La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Sperando che siano solo mele marce

La Cassazione che si scaglia pesantemente contro i poliziotti della Diaz che hanno gettato discredito sull’Italia colpendo cittadini inermi, un  carabiniere che compie una strage in caserma a Rovigo (e non è il primo caso), un poliziotto e un carabiniere arrestati ad Ancona perchè preparavano una rapina…multiforze da 200 milioni. Sono soltanto gli ultimi episodi di una serie purtroppo sempre più numerosa  di episodi negativi, o addirittura tragici, in cui sono coinvolte le forze dell’ordine. Per non parlare dei vigili urbani sempre più invischiati nel giro delle tangenti. C’è chi follemente ne gioisce, personalmente sono molto preoccupato. Se usano la violenza, se abbandonano la legalità, se perdono la testa anche quelli che ci devono difendere siamo fritti. Chi ci protegge? Bisogna tuttavia continuare ad aver fiducia (e rispetto) nella parte pulita e considerarli solo mele marce di una società malata, anzi malatissima.

15 comments on “Sperando che siano solo mele marce

  1. Lucio Gialloreti
    2 October 2012

    Avevo notato con preoccupazione la frequenza di questi fenomeni. Spero anch’io siano solo le classiche mele marce!

  2. lorena
    2 October 2012

    mi sono svegliata ieri mattina con la netta percezione di non appartenere piu’ a questa italia , non solo fra i vigili i poliziotti o i carabiniri si insinua il mal costume , ma anche nel lavoro quotidiano , nei servizi che invece di tutelarti denigrano il lavoro il sacrificio , insomma essere una brava persona è un opzional , che non ti qualifica ,o ti distingue.
    Io non so piu’ chi sono gli amici o i nemici , non distinguo piu’ chi sono le brave persone , non saprei piu’ a chi rivolgermi in caso di bisogno . Pero’ voglio ancora credere che usciremo da questo basso impero che l’uomo ritrovi la strada per risorgere a nuova vita .
    Guardo un qualsiasi film parolacce a non finire .
    Pure ieri sera guardando la puntata di Enzo Tortora che mi è piaciuta , ma iniziava in prima serata con una scena di sesso sfrenata , non posso credere che non si potesse trovare una scena piu’ adatta ad un film per la televisione in prima serata .
    Quando in una società crollano i freni inibitori , quando lo scandalo è la normalità , tutto sembra diventare possibile ,allora a quel punto deve suonare il campanello d’ allarme , siamo oltre …….

  3. Salvo
    2 October 2012

    Appartengo al mondo della Difesa.
    Avverto, come molti, un certo degrado nel mondo delle forze dell’ordine. Al di là delle (molto) peggiorate condizioni economiche, può sembrare anacronistico ma oggi, come nell’antichità delle legioni dell’Impero Romano, quello che conta è sempre l’esempio dei nostri capi.
    I vertici delle istituzioni.
    L’orgoglio dell’appartenenza a qualcosa di cui la gente si può fidare, ti fa camminare a testa alta, e compiere per bene il tuo dovere.
    Però i nostri leaders hanno dimenticato che l’Etica, il comune sentimento della Giustizia, fanno nascere le leggi e non il contrario. Non sono le leggi salva-vip a darci la forza morale di metterci per strada, o in Iraq, o sulle navi e fare il nostro dovere.
    Non sono i romborsi ingiustificati ai partiti a darci la forza di rischiare, talvolta, la vita per 1600 euro al mese. Anche coloro che portano le stellette leggono i giornali, e sono dei cittadini disillusi.
    Con questo non intendo giustificare nessuno ma, anzi, intendo rappresentare la pericolosità del sentimento avvertito oggi da moltissimi colleghi, per lo più integerrimi. Nonostante tutto.

    • pinoscaccia
      2 October 2012

      Sono d’accordo e comprendo.

    • Secessionista
      3 October 2012

      Da tempo sostengo che la deriva di illegalità di quest’ultinmo scampolo di storia italiana ha le sue radici nella cultura del “nulla” e del potere fine a se stesso assurti a valore da condividere grazie a personaggi come Berlusconi. per questo ho la fondata speranza che le cose stiano per tornare al loro posto, ora che quell’ondata di schifosa arroganza è stata spazzata via dalla crisi. Grazie per la tua testimonianza.

  4. Lorenzo Borselli
    2 October 2012

    Io ci sono. E come me siamo in tanti.

  5. sissi
    2 October 2012

    Anch’io… per dire che sono convinta che in confronto a pochi casi ce ne sono milioni che svolgono il loro lavoro con sacrificio, umanità, dedizione…e sopratutto serietà. Personalmente, tutte le persone che mi è capitato d’incontrare tra le forze dell’ordine, anche per pochi attimi magari al mercatino, sono sempre state carine e protettive. Chiaro il discorso di Lorenzo Borselli, e fin troppo rispettoso… verso certe realtà che finirebbero per disilludere anche le persone più piene di fervore del mondo.

    Condivido anche tutto quello che ha detto Lorena – la sento molto la mancanza di umanità in generale che è proprio la caratteristica di quest’epoca…è inutile – ma penso anche: quante persone che fino al giorno prima hanno sempre lavorato onestamente finiscono per deviare in un momento epocale come questo?
    E’ roba da pazzi…quello che stiamo attraversando, roba da pazzi…non ci sono altre parole per definire quello che sta succedendo a livello economico. (mondiale).
    Speriamo che, come dice Lorena, troveremo una strada (positiva) per rinascere da questo basso impero politico, economico e morale per ritrovare tutti una dimensione più umana…più umana, di vita.

    • sissi
      3 October 2012

      Oddio scusate, volevo dire il discorso di Salvo! non Lorenzo Borselli (anche perchè sarebbe solo una riga non tutto un discorso), chiedo scusa ma ero (e sono) stanchissima in questi giorni.
      (lo aggiungo qua, ma ho letto anche più sotto l’esempio di Marcello – e risposta di Salvo sempre – che ho capito perfettamente! e condivido moltissimo.

    • lorena
      4 October 2012

      lo spero davvero pure io , oggi che ero da mio nipote , ascoltandolo quando a voce alta preparava la verifica di Greco , mi sono emozionata , e ho pensato che in tanti giovani c’è del buono , dobbiamo aver fiducia in questi ragazzi che hanno ancora voglia di studiare prepararsi , ad esempio il mio Leonardo ha sempre grande stima in quegli insegnanti che anche se severi sanno insegnare , insomma dobbiamo lasciare aperta la porta dell’ottimismo

      • sissi
        5 October 2012

        I bambini hanno stima di chi sentono intelligente. E non bisogna neanche trattarli come bambini – anche se diventiamo tutti cretini appresso a loro perchè ci squagliamo :)) – ma come piccoli adulti molto più seri di noi, solo …fanciullini delicati che ancora portano con sè tutto l’amore e la meraviglia di quella beltà innata, teneramente incontaminata…ingenua, pulita.
        In questo sì che ho fiducia, e in che altro credere sennò…
        Ma in ciò che stiamo attraversando no, la fiducia scompare…non dico del tutto, ma quasi.
        So che ci sono ancora tante persone serie e…dolci dentro, rudi ma protettivi, sensibili, intelligenti, con bontà d’animo… ironia, spessore. Quando vi sento parlare – e intuisco tante cose – capisco che in realtà stiamo tutti nella stessa barca, tutti che vogliamo le stesse cose..ma imprigionati in un meccanismo infernale più grande di noi, che ci fa sentire totalmente inutili, e impotenti. E però invece no… a volte (raramente) penso, so…che non è così: apposta credo nell’individuo, nell'”io” (non era un discorso politico…) perchè rimango convinta invece della nostra creatività unica e originale nei più disparati mestieri e modi di essere del mondo.

        • sissi
          5 October 2012

          Ricordi (Lorena) che te lo dicevo? io credo nella bellezza. Che comprende anche l’amore. E’ solo questo il ‘segreto’, sono un’esteta…una materialissima, lo so, esteta, ma anche e soprattutto per la bellezza interiore, è inutile.

  6. marcellolupo
    3 October 2012

    ..ho letto molte testimonianze commoventi e divertenti sul giudice Vigna ed una in particolare mi ha colpito e che mi suona quasi come una consolazione rispetto a ciò che ci propina la cronaca di questi ultimi mesi, quella di un suo uomo della scorta:

    “Giovanni Lanzillotto, storica guardia del corpo del procuratore, ha ricordato la rigidità morale di Vigna che una volta lo brontolò perché gli aveva portato due risme di carta dell’ufficio giudiziario invece di comprarle in cartoleria come lo stesso procuratore gli aveva chiesto, dandogli anche 10mila lire. A seguito dell’accaduto pare non gli abbia rivolto la parola per alcuni giorni.”

    ” NON AGGIUNGEREI ALTRO!!!”

    • Salvo
      3 October 2012

      Un capo di questa statura morale viene seguito dai propri uomini anche all’inferno. Giuro che non faccio retorica. Molti di noi cercano una guida come questa. Invano.

  7. pinoscaccia
    4 October 2012

    ROMA – Tutto era iniziato con 52 denunce presentate in procura da un ambulante di piazza Fiume, e con il nome di un vigile urbano del II Municipio iscritto sul registrodegli indagati con l’accusa di abuso d’ufficio. Ma adesso l’inchiesta coordinata dal pubblico ministero Erminio Amelio si è allargata, e i caschi bianchi della municipale che rischiano di finire a processo per presunte vessazioni a cui avrebbero sottoposto alcuni commercianti, sono diventati quattro. È stato il racconto di Augusto Proietti, venditore ambulante di piazza Fiume, che da anni porta avanti la sua attività con regolare licenza, a far partire gli accertamenti. L’uomo ha raccontato di essere stanco per le continue vessazioni di un agente, che lo aveva anche arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Lui aveva provato a rispondere a suon di manifestazioni e dimostrazioni pubbliche, per far sentire la sua voce. Ma non c’era stato nulla da fare. La situazione non è cambiata: le intimidazioni e le minacce sono continuate. il messaggero

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 2 October 2012 by in violenza.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,457 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: