La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Tutto è fermo ai tempi del far west

adam

Impegnato a Tropea per un interessantissimo convegno sulle nuove frontiere del giornalismo, non mi sono occupato dell’incredibile dolorosissima strage del Connecticut. Ha fatto veramente male: all’America e al mondo come sempre quando ci sono di mezzo i bambini. Anche il killer è quasi un bambino e si fa fatica a credere che Adam Lanza, faccia e sguardo da adolescente, abbia potuto compiere quella carneficina. Certamente non è un problema individuale e neppure di follia. Dietro c’è molto altro, a cominciare dall’educazione della madre Nancy. Ma soprattutto alle spalle dell’ennesima strage c’è la sbagliatissima convinzione americana sulla difesa personale. Insomma, in un Paese dove tutti sono armati i fatti sempre più frequentemente e drammaticamente dimostrano che la strada della giustizia fai-da-te può portare solo alla rovina. Anche perchè il cosidetto diritto ad armarsi parte da una stortura costituzionale. Non è vero che è un diritto sancito dal secondo emendamento. Quella legge è stata scritta ai tempi del far west. Vi ripropongo allora una nota scritta a luglio dopo il sangue di Denver

Tutto ruota intorno al discusso secondo emendamento della costituzione americana che dà diritto ai cittadini di possedere un’arma. In realtà, l’emendamento fu scritto due secoli fa, nel 1791, quando negli Stati Uniti c’era il far west e bisognava istituire le milizie. Oggi le milizie potrebbero essere configurate nelle forze di polizia, ma la Corte Suprema ha invece confermato che il diritto è esteso a tutti i cittadini. Così comprare un’arma  è facilissimo: basta avere diciotto anni per un fucile e ventuno per una pistola, non c’è bisogno di permessi. Fatto sta che, secondo un rapporto dell’Fbi, 200 milioni di armi sono in mano a privati (oltre naturalmente a tutti quelli che ne hanno diritto) e ogni anno il numero aumenta di cinque milioni. A questo ritmo tra non molto ci sarà un’arma in ogni casa americana. Per ora sono 48 milioni le famiglie che ne possiedono una. Certamente alle spalle c’è la lobby delle armi (un affare da 60 miliardi di dollari), ma anche la voglia dei successori dei cow yoy di farsi giustizia da soli. Ecco, questi sono i risultati. Una lezione che vale anche per gli aspiranti  terminator di casa nostra.

44 comments on “Tutto è fermo ai tempi del far west

  1. aurelianoflavio2
    17 December 2012

    sentivo stamattina alla radio, che la lettura attuale del secondo emendamento, risale agli anni 70 ma soprattutto agli anni del reaganismo. Ieri sul Secolo XIX, c’era una intervista a non so quale pezzo grosso della lobby delle armi, secondo cui, la strage si sarebbe potuta evitare se anche gli insegnanti e il preside, avessero avuto delle armi! Delirio puro!

  2. RENZA MARTINI
    17 December 2012

    A questi va cambiata la testa…..prime che le leggi..

  3. Marco Alici
    17 December 2012

    Almeno in questo campo siamo più avanti noi.

    • pinoscaccia
      17 December 2012

      Non è che stiamo avanti. Da noi i cow boy sono chiamati semplicemente per quelli che sono: vaccari.

  4. sissi
    17 December 2012

    Sì comunque che la follia c’entra è fuori di dubbio. Non è per “stigmatizzare” nessuno e ancora meno sono favorevole all’armamento personale, ma insomma non è che chiunque possieda una pistola poi faccia una carneficina, diciamolo.
    E quello che io invece mi chiedo, oltre al rifiuto assoluto dei cow-boy, della passione per le armi e di certe forme “educative” improntate sulla violenza, è “perchè” questa debolezza psichica sia così in aumento.

    Allora, lungi da me cominciare a moraleggiare…perchè i moralismi non li sopporto io per prima, MA: mi dicevano fosse anche questa una conseguenza del materialismo.
    Io sulle prime mi sono opposta per le medesime ragioni di cui sopra sull’armamento personale, pensando che non è che chiunque sia un materialista che ama la bella vita poi gli dà di volta il cervello e fa una carneficina, ce ne corre…. Però poi pensandoci meglio… “chi è” che solitamente si rende responsabile di stragi o violenze private, filosofi, poeti, persone di cultura o eleganti nell’anima?? ovviamente no….. ma sono tutte persone abbastanza inevolute (non parlo del caso specifico perchè poi ogni caso è a sè con tutte le sue concause), volgari nell’anima, con una fiducia cieca nella violenza.
    Di vita in vita… (sempre, perchè io sono convinta di questo) tutti i pensieri (non) coltivati, per non parlare delle azioni, si rifanno sentire con l’impronta che gli si è data precedentemente. In questo senso sì, penso che anche un materialismo esasperato abbia le sue gravi conseguenze. Del resto lo vedete da voi: con i “cow boy-vaccari” (cioè non propriamente persone che interiorizzano…) non c’è alcuna speranza di dialogo o ragionamento che tenga no?

  5. Gabriele Milani
    17 December 2012

    La National Rifle Association, la potentissima lobby americana dei produttori di armi, durante decenni ha investito miliardi in una campagna a tutti i livelli per convincere la popolazione del fatto che armarsi sempre di più sia l’unica soluzione alla violenza dilagante nelle città degli Usa. Questi sono i risultati.
    Voglio però cogliere l’occasione per ringraziare Pino Scaccia per essersi come sempre distinto dai suoi innumerevoli colleghi che hanno riportato una pessima equazione associata a questa strage ingiustificabile: autismo=killer.
    Un soggetto autistico è una persona incapace di autonomia, non saprebbe uscire di casa per andare a scuola se non accompagnato, difficilmente riuscirebbe a usare razionalmente un’arma da fuoco in maniera così reiterata, e soprattutto è una persona che si tappa le orecchie atterrito se solo sente battere le mani, entra in una stanza ricca di urla e rumori, non comprende l’origine del rumore di un trapano o di un martello pneumatico.
    L’opinione pubblica americana ha cercato una via di fuga plausibile rispetto all’argomento principale e determinante, quello delle armi, senza rendersi conto dell’immane danno a carico di ragazzi, bambini e relative famiglie che affrontano una patologia invalidante totalmente abbandonati dalle Istituzioni.
    Negli USA occorre affrontare il problema del controllo delle armi perché si comprano con troppa facilità; occorre però togliere anche lo psicologo/psichiatra dalle scuole perché trasforma il disagio giovanile in patologia; impedire le diagnosi psichiatriche che fanno assumere psicofarmaci – che creano allucinazioni, aggressività e istinti suicidi – ai bambini e ai ragazzi su malattie mentali spesso inventate per vendere farmaci anzichè prospettive di vita per i nostri figli.

    • pinoscaccia
      17 December 2012

      Certamente. Parlare di autismo in questi casi è assolutamente ridicolo.

      • lorena
        21 December 2012

        E molto doloroso per le famiglie

  6. sissi
    17 December 2012

    Mi riallaccio brevemente a quanto scritto da Gabriele Milani per dire che dell’autismo non so davvero nulla (e pare anche che sia una sindrome misteriosa di difficile comprensione per i medici stessi) e quindi ripeto che non intendo “stigmatizzare” nessuno e tantomeno ciò che non conosco.
    Certamente però bisogna fare i conti con una debolezza psichica talmente in aumento da sfociare in vera follia – e mi riferisco a tutte le altre carneficine in america, ma anche ad altri come il femminicidio, lo stalking, le fissazioni maniacali, la pedofilia, le torture, le persecuzioni, insomma tutti i casi che non riesco a definire in altri modi che “disturbati”…per chiamare le cose con li loro nome.
    Pertanto i problemi, ora, sono diventati due: le lobby (e tutti i vaccari con cui non comincio nemmeno un discorso) e la debolezza psichica in aumento che, come predisse R. Steiner già secoli fa, sta diventando veramente al pari di un’epidemia.
    “Questo”, oltre ai criminali delle armi, proprio non posso fare a meno di notare.

    • sissi
      17 December 2012

      Dimenticavo: e con Gabriele Milani condivido anche tutto l’ultimo pezzo, dalle lobby a certi “medici” che non ci capiscono più niente – e qui sì, ne sono sicura, sempre per la medesima causa di una scienza talmente materiale che non considera più l'”io” nè l’origine spirituale..dell’essere umano – e che creano danni in completa inconsapevolezza…oltre che remando contro l’umanità.

      (insomma l’unica certezza è che la conclusione è sempre la stessa: serve un nuovo Umanesimo… o non c’è via d’uscita. Sono i fatti a dimostrarlo – ma non mi illudo: altri millenni…per capirlo -).

      • Gabriele Milani
        17 December 2012

        Grazie Sissi. Non so se questo piccolo estratto http://autismovaccini.com/2012/12/14/disordini-mentali/, scritto dalla nostra Pediatra esperta in Sindromi Autistiche infantili, puo’ essere utile per comprendere alcuni concetti relativi all’origine dei disordini mentali che sempre più spesso interessano l’infanzia.

        • sissi
          18 December 2012

          Certo Gabriele! :)) Grazie a te… questa dottoressa sta cercando in altre vie che non siano quelle violente e repressive dei farmaci, brava.
          Condivido, pur non essendo medico, che fattori tossici e ambientali influiscono eccome sull’equilibrio di chiunque, anche a tal proposito R. Steiner aveva scritto un libro “alcol e nicotina” (mi pare) sugli effetti non solo fisici e più comuni che conosciamo ma anche molto più oltre. C’era un grande Medico poi, che talmente curava “la persona” da affidarsi sempre meno ai farmaci e ripetere “mi chiedo cos’è che cura veramente”….
          Specie l’ultimo pezzo di quell’articolo rende bene l’idea: depressioni “curate” con antidepressivi e antinfiammatori e bambini autistici intossicati da piombo e mercurio… è allucinante.
          Ah! me n’è venuta in mente un’altra: quando l’inventore (mi sembra) dell’elettroshock disse “quante lacrime ho risparmiato a persone sofferenti!” – vero per carità, è una croce la pazzia, mica voglio minimizzare – ma quel vero Medico (ovviamente contrario) invece ha risposto: “e attraverso le lacrime… quante vite ho recuperato con l’allargamento della coscienza”…
          Ed è COSI’ infatti, nel senso che è un cammino, un percorso da fare insieme, non si può inebetire una persona, renderla uno zombie, e credere pure di aver superato il problema, ma sono dei barbari!

          Senti, facciamo così, siccome non pretendo di fare il medico ma assolutamente credo in quello che penso, in un’altra direzione della medicina…più Umana, più interiore, più… elevata – non so se hai visto Benigni ieri sera, ecco è grandiosa come lui! – io prima chiedo il permesso agli autori di due articoli che ho letto su alcune riflessioni sull’Autismo e poi se sono capace li scannerizzo e li mando a Pino, insieme ai numeri di telefono di due Medici. Magari poi puoi scrivere a Pino e te li fai dare, anche questa dottoressa che così pure lei troverà chi la capisce e sarà contenta di approfondire. Insomma, credimi, a me non me ne viene niente, io non sono nè medico nè loro parente, non è assolutamente ai fini di un qualsivoglia “vantaggio personale”, ma solo una grande fiducia che questa è “la” Medicina… e non una medicina alternativa.
          Se ti andrà…per me è stata una grande scoperta – pure se poi la metto poco in pratica… – però sono contenuti grandiosi credimi…tutti improntati sulla Libertà e la Dignità dell’essere umano,e…sull’amore. Fidati. (e sulla bellezza, anche del dolore, che restituisce dignità a qualsiasi malattia).

          • Gabriele Milani
            18 December 2012

            Grazie Sissi di quanto hai scritto. Sono concorde e disponibile a seguire quanto mi suggerisci.

        • sissi
          18 December 2012

          Figurati per così poco..!
          Dunque gli articoli non sono riuscita a contattare gli autori per ora, e poi sono sincera: sono un po’ complicati estrapolati così da tutto senza prima avere una visuale su Steiner ecc. Però i numeri li ho passati a Pino, e mi sento di consigliarteli di cuore…non perchè siano ‘maghi’ logicamente, ma ne ho stima, e magari potete approfondire insieme anche un discorso in cui credo. (senza responsabilità…perchè non so, è sempre delicato suggerire qualcosa o qualcuno, ma la buonafede da parte mia ci sta tutta!).
          Un saluto a te… e grazie a te per ciò che scrivi! :))
          Auguroni di cuore e Buon Natale

          • Gabriele Milani
            18 December 2012

            Grazie Sissi, non scrivo nulla di speciale se non un piccolo pezzo di vita che accomuna tanti bambini e ragazzi. Ricambio di cuore gli Auguri di Buon Natale.
            Una ‘pregunta’: come contatto Pino? … o come contatto te?
            Ancora grazie e buona serata.

          • pinoscaccia
            18 December 2012

            beh,il mio invidirizzo è pubblico, sta sul blog: pinoscaccia@gmail.com

          • Gabriele Milani
            18 December 2012

            ops … chiedo scusa ma non lo trovavo

          • sissi
            19 December 2012

            Io non ho corrispondenze via email con nessuno, pure se mi sono simpatici, perchè tendenzialmente diffido proprio di internet, ma tanto c’è appunto l’email pubblica del gestore. Intanto, giacchè ci sto, volevo anche dirti…(perchè poi qualcuno mi ci ha fatto pensare) che non è normale proporre medici così, su un blog, ma io non avevo doppi fini veramente, sono impulsiva e mi viene istintivo solo come discorso “medico” a prescindere da quali medici in particolare poi si sceglie di rivolgersi. Non devo pubblicizzare nessuno insomma, non so come spiegarlo (ma in effetti giusto a me vengono in mente certe iniziative).

            Beh, chiarito tutto, e giacchè ci sto auguri di Buon Natale a tutti (e di un anno migliore).

  7. sissi
    17 December 2012

    semi-ot (perchè per me c’entra..)
    per esempio Benigni sta dicendo (come sempre) cose stupende… ma c’è chi lo fischia invece. Di che vogliamo parlar??
    è inutile.

  8. paolo dinucci
    18 December 2012

    la pratica mi ha insegnato che non é mai quello che sembra e che niente avviene per caso. io credo che 26 persone siano state fatte ammazzare proprio per costringere gli stati uniti d’america a cambiare la costituzione in previsione di quel caos programmato che coinvolgerà anche quella nazione.

    • pinoscaccia
      18 December 2012

      Ipotesi assolutamente fuori da ogni logica.

      • paolo dinucci
        18 December 2012

        si fuori della nostra logica perché siamo persone che aborriscono certe cose. in tutto quello che accade bisogna sempre cercare il qui bonus che é proprio quello che io ho evidenziato.

        • pinoscaccia
          18 December 2012

          no, se mi permetti
          la spiegazione è molto più semplice, addirittura banale: sta nell’anima (tuttora) da far west degli americani

          • paolo dinucci
            20 December 2012

            le anime non si comprano e non si vendono e, almeno, su questa terra non servono a nessuno invece la lotta per il potere messa in campo dalla casta é sempre stata senza scrupoli di sorta. assolutamente non credo che quell’uomo abbia fatto tutto da solo e per di più per un attacco di pazia.

          • pinoscaccia
            20 December 2012

            E’ già stato spiegato che non è pazzia. A questo punto si può anche pensare che i mandanti risiedano su Marte. Qualsiasi ipotesi va bene, ma deve essere credibile.

  9. GiorgiusGam
    18 December 2012

    Siamo a fine 2012, negli USA circolano un numero spropositato di armi da guerra, dalle classiche ed “economiche” UZI fino alle ultime versioni del micidiale fucile AK47, escludendo alcune armi militari pesanti provenienti dal mercato nero. Attraverso Internet un ragazzo di 19 anni circa potrebbe (senza rigidi controlli governativi del caso), acquistare in vari siti e-commerce americani, componenti per l’assemblaggio di un fucile semiautomatico AR15… Se Obama riuscirà ad attivare una Legge federale specifica sul controlo delle vendite di armi da guerra ai civili, riuscirà anche ad avviare un vero censimento delle armi già detenute dagli americani? (alcuni facoltosi collezionisti detengono in casa un vero e proprio arsenale). “Save the graduate Ryan”…

  10. Marco Alici
    18 December 2012

    Chiaro, no?! L’andamento degli omicidi da arma da fuoco è praticamente proporzionale alla diffusione delle armi (fa eccezione il Messico).

  11. pinoscaccia
    18 December 2012

    Barack Obama ha fatto la sua scelta. E ha deciso di appoggiare la proposta di legge della senatrice Dianne Feinstein che vuole vietare la vendita delle armi d’assalto. La norma ricalca quella voluta da Bill Clinton, entrata in vigore nel 1994 e abrogata nel 2004. «È chiaro che non abbiamo fatto abbastanza per affrontare la vergogna di questa violenza», ha detto il portavoce del presidente annunciando che Obama intende muoversi «nelle prossime settimane». Ma è evidente che «le leggi sulle armi da sole non risolvono i problemi».Insomma la Casa Bianca prende così una posizione dopo la strage nella scuola elementare Newtown di venerdì scorso. Adam Lanza ha ucciso 20 bambini e sei adulti proprio con Bushmaster AR-15, arma d’assalto che ora Obama vuole mettere al bando.

    • Walter
      18 December 2012

      In effetti è un anacronismo difendersi con armi d’ assalto. Ma è un primo passo.
      Poi, fuori dal discorso se vale per tutti o solo per le “Milizie” il Secondo Emendamento, e mai possibile che si debba essere schiavi di un pezzo di Carta unto e bisunto del 1791?

  12. Marco Alici
    19 December 2012

    Un articolo interessante che espone all’incirca le stesse tesi:
    http://www.chefuturo.it/2012/12/lossessione-per-le-armi-e-il-lato-oscuro-della-frontiera/

  13. GiorgiusGam
    19 December 2012
  14. senzanord
    19 December 2012

    Una pistola carica, in mano, restituisce due sensazioni insieme: di potenza e di paura. Nelle persone sane prevale quest’ultima, ma il senso di accresciuta potenza è comunque presente. Per questo una persona disturbata non può avere la facoltà di comprare un’arma da fuoco, come non la deve avere nessuno che non abbia fondati motivi, giacchè ne quotidiano a tutti può capitare di perdere il controllo di sè.

    • pinoscaccia
      19 December 2012

      L’errore di fondo è che con un’arma ci si sente più forti. Quando tutti sono armati è invece una sensazione sbagliata.

  15. paolo dinucci
    21 December 2012

    prima della strage adam lanza é rimasto chiuso nella sua abitazione per tre giorni da solo. al termine di questi tre giorni ha preso le armi ed é avvenuta la strage. c’é un vuoto di tre giorni che non si sà cosa sia accaduto. ogni vittima é stata colpita con più di 11 pallottole. quindi adam lanza avrebbe sparato circa trecento pallottole,sicuro che fosse solo?

  16. pinoscaccia
    21 December 2012

    La National rifle association, la più potente lobby delle armi americana, ha chiesto di impiegare poliziotti o guardie di sicurezza armati nella scuole. «La sola cosa che può fermare una cattiva persona con una pistola e una buona persona con la pistola», ha detto il vicepresidente Wayne LaPierre, in quella che è la prima reazione dell’associazione al massacro di 26 persone nella scuola elementare di Newtown, nel Connecticut.

    No, c’è un’altra soluzione: eliminare le armi.

  17. senzanord
    22 December 2012

    Assistiamo alla corsa all’acquisto, prima che la vendita delle armi da fuoco venga vietata. Per molti versi ammiro gli statunitensi, ma questa convinzione, ancorchè alimentata dalle lobbies, non la capisco.

  18. pinoscaccia
    27 December 2012

    Pazzesco, assolutamente pazzesco

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 17 December 2012 by in vivalamerica.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,457 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: