Le ultime notizie dal fronte, cioè dai Paesi dove abbiamo… esportato la democrazia

Iraq. Si aggrava di ora in ora il bilancio di una serie di esplosioni (sembra almeno 22, ma altre fonti parlano di 26) avvenute oggi in 14 diverse località in Iraq: sono almeno 91 i morti e 161 i feriti, secondo fonti ufficiali. L’attacco più grave – non ancora rivendicato, ma attribuito all’organizzazione terroristica di al-Qaeda – è avvenuto contro la base militare di Balad, dove all’alba un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione uccidendo 15 soldati e ferendone altri due. Una serie di attentati dinamitardi avvenuti nella località di Taji, 25 chilometri a nord della capitale, ha provocato 42 morti e 40 feriti, secondo quanto reso noto da fonti ospedaliere, Sette vittime a Kirkuk. fonte

Afghanistan. Un uomo nella provincia di Helmand ha ucciso, invocando il “delitto d’onore”, le due figlie adolescenti di 15 e 16 anni “colpevoli” di essere fuggite per quattro giorni con un ragazzo impegnato come interprete presso l’Isaf a Kandahar.  L’uomo è stato arrestato, mentre il giovane con cui le due adolescenti sono restate per qualche giorno è latitante. Gli agenti hanno ritrovato le ragazze e le hanno riportate al padre,  il quale però poche ore dopo ha imbracciato un fucile e le ha uccise. Questo episodio segue un altro brutale in cui una ragazza di 22 anni, accusata di adulterio, è stata uccisa a colpi d’arma da fuoco in pubblico dal marito a nord di Kabul. fonte

Advertisements

43 thoughts on “Le ultime notizie dal fronte, cioè dai Paesi dove abbiamo… esportato la democrazia

  1. e che dire del fattorino egiziano di un grande albergo di Venezia che si e’ licenziato perché non poteva sopportare di essere sottoposto alle direzioni di una donna…
    e che dire dell’albergo che l’ha immediatamente riassunto con la promessa che sarà sottoposto ad un maschio…

    1. …che le donne non alloggeranno più al Danieli di Venezia…

      Poi chissà quale albergo era, sempre a Venezia se non erro, dove un cameriere straniero è entrato alle 3 di notte nella stanza di una studentessa?
      (non ragiono così solitamente, ma a questo punto le risposte se le cercano)

  2. calma….

    Il direttore del Danieli di Venezia sostiene che l’azienda non era a conoscenza del caso e quindi non ha preso nessuna misura per cambiare l’organizzazione del personale: “Siamo sorpresi da questo articolo, ne prendiamo atto e ne parleremo con la persona interessata”, prosegue il direttore dell’albergo. E sottolinea che il facchino egiziano “continua a lavorare qui”, precisando che prende ancora ordini da una donna dal momento che “le governanti sono tutte donne”. “La nostra azienda – conclude il direttore – ha sempre un comportamento corretto, giusto, etico nei confronti di tutti i dipendenti, di tutte le nazionalità e le religioni”. La vicenda dunque sarebbe falsa. fonte

    1. meno male che ci sei tu. E lo dico davvero. Stai diventando uno dei pochi fari nella mia personale galassia nebulosa dell’informazione in Italia. Grazie :)

  3. Buon per loro…

    E a quelle poverine in afghanistan, se i nostri militari giacchè ci stanno le rifornissero tutte di un bel fucile…a questo punto sarebbe davvero un’idea “democratica”.

  4. ma che significa E’ vero che è un po’ come per gli Stati Uniti rispetto al concetto e l’idea che hanno della guerra. Purtroppo prima di usare le parole bisognerebbe anche comprendere da parte di chi governa se c’è la possibilità che trovini una reale portata nei quotidiano Da noi in realtà non c’è ovvero come dovrebbe perché poi ogni nazione e cittadini hanno il loro carattere e personalità

    Repressione dell’esercito a Damasco. La Farnesina invita gli italiani a lasciare la Siria
    http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-07-22/repressione-esercito-damasco-farnesina-193200.shtml?uuid=AbWj96BG

      1. Ma che vuoi? Veramente stavo scherzando e non avevo nessuna intenzione di rispondere o criticare Rosaria!
        Cercati qualcun altro/a se proprio non ce la fai a farti i fatti tuoi.

        1. Solo che mi riferivo al video di Marcello, Irisilvi…
          sorry – c’è davvero qualche problema di comunicazione.. chiamiamolo così..

          1. per inciso io invece è l’ultima volta che mi comporto da persona educata…. nel mentre continuo a dire esattamente ciò che mi pare.
            (forse almeno questo lo capisci, Irisilvi, è semplice…)

  5. Certo è che complimenti come siete tutti compatti intorno. Se Pino mi avesse scritto sei bravissima voi avreste commentato? Forse avreste scelto un pezzo di Via col vento da youtube :) :) Detto questo il “che significa” era una forma di pensiero ad alta voce rispetto alla tragica riflessione presente nel titolo “…esportato la democrazia” E’ giusto esportare la democrazia ma difficile applicarla in paesi che vivono e subiscono la violenza degli Stati Uniti e si comportano di riflesso perché la massa conosce solo quelle modalità D’altronde basterebbe pensare che lo storico video che ritrae la morte di Gheddafi è diventato un video gioco !!

    1. Forse ti sfugge appena che gli Stati Uniti sono i leader della coalizione, ma ci siamo tutti da certe parti…Anche noi italiani. Sono undici anni che ne parlo, essendoci stato molte volte: sia in Iraq che in Afghanistan. E non si può risolvere tutto con una battuta.
      Quella del Maghreb poi è un’altra storia rispetto al Medioriente.

    2. Rosaria
      …avrebbero messo proprio Via col vento ;)))
      tranquilla, tutt’è essere convinti che i propri non siano geroglifici…, o forse saranno i troppi link onnipresenti perchè magari non hanno niente da dire? ;)))

      1. L’importante è dire qualcosa quando appunto si ha qualcosa da dire. E soprattutto farsi capire anche dagli altri.
        (E dov’è l’ironia? Sparita improvvisamente?)

        1. Figurati, stavo lasciando cadere la cosa chè mi pare di ricordare non sopporti le discussioni infinite, ma seguendo l’associazione libera delle idee (freud) la prima cosa che mi è venuta in mente è: aspetterò l’assegnazione del premio nobel!

          meglio così? :)))

  6. A questo punto, si dovrebbe parlare anche della Culla della Civiltà.
    Cioè della Siria. Proprio perché non è stata (ancora) invasa dalla Democrazia occidentale.
    E non sono affatto confortanti le notizie, che provengono da lì.

  7. Cara Rosaria chiarisco che non sono un discepolo di nessuno. A volte, forse nella foga di scrivere, commettiamo tutti errori ortografici o peggio ancora risultiamo incomprensibili. Non e’ mia abitudine essere offensivo ma mi piace al tempo stesso avere la liberta’ di scrivere che non ho capito o non condivido opinioni o idee.Tutto qui!

  8. Buona sera Irisilvi
    Secondo me che si decida di licenziarsi perché hai come capo una donna lo fanno anche gli italiani dipende come si è trattati Già evidenziando il sesso del capo ne fai una questione di genere che poi risulta invece di lavoro . Mi sono trovata a lavorare alle camere da albergo in Italia Un ragazzo di 13 anni marocchino stava già a spaccare il ghiaccio che si formava la mattina sui gradini dell’ingresso dell’albergo insomma come a me lavare i bagni del sottoscala dove c’era solo acqua fredda sei arrivata per ultima. Però sai com’ è dovevo traslocare mi servivano soldi. Quando decisi di preparagli al stanza in cominciò a cambiare qualcosa ma migliorò solo quando è arrivò anche il padre ad affiancarlo sul posto di lavoro, per lui come per qualsiasi adolescente era un punto di riferimento, e quindi le cose per lui andarono meglio Ma sui ragazzi consocerà scene raccapriccianti Pino e qualcuno si vede dai filmati
    Citando la cronaca ricordo l’episodio della mensa presso la Caritas dove uno straniero ma non ricordo l’origine ha accoltellato un connazionale in quanto la suora lo aveva cacciato via. E’ una situazione difficile con la cooperazione e l’ingresso di persone completamente diverse da noi anche molto più dinamiche ma ecco che non si adattano Loro sono abituati a chiedere e questo non lo dico io. E’ provato
    (A Sissi, rispetto alla mia esperienza di lavoro ero già laureata e con il Master, ma non farò domanda per il premio nobel non so nemmeno se supererò i test preselettivi per il tfa poi delegato a buttare solo la spazzatura seppure il lavoro da manuale lo facevano tutti dal cuoco alla cameriera nessuno voleva rifargli il letto e non si lavava.)

    1. Rosaria…se ora ti dicessi che “il premio nobel” (battuta) non era riferito a te…mi fraintenderesti ulteriormente :)))
      ti stavo difendendo!! ero CON te, non contro di te!

      (come anche Marcello ha il diritto di dire che non ha capito, scusami eh, e io altrettanto col video di frankenstein, ma no problem!)

      – mioddio non ‘ci entrerò’ mai più… è una promessa ;)))) –

  9. Buona sera a Pino hai sollevato la richiesta
    Ho impiegato un po’ di tempo a risponderti/vi perché in realtà ho perso la linea e si stava scaricando la batteria del pc.
    Agli altri domando perché non lo so qualcuno ha un lavoro di inviato in questi paesi?
    Perché non si tratta di andare a fare la vacanza. No,non ci sono mai stata.
    Come la gente di questi paesi verso l’Europa e pochi di noi verso di loro conosciamo le loro abitudini la loro vita, l’educazione che ricevono come ci viene impartita attraverso filtri.
    Se si potesse conoscerla non attraverso la televisione è meglio semmai da libri scritti dai loro intellettuali o da chi ha fatto inchieste ma non credo che ciò che succeda sia colpa della democrazia ma di una cultura che sia proiettata alla violenza anche creata da circostanze. E rispetto agli Stati Uniti la cultura importata non solo verso loro è di pura violenza ma questo restando nell’ambito della cultura giornalistica che fa cronaca e inchiesta sempre in tal senso. In altri spazi sempre in internet trovi altro dell’America la creatività la scrittura.
    Non accetto forse il tuo senso di sfida Pino perché non ha senso verso di me non sono un tuo collega.
    A dire il vero in tal senso talvolta siete forse un tantino antipatici e con la puzzetta !
    Non mi sento offesa e credo di poter aver la presunzione di risponderti in questo modo in quanto il mio nome per seguire le tue news in questo blog non ti è stato fatto da nessuno (e parlo di me conoscendo la mia storia.) E’ casualità cercata da me, ma pur sempre casualità ne tanto meno penso di aver offeso per quanto detto ma non riesco a comprendere il senso dei post che spesso trovo a commento di quelli di Pino. Difatti, vi siete giustificati dicendo che c’è libertà di espressione superficiali infondo poi non soffrite le mie risposte.

    1. Se ti riferisci a me, forse sono antipatico ma certo non ho nessuna puzzetta. Altrimenti non mi metterei in gioco, dopo averne tanto parlato in televisione e averne tanto scritto nei libri. Io conosco profondamente quei Paesi per averli vissuti, le mie cognizioni non sono filtrate, ma dirette. Mi pare che invece tu sia piuttosto allergica alle critiche. Io, prima degli altri, ho detto che il senso del tuo commento (commento, non post) non si capiva. E lo confermo.

    2. @Rosaria. Pijate ‘na vacanza, ‘na grattachetta, fà quarcosa de diverso.
      Qui si commenta di argomenti seri e drammatici, dove la gente muore, non sulla dialettica delle parole.
      Antipatici a chi?

        1. @Rosaria. Io non ti ho fatto niente, quindo antipatico lo dici a qualcun altro, senza sparare nel mucchio. Poi spieghi come fai a leggere i toni sui commenti. E impara a scrivere con la punteggiatura corretta se vuoi essere compresa.
          Questo è il mio sentire.
          Ma guarda se uno deve perdere tempo, a commentare ste robe da pollaio!
          A proposito… buongiorno.

        2. dai…donne…perchè dobbiamo farci riconoscere sempre, un po’ come gli italiani all’estero?
          ma dai…..

          1. @ mrm

            Come donna più “matura” che non vuol farsi riconoscere…dovresti iniziare almeno a fare le dovute differenze.

          2. Salve rispondo a distanza di un mese anche perché solo adesso ho rivisto le notifiche Alcune non erano state lette. Ma tu Mistery chi sei vivi all’estero o era solo un riferimento a quanto scritto in questa ambigua forma di comunicazione dei post buona serata grazie

  10. Ultime notizie dal fronte….della GUERRA in corso che ci tocca subire, dal titolo “QUELLI CHE ROVINANO IL MONDO”

    http://www.corriere.it/economia/12_luglio_23/tesoro-nascosto-paradisi-fiscali-taino_97c9d67a-d4a4-11e1-9251-6da620bfc4cf.shtml

    Poche metastasi, persone malate, pochissime, imbestiate nel materialismo di lusso, riducono ricchezze stratosferiche “in sonno”. Drogati di soldi e potere, assenti dalla realtà alla stessa stregua dell’autore della strage di Denver che ha provocato tutti quei morti, siedono al fianco di sanguinari dittatori, senza un briciolo di dignità. Mentre il resto del mondo sta morendo…. con la Grecia che già si è spenta, e massacri di uomini innocenti, donne, bambini…seguono il loro corso nefasto senza pietà.

    (la maestra Fornero non ha nulla da dire su questi? forse se ne stanno “sdraiati al sole dei caraibi……a mangiare pastasciutta…caviale e champagne?”)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s