet)
    (ma non sono una grillina, neanche vado sul suo blog…mi servirebbe la qualità della pazienza).

  11. E’ noto quanto io sia contro populismi e tutti gli ismi (e per il VERO significato del termine sarebbe meglio cominciare a consultare un dizionario); non starò neanche a ripetere quanto la gente è giustamente incazzata per ben altre manipolazioni, ma ancora mi chiedo: Bersani che voleva allearsi con Monti invece non indigna nessuno?!

  12. stasera a Piazza pulita c’erano ex operai che dormivano per strada e un sindaco in mutande e con la fascia. Vi sembra giusto che in una simile situazione c’è gente che si guarda l’ombelico brandendo un apriscatole?

    • …aspetta e spera che il lavoro lo ritrovano con Bersani invece, e ulteriori tasse a imprenditori e imprese, i “ricchi” da affondare….
      Lui l’ombelico non se lo guarda per niente proprio, bramoso di quella poltrona per la quale ci venderebbe pure ai tecnocrati (ah cara vecchia ideologia… “stai male anche tu che rode meno all’invidia mia”…)

  13. ceglieterrestre
    26 March 2013

    :( mica lo so che devo scrive :(

  14. Bravooooooooooooooo :)))))

    http://www.corriere.it/esteri/13_marzo_25/italia-germania-andre-rizzello-rinuncia-passaporto-tedesco-offese-steinbruck_ec41daa8-954d-11e2-84c1-f94cc40dd56b.shtml

    Steinbrück farebbe meglio ad occuparsi dei propri clown: prestiti di 700 miliardi (?) i tedeschi se li devono pagare….non pretendere l’elemosina dall’Italia! (e dal resto dell’Europa) ;)))

  15. ceglieterrestre
    26 March 2013

    Gabbià… mo so du vorte che me leggo sto pezzo e puro a mente fresca ciò l’idee confuse. Glieri credevo che era corpa de l’ora, ma mo dopo che ho dormito me dispiace mica lo so che devo scrive.
    Vabbè bona giornata a tutti l’amichi der brogghe.

    • ;))) Cara Ceglie mi fai tenerezza ;))) è un manicomio! naturale non saper che dire :)))
      risollevaci il morale con la cara vecchia roma e er cupolone..:)) o i ricordi dei fasti della Dolce Vita… prima della calata dei barbari. Se penso che eravamo la patria della dolce vita… e ora tutto è volgarità e barbarie… ma come abbiamo fatto a ridurci così??!

  16. ceglieterrestre
    26 March 2013

    Er panno

    Er sole è calato su la tera
    e cià messo ‘n panno sopra l’occhi.
    Me sa che se nun ce svejamo
    e ce damo ‘na mossa
    sto panno ce resta fino che
    la luce pe sempre se smorza.

    franca bassi

    Cara Sissi, me piacerebbe scrive un po’ de parole luminose, pe ricordà’ li tempi belli. Ma su sta tera nun semo mai contenti. Quanto stavamo bene ce lagnavamo, mo stamo come stamo e fiottamo. Se continuamo a nun levacce sto panno da l’occhi er domani sarà piu’pèggio.
    Oggi vado ar marozzo de Ostia, ciè ‘n dottore de li denti che m’aspetta. Quanno ho finito de fa la pulizzia, se me sento, te faccio fa du risarelle. Un abbraccico ;) ciao

    • Twiggy (la rivoluzione estetica)
      26 March 2013

      ahahahh dolce!! ;))) me le hai già fatte fare du risarelle ;))
      “ma su sta tera nun semo mai contenti” :)))
      A dopo allora (io dopo il dentista già mi sento eroica! ad aver rispettato l’impegno ;))

      OT – si è dimesso Terzi! e menomale…..

  17. Siete patetici… Pino (detto ironicamente) un po’ troppo spocchioso…

    In tutti questi anni, l’informazione non ha mai, dico mai posto la minima attenzione ai contenuti del Blog di Beppe grillo, sin dai tempi (2005) dei Meetup.

    Mai un solo rigo o notizia sul modo di pensare a un nuovo modello di convivenza, la denuncia puntuale dell’affarismo, corruzione, illegalità, abuso e mette in discussione il rapporto tra ecologia, cittadinanza globale ed emancipazione degli ultimi, cioè: la politica al servizio della comunità, con proposte e iniziative provenienti direttamente dal basso, dai cittadini stessi accomunati da ideali corrispondenti alle cinque stelle del movimento: acqua pubblica, trasporti, sviluppo, connettività e ambiente.

    Il MoVimento 5 Stelle potrà anche essere composto da dilettanti volonterosi e rappresentare incertezza, molto meglio della certezza dei professionisti della politica, quelli di razza, quelli esperti e navigati, quelli della carriera che hanno trascinato l’Italia nella melma attuale.

    E qui pongo un interrogativo: con quale coraggio il M5S può fare accordi con i responsabili dello sfascio attuale?

    L’Italia della disoccupazione, delle tasse più alte del mondo, della recessione, della distruzione del territorio, della corruzione (nel nostro paese crescere e si espande come un carcinoma, sono dieci miliardi di euro, in termini di prodotto interno lordo, dati Eurobarometer 2011).

    Un Paese in cui ai gravi disagi si accompagnano i pericoli incombenti di deterioramento economico e sociale, di un venir meno persino della possibilità di funzionare dell’apparato dello stato in ogni suo settore.

    C’è bisogno che arrivi un segnale diverso, una discontinuità con proposte capaci di rivitalizzare il Paese, di generare il fermento di nuove idee, con l’unica arma a disposizione del cittadino: la partecipazione dal basso alla vita politica, riprendere quello che ci è stato tolto: il potere sovrano dei cittadini per affrontare il futuro!!!!

    E’ la forza delle grandi idee che muove la storia, il MoVimento è umile e realistico, ma allo stesso tempo ambizioso e incoraggiante: trasparenza, moralità, solidarietà, efficienza, vicinanza alle persone…

    PROGRAMMA DEL MOVIMENTO:

    – Reddito di cittadinanza / revisione pensioni d’oro
    – Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa
    – Legge anticorruzione
    – Informatizzazione e semplificazione dello Stato
    – Abolizione dei contributi pubblici ai partiti
    – Istituzione di un “politometro” per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni
    – Referendum propositivo e senza quorum
    – Referendum sulla permanenza nell’euro
    – Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese
    – Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti
    – Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato
    – Massimo di due mandati elettivi
    – Legge sul conflitto di interessi
    – Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica
    – Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali
    – Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza
    – Abolizione dell’IMU sulla prima casa
    – Non pignorabilità della prima casa
    – Eliminazione delle province
    – Abolizione di Equitalia
    -No Tav
    -No bombardieri f35
    -Ritiro truppe guerra in Afghanistan

    • pinoscaccia
      26 March 2013

      Vedi? Tu sei un troll. Ma io non sono come Grillo: non censuro, Questo benedetto programma lo abbiamo letto mille volte: belle parole, un pò troppo pretenziose, non ci ammorbare con le parole, ne abbiamo sentite fin troppo. Il fatto è che dopo il successo elettorale state a capire che si fa, siete capaci solo di chiedere posti e bloccate l’Italia. Avete fatto macerie e continuate a giocare con l’apriscatole. Intanto sono pronti più di 600 disegni di legge, ma del movimento neppure uno. Grillo continua a tiranneggiare ed esce fuori la sua vera natura che poi è il senso del post.

    • Walter
      26 March 2013

      Patetici siete voi che sventolate questo programma (ridicolo, almeno per chi lo ha letto integralmente), ma non avete fatto una sola proposta di legge da quando siete in Parlamento, né del vostro né di altri programmi. Andate a casa, nella vostra setta a insultarvi e minacciarvi tra voi, che di chiacchiere e tabacchiere di legno il popolo è stufo.

  18. Il mio pensiero da Piemontese sulla TAV..

    La TAV è una priorità?
    E’ un’opera utile in questo momento di austerità dove la crisi lacrime e sangue entra nella carne viva delle famiglie e togliere pure i livelli essenziali di assistenza?

    Congelare/fermare il cantiere, significa far risparmiare un fiume di soldi che potrà essere dislocato su altre vere priorità del Paese.

    Se i lavori del buco vanno avanti, un eventuale ritorno di PIL (e forse anche no) ci sarà solo fra 20 anni, molto meglio utilizzare le risorse oggi per affrontare concretamente economia e lavoro!!!

  19. Twiggy (la rivoluzione estetica)
    26 March 2013

    Beh sentite a me quel programma piace proprio… poi non so che progetti ha se ne ha per metterlo in atto e se glielo permettono…appunto, ma mi dici perchè tanta gente continua a preferire i vecchi partiti??
    al di là dei modi di Grillo che non piacciono nemmeno a me, ma in estreme situazioni come questa… si possono anche capire…no?

    • pinoscaccia
      26 March 2013

      no, non si possono capire
      quelle sono soltanto parole, sui fatti sta franando

      • Twiggy (la rivoluzione estetica)
        26 March 2013

        ma perchè sui fatti sta franando? forse perchè gli altri politici cercano di imbonirlo ma non ce n’è uno che accetti i suoi disegni? del resto se gli interessava farlo…neanche saremmo ridotti così, questo è certo.

        • pinoscaccia
          26 March 2013

          non hanno fatto un solo atto concreto

          • Twiggy (la rivoluzione estetica)
            26 March 2013

            beh quando…stanotte?!
            per me è che gli servirebbe l’appoggio di gente (politici) in buonafede…se ce ne fosse. Invece gli altri che fanno a parte chiacchierare o proporre imbarazzanti alleanze pur di tornare in campo? La levano l’Imu? cambiano le regole rendendo la prima casa non pignorabile? più tutto il resto.

          • pinoscaccia
            26 March 2013

            se non c’è un governo, non si può fare niente

  20. ceglieterrestre
    26 March 2013

    Regà oggi er dottore è stato bravo!
    nemmanco un po’ de dolore ho sentito.
    Però mo che ho letto sti commenti
    me fanno male tutti li denti.
    ;)

  21. Walter
    26 March 2013

    Triste immagine della Seconda Repubblica:

    Meno male che ci sono i grillini che gli alitano sul collo, si come no:

    • ..mi piace il programma non i grillini.. ;)))
      di più, fondiamo un partito una religione di più di più!! ;)) (Jim Morrison)
      in questo senso, come una ventata di ’68… (senza le bombe eh) diciamo più come negli Stati Uniti… beh mi piacerebbe, ci sto pure io…anzi: rinasco. :)))
      QUANTO mi piacerebbe.

  22. Condivido il tutto ,caro Pino , e sarebbe ora che si usasse un linguaggio che forse non è più nemmeno in voga nelle caserme! Perdona l’ignoranza : ma i troll che sono??

    • pinoscaccia
      27 March 2013

      per spiegartelo dovrei proprio usare un linguaggio da caserma: sono i rompic….

  23. ceglieterrestre
    27 March 2013

    Finarmente! mo pur’io so chi so sti trolli.
    ;)
    Accosto a la casa de pietra, ce sta un trollissimo. Speramo che quarcheduno je fa capì che su sta tera semo tutti de passaggio e se continua a fa er trollissimo je se gonfia er fédico.

  24. ceglieterrestre
    27 March 2013

    Ministro (Trilussa)

    Se sa: l’omo politico italiano
    procura d’annà appresso a la corrente;
    si lui nun ciriolava, certamente,
    mica finiva cor potere in mano!

    Perché da socialista intransiggente
    un giorno diventò repubbricano,
    poi dopo radicale e, piano piano,
    sortì dar gruppo e fece er dissidente.

    Adesso? E’ ricevuto ar Quirinale!
    E, siccome è Ministro, nun te nego
    che sia ‘na conseguenza naturale:

    ……………………………………………

    Ciriolava= non si barcamenava

  25. Twiggy (la rivoluzione estetica)
    27 March 2013

    Mi piace tanto questa… ;)))

    Mentre me leggo er solito giornale
    spaparacchiato all’ombra d’un pajaro,
    vedo un porco e je dico: – Addio, majale!
    vedo un ciuccio e je dico: – Addio, somaro!
    Forse ‘ste bestie nun me capiranno,
    ma provo armeno la soddisfazzione
    de poté dì le cose come stanno
    senza paura de finì in priggione.

  26. ceglieterrestre
    27 March 2013

    Ciao Sissi, quanno me cala la tristezza, lo leggo e me torna er soriso. Jeramattina er dottore de li denti nun ma fatto male. Oggi quanno er dottore de l’occhi ma dato la sentenzia me so intristita. Me passerà, me ce serve ‘n po te tempo pe mannà giù er rospo.

  27. ceglieterrestre
    28 March 2013

    Grazzie Sissi, nun so l’acciacchi de l’età. L’anni nun me disturbano anzi me sento ‘na cratura ma…” L’ospite inopportuno” rompe e nun perdona! io continuo a lotta’ anche se ce vedo bene er glaucoma nun m’avvisa quanno me stacca la corente.. Pemmo devo cerca’ de acchiappa’ più immaggini che posso e me faccio ‘na scorta pe doppo. ‘N grosso abbraccico a tutti l’amichi der brogghe

  28. senzanord
    31 March 2013

    Distruggere senza capire non è lecito: qualcuno mi sa dire se il Muos, una stazione di atterraggio di segnale satellitare militare, è veramente nociva? Quanti del M5S, che in Sicilia hanno bloccato la Stazione americana, capiscono di rilievi NIR (radiazioni non ionizzanti)? Quanti di loro conoscono le stazioni radio/radar italiane sparse sull’intero territorio nazionale, cosa sanno della loro nocivita?
    C’è urgente bisogno di cambiamento, ma le rivoluzioni bisogna farle con la buona fede e lo studio.

  29. pipistro
    31 March 2013

    La barca – volenti o nolenti – doveva riprendere rapidamente il mare. I cannibali erano emersi dalla fitta vegetazione dell’isola e urlando si apprestavano a nutrirsi di noi. Ci guardavamo, eravamo ancora in molti, feriti, angosciati, esausti, sconfitti. Ma eravamo sopravvissuti. Alcuni si organizzarono e cercarono di spingere in acqua l’imbarcazione nonostante il grosso squarcio nella carena e la mancanza di alcuno che sapesse veramente condurla. Urlavano che non c’era più tempo per riparare la falla che era stata provocata per l’imperizia dei marinai che su quell’isola ci avevano fatto arenare, trasformando la precarietà di un viaggio iellato nella quasi certezza di una morte orribile. Sapevamo che sarebbe affondata in breve tempo e poco contava, a quel punto, che quelli che lì ci avevano condotto fossero dei cialtroni incompetenti e che ancora, più arroganti che mai, blaterassero ordini fasulli invece di sparire nel silenzio e nella vergogna. Sull’incapacità e disonestà della ciurma che ci aveva gettato su quell’isola e sulla criminale prosopopea degli ufficiali di bordo, che ancora si pavoneggiavano ridicoli nelle loro uniformi sbrindellate, eravamo tutti d’accordo. Buttarli a mare alla prima occasione sarebbe stato un punto d’onore. La rabbia e la paura montavano nei naufraghi – noi, disperati – chiusi tra il mare in tempesta e la discesa degli antropofagi. Ma se i novelli nocchieri non avessero consentito al nostro sgangherato naviglio di prendere il largo e di seguire una rotta, quand’anche riparato alla meglio, presto avremmo imbarcato acqua. Saremmo stati restituiti alla spiaggia e i selvaggi infoiati ci avrebbero fatto comunque a pezzi. Ci guardavano, i cannibali, e ci vedevano ora affannati, disperati, ora piangenti e vinti. Aspettavano che gli ultimi lamenti e le grida si spegnessero, che i gesti scomposti scemassero nella stanchezza lasciando che anche la paura e il residuo istinto di sopravvivenza si afflosciassero nella rassegnazione. In breve saremmo stati cibo per loro e i nostri resti manipolati e trasformati in merce di scambio per specchietti e perline.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 25 March 2013 by in grillismo.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,484 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: