La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Quando un Paese vive ancora come ai tempi del far west (tutti armati). Una lezione anche per gli aspiranti “giustizieri” di casa nostra

James Holmes è entrato al cinema con una maschera antigas, un giubbotto antiproiettile e candelotti lacrimogeni. Poi ha cominciato a sparare con due pistole, un fucile a pompa e un kalashnikov. A casa, a pochi centinaia di metri dal cinema della strage, hanno trovato un arsenale, soprattutto tante bombe con cui aveva costruito trappole mortali. James è poco più di un ragazzo, ha solo ventiquattro anni, la faccia pulita e nessun precedente salvo qualche multa. Era mascherato da “Bane”, il cattivo, l’antagonista dell’eroe. “Sembrava una scena del film” hanno detto i sopravvissuti. Infatti si trattava della prima dell’ultimo Batman: nel trailer c’è proprio un individuo che massacra gli spettatori di una sala cinematografica. Troppo facile rispondere “follia”. Il problema è un altro: com’è possibile che un giovane ex studente di medicina possieda materiale da autentico terrorista? Denver è a poche miglia da Columbine: anche lì furono due studenti i carnefici. E ogni mese c’è almeno una strage in college o supermercati. Tutto ruota intorno al discusso secondo emendamento della costituzione americana che dà diritto ai cittadini di possedere un’arma. In realtà, l’emendamento fu scritto due secoli fa, nel 1791, quando negli Stati Uniti c’era il far west e bisognava istituire le milizie. Oggi le milizie potrebbero essere configurate nelle forze di polizia, ma la Corte Suprema ha invece confermato che il diritto è esteso a tutti i cittadini. Così comprare un’arma  è facilissimo: basta avere diciotto anni per un fucile e ventuno per una pistola, non c’è bisogno di permessi. Fatto sta che, secondo un rapporto dell’Fbi, 200 milioni di armi sono in mano a privati (oltre naturalmente a tutti quelli che ne hanno diritto) e ogni anno il numero aumenta di cinque milioni. A questo ritmo tra non molto ci sarà un’arma in ogni casa americana. Per ora sono 48 milioni le famiglie che ne possiedono una. Certamente alle spalle c’è la lobby delle armi (un affare da 60 miliardi di dollari), ma anche la voglia dei successori dei cow yoy di farsi giustizia da soli. Ecco, questi sono i risultati. Una lezione che vale naturalmente anche per gli aspiranti  terminator di casa nostra. 

94 comments on “Quando un Paese vive ancora come ai tempi del far west (tutti armati). Una lezione anche per gli aspiranti “giustizieri” di casa nostra

  1. Giovanni Farzati
    20 July 2012

    Il mostro di Denver, un tipo non con la faccia da persona per bene, poteva sembrare a primo acchito una persona per bene ma con occhi strani, bovarini, tipici di chi si spara nel corpo di tutto e di più, occhi morti, vitrei, questo ci leggo, occhi da mettere paura..questo pescando nella mia vita di cronista scalzo di strada alla Kerouac (“solo che non bevo alcolici ma acqua”) differenza di non poco conto… hihihih ;nella foto..poi il mostro ha combinato quello che ha combinato, uccidendo bambini, uomini, seminando il terrore alla prima di Batman, una mente sconvolta, terrificante, mettiamoci pure che in America una pistola la trovi facilmente come, negli ambienti della mala si dice in gerho, la pistola è la mucca e i dodici colpi sono i figli della mucca..stasera ho dietro la mucca carolina e i dodici figli

    • pinoscaccia
      20 July 2012

      Infatti l’ho detto che il problema negli Usa sono le armi. Purtroppo c’è anche qualcuno in Italia che vorrebbe portarci al “far west”.

  2. pinoscaccia
    20 July 2012
  3. irisilvi
    20 July 2012

    Non ha qualcosa di “satanico” questa foto? Orecchie a punta, due ciuffi di capelli in aria a rappresentare le corna, un occhio diverso dall’altro e il sorriso…. sardonico…
    insomma a vederlo ora, dopo la strage, mette paura.

  4. pinoscaccia
    20 July 2012

    La strage di ‘Batman’ a Denver rischia di riaprire, così come accaduto per quella di Tucson dove è stata ferita la deputata Gabrielle Gifford, il dibattito sulle armi negli Stati Uniti. Lo confermano le affermazioni del sindaco di New York, Michael Bloomberg, che ha attaccato il presidente Barack Obama e Mitt Romney, perché chiariscano cosa vogliono fare in merito alla violenza. In Colorado il trasporto di armi, cariche o scariche, a bordo di un veicolo è consentito dalla legge se queste servono per difendersi o per difendere una proprietà.

    • irisilvi
      20 July 2012

      Infatti. Speriamo,appunto, non siano morti invano…sebbene detta così fa venire i brividi….poveri piccoli….
      Credo che per fare il presidente degli stati uniti d’america si debba farsi crescere il pelo sullo stomaco.

      • pinoscaccia
        20 July 2012

        Certo che se dopo quest’ennesima strage non cambiano le leggi vuol dire che gli americani sono proprio così… E purtroppo penso che lo siano.
        Quando tutti sono armati non c’è differenza, si torna davvero al far west dove vinceva la pistola più veloce…

        • pinoscaccia
          20 July 2012

          Altro che difesa personale. Ai bei tempi potevo avere sicuramente un’arma, i carabinieri si meravigliavano anzi che non ce l’avevo. Non l’ho mai voluta. Perchè poi dovevo usarla. E non sapevo come sarebbe finita. Meglio subire talvolta, che morire.
          Tanto per fare un esempio in un territorio infernale, quando sono arrivato a Mogadiscio mi sono sentito protettissimo con una scorta di 20 uomini. Poi è passato un signore della guerra con 100 uomini: se decidevano di attaccarci ci avrebbero massacrati.
          Ecco, c’è sempre uno più forte di te.

          • Francy
            24 August 2013

            Pure la scorta?…RIfiuto della pistola perché poi avresti potuta usarla? Veramente? non è detto che chi ha unarma debba per forza usarla…

  5. pinoscaccia
    20 July 2012

    Holmes si era colorato i capelli di rosso, come Joker, e avrebbe detto: “sono Joker” entrando nella sala proprio mentre il suo personaggio sarebbe comparso sul grande schermo poco dopo.

    • irisilvi
      20 July 2012

      Ma se era la prima assoluta come faceva a conoscere i fotogrammi del film?

  6. mericonci
    20 July 2012

    Sai che su questo (e non solo) sono stata sempre in perfetta sintonia con te. Io meno armi ci sono in giro piu’ mi sento sicura…

  7. GiorgiusGam
    20 July 2012

    [OT Meteo] Maltempo d’inizio settimana: Rischio eventi estremi e piogge alluvionali?

    … tra Romagna, Marche ed Abruzzo si potrebbero avere circa 48 ore di maltempo particolarmente cruento fino a martedì, dai connotati prettamente autunnali con l’aggiunta di possibilità di nubifragi e grandinate di grossa taglia. Le proiezioni più pessimistiche propendono per accumuli persino superiori ai 150-200 mm in appena 24 ore, che potrebbero certamente costituire un problema per locali episodi alluvionali lampo…

    MORE: http://bit.ly/OGwjhK

  8. Fabrizio Ianniello
    20 July 2012

    Le armi negli usa sono causa di 10000 ( diecimila) morti ogni anno. In molti si chiedono perchè? A che serve ? Ma poi rifletti su che business c’è dietro e pensi: se sta bene a loro. L’America è qui da noi e non lo sappiamo.

    • pinoscaccia
      20 July 2012

      Non è solo questione di business. Loro sono così: dentro restano cow boy.

  9. Walter
    21 July 2012

    II EMENDAMENTO della Costituzione USA: “Essendo necessaria alla sicurezza di uno Stato libero una ben ordinata milizia, il diritto dei cittadini di tenere e portare armi non potrà essere violato.”

    Il Secondo Emendamento della Costituzione americana prevedeva di vietare l’ acquisto di armi, a chi non era in condizioni psicologiche sane? Non c’ è scritto. I maledetti signori della guerra, non andranno certo in fallimento se applicano almeno, il principio di possedere piena sanità e facoltà mentale per l’ acquisto di armi.
    Almeno questa prescrizione, a modifica la possono applicare.

    • pinoscaccia
      21 July 2012

      In certi Stati non conta neppure essere pregiudicati…
      La Suprema Corte ha confermato una clamorosa scemenza. Si parla di milizie appunto (nel frattempo…diventate corpi di polizia) e non di privati cittadini. E’ evidente. Ma le lobby evidentemente sono più forti, comandano loro.

    • sissi
      21 July 2012

      Sai che ne “Il Mondo Nuovo” di Huxley venivano usate appositamente persone in condizioni psicologiche ridotte, per svolgere quei lavori che nessuno vuole più fare?
      Io non credo di allontanarmi troppo dalla realtà…immaginando un futuro (se non addirittura al presente) in cui perfino le persone insane di mente per le lobby diventano “armi”……..
      (chissà in che direzione andrà l’eugenetica per esempio… specie dopo le ultime invenzioni agghiaccianti tipo “la pillola della moralità”, e non so che altro: verso la meccanizzazione degli individui, sicuro, ma anche verso la manipolazione nell’incarnazione di anime non proprio evolute?…)

      Il volto di questo psicopatico fa impressione – e a me personalmente l’avrebbe fatta anche prima – non perchè trasmetta qualcosa di particolarmente sinistro – anche Keith Richards non ha propriamente la faccia da ‘santo’, ma è Affascinante….e maiuscolo – ma perchè trasmette la totale banalità di quando non c’è la minima consapevolezza… è questo ad essere inquietante: non c’è coscienza, non c’è una mente consapevole, ma il VUOTO, come un robot, e nel vuoto si inserisce di tutto.

      Per le cosiddette persone “sane” invece.
      Non esistono “lezioni” per chi parla il linguaggio della violenza…
      I “fatti” vengono interpretati col livello di coscienza soggettivo e personale no? o per precisione: per tutti quelli che mancano di una visione oggettiva della realtà…. i fatti vengono interpretati esclusivamente col proprio metro soggettivo e personale.

      Allora le interpretazioni (e le motivazioni) secondo i cowboy sono:
      1. che c’entra, quello è un pazzo, io sono io.
      2. lui è un terminator, io sparerei solo per autodifesa.
      per ‘secondo’…non per primo (morale “temporale”).
      3. tutto può essere usato come un’arma se si è pazzi e si vuol fare male a qualcuno: tanto vale scegliersi quella più ‘idonea’ per l’uso personale ad autodifesa dagli stessi
      …e così via.
      E siccome quest’ultima contiene un fondo di verità (indubbiamente tutto può diventare un’arma, comprese le bombole del gas…non lontano da casa nostra) mi sa che come al solito partendo dalla soppressione degli “effetti” e non dalla cura (e pure urgente) delle “cause”, non si arriva proprio da nessuna parte.

  10. Mouse On Mars
    21 July 2012

    Ormai sono alla frutta. Facciamo solo attenzione a non importare questo modello in Europa. Io ci son stato in USA, per un mese, e vi posso assicurare che fatti di questo genere non mi stupiscono affatto. Sono violenti , fuori di testa. Litigano per un niente. Lo Stato li non esiste. L’unico rapporto con le istituzioni è la polizia che spesso risolve le cose in modo brutale. E’ veramente il Far West. Ma lasciamoli fare. Spero che prima o poi questo Paese di merda imploda su se stesso prima che si tiri dietro il resto del Mondo.

  11. pinoscaccia
    21 July 2012

    L’appartamento del killer di Denver, James Holmes, è così imbottito d’esplosivo che la polizia ha deciso che non può disinnescarli: gli agenti, quindi, faranno esplodere con un robot, ma questo non prima delle prossime ore. Secondo alcuni testimoni, il killer del cinema di Aurora che ha ucciso 12 persone e ferite altre 58, giovane aveva collegato allo stereo del suo appartamento un timer, programmato per far partire musica techno a tutto volume fino a tarda notte. «L’idea -ha spiegato una fonte della polizia- era di indurre i vicini a lamentarsi e telefonare per il fastidio notturno e, quando fossero arrivati gli agenti, gli ordigni sarebbero esplosi».

    • Mouse On Mars
      21 July 2012

      Ma possibile che una persona possa arrivare ad avere tutte queste armi e nella follia premeditare tutto questo ?
      Questa storia dell’impianto stereo è veramente inquietante perché lascia intendere anche una certa lucidità , una premeditazione. Per certi aspetti mi ricorda Breivik . Sarà un caso che il norvegese fosse stato negli USA prima di compiere quell’orrenda strage ?

  12. pinoscaccia
    21 July 2012

    Il profilo su un sito di scambisti, con i capelli rossi: «Mi visiterai in prigione?»

  13. pinoscaccia
    21 July 2012

    Un arsenale in piena regola, acquistato legalmente negli ultimi due mesi, in preparazione della strage. James Holmes, l’ex dottorando in neuroscienze che è entrato in sala per la proiezione di mezzanotte, mascherato e armato fino ai denti, uccidendo 12 persone, addosso aveva un fucile d’assalto Ar-15 (versione civile dell’M-16 militare) un fucile a pompa Remington calibro .12 e una Glock calibro .40. Una seconda pistola identica l’aveva in macchina, ha reso noto la polizia dopo averlo arrestato. Tutto regolare, nel rispetto delle leggi federali chiariscono le autorità, aggiungendo che i controlli obbligatori non avevano segnalato nulla di sospetto sull’acquirente.

    Holmes ha acquistato diverse munizioni su internet, compresi caricatori ad alta capacità la cui produzione era vietata fino al 2004. Uno di questi caricatori a 100 colpi per il fucile d’assalto, è stato rinvenuto al cinema. Scaduto il divieto di produzione nel 2004, questo tipo di caricatori ad alta capacità è tornato sul mercato in grande quantità. Le autorità hanno anche riferito che Holmes indossava una specie di divisa protettiva nera al momento della strage. Un negozio online specializzato in abbigliamento tattico per la polizia ha detto al giornale locale St. Louis Dispatch di aver venduto a Holmes un kit completo, con giacca d’assalto, scomparti per le munizioni e un coltello, il 2 luglio. Per la consegna, Holmes ha chiesto una spedizione rapida. Particolare significativo, alla luce di quanto stava progettando.

    • Mouse On Mars
      21 July 2012

      Vendono armi da guerra come se fossero caramelle. Ma questi sono veramente tutti fuori di testa.

      • pinoscaccia
        21 July 2012

        C’è anche in Italia chi vorrebbe tutti armati….

        • Mouse On Mars
          21 July 2012

          E lo so , ma infatti gli americani non vedono l’ora di far diventare l’Europa come loro.

          E credo che ci riusciranno a breve. Non so se l’Euro arrivi a mangiare il panettone. Una cosa è certa. Entro Natale succederà qualcosa di pesante. Attenzione ai conti correnti :-)

          • irisilvi
            21 July 2012

            Che cosa vuol dire Francesco? Attenzione a cosa? Tutti sappiamo cosa potrà accadere se si ritorna alla lira o comunque nel passaggio tra le divise. Non ci sarebbe solo da far attenzione ai cc ma alla propria vita stessa. Come insegna questo post, la gente si barricherebbe in casa con le armi, tipo guerra civile, ci sarebbero bande di disgraziati che controllerebbero zone di città o d’Italia. Ci avranno pensato coloro i quali hanno in mano il nostro destino? Senza pensare al prima…cioè quei momenti che anticipano il crollo…

  14. Lucio Gialloreti
    21 July 2012

    Sempre luminosi esempi dall’America…!!

  15. sissi
    21 July 2012

    Esempio lampante… di come stupidità e violenza procedono sempre insieme.

    • sissi
      21 July 2012

      …certo che se anche quel negoziante si fosse fatto venire un piccolissimo dubbio…
      in un mondo ipocrita, tutto basato sulla violenza e con vedute scarsamente lungimiranti e intellettive, gli sarebbe stato risposto che era “paranoico”…. o che il male era in lui per aver pensato male?
      ahh….

      • pinoscaccia
        21 July 2012

        Il commerciante americano è appoggiato dalle leggi. “Tutto regolare, tutto perfettamente legale” ha scritto la polizia.

        • sissi
          21 July 2012

          Lo so: gli avrebbero risposto che era legale. Certo.
          Ma io mi affido sempre all’ironia… in merito a certi “illuminati ragionamenti” che spesso si sentono in giro… :)))
          Vorrà dire che la dirò alla Oscar Wilde, come sempre, la mia bibbia:

          “la morale moderna consiste nell’accettare le regole del tempo. Io penso che per ogni uomo colto, accettare le regole del suo tempo sia l’immoralità più grossolana”
          …. :)))

  16. marcelloululilupoulula
    21 July 2012

    Vivo in toscana, risaputamente una delle regioni con il più alto numero di cacciatori d’italia. In ogni casa vengono detenuti regolarmente armi e munizioni, doppiette, fucili automatici e sovrapposti ( mio suocero da solo ne possiede una decina essendo stato anche un tiratore di “piattello”). Armi che molti ancora usano o che sono rimasti in eredità dal nonno cacciatore. Ovviamente tutto denunciato ( si rischia il penale ) ed ogni stazione dei carabinieri ha in carico le denunce delle suddette armi. Pino non sono d accordo con l’equazione! che possedere un fucile od una pistola equivale ad essere un pericolo pubblico. Pino il problema è sicuramente serio ma criminalizzare chi possiede un arma lo trovo eccessivo.
    Basta usare il cervello, chi non ce l ha si deve curare!!. In italia per possedere un porto d’armi bisogna passare svariate visite mediche nonchè essere maggiorenni. In America, ed in questo hai ragione, chiunque può possedere un arma anche un ragazzino, nella massima libertà. I mezzi per contrastare il problema ci sarebbero basta metterli in atto. Dopo l’11 settembre chiunque entri nel territorio Statunitense viene quasi radiografato. Perchè non fanno la stessa cosa ai possessori di armi INDIGENI ??

    • sissi
      21 July 2012

      Marcello, te lo spiego.

      Non è questione di equazioni qualunquiste secondi le quali ogni possessore di un’arma è un ipotetico assassino, ma è questione della scelta…del “giocattolo” o dello “sport” preferito da praticare, che consiste nel sparare a un altro essere vivente, uccidendolo. E’ la cosa in sè….che è violenta, non certo di ispirazione poetica.
      Se a questo ci aggiungi un fragile equilibrio psichico che ormai sembra dilagare peggio di un’epidemia, la poltiglia è fatta.

      Inoltre già tempo fa ho fatto l’esempio del film “Il giocattolo”, con Nino Manfredi. Il poliziotto che gli regala la pistola glielo dice chiaramente: “l’uomo che morirà con questa pistola non sarà morto quel giorno, ricordatelo. Ma oggi”.

      E poi scusa, ma “se basta usare il cervello” perchè possedere un’arma??

  17. pinoscaccia
    21 July 2012

    Giusto. Marcello, neanch’io ne faccio un’equazione e so pure che la colpa non è mai dell’arma. Ma vanno chiarite alcune cose. Intanto personalmente ritengo una pratica incivile quella di sparare agli animali: sarebbe più giusto se fossero armati anche loro… Diverso il discorso del tiro al piattello, quello è sport. Non sono dunque contro le armi ma contro la proliferazione: tutti sono convinti che è come con gli uccelletti, loro forti perchè armati. Invece la realtà è che nella vita trovi altri altrettanto armati.
    Poi stiamo parlando comunque di caccia. Forse ti sfugge che negli Stati Uniti si possono comprare legalmente armi da guerra. Mi devi spiegare cosa ci doveva fare quel ragazzotto con un kalashnikov: il tiro a segno?
    E’ pure vero, per concludere, che un Paese armato è molto pericoloso. Basta vedere cosa è successo nei Balcani, dove tutti sono armati. Per non parlare del Maghreb.
    In Italia poi ci sono gruppi che non vanno neppure a caccia ma spingono per la difesa personale, la giustizia-fai-da-te. Proprio come negli Stati Uniti. Per fortuna, l’idea non passa altrimenti faremmo la stessa fine.

    Dimenticavo, da noi comunque ci vuole il porto d’armi (anche se dato con troppa facilità…). Da loro no, niente.

  18. pinoscaccia
    21 July 2012

    Ecco la differenza. A Palermo guardate che hanno combinato per bloccare due con un kalashnikov nel portabagagli. Hanno la stessa età del “Joker”. (leggi)
    In Colorado al folle ragazzotto gliel’hanno consegnato in confezione regalo. Queste differenze esistono e devono rimanere.

    • irisilvi
      21 July 2012

      e per fortuna…
      scambista a 24 anni???!!!! non si può vedè!

  19. marcelloululilupoulula
    21 July 2012

    Pino non difendo assolutamente l’attività venatoria ( argomento dibattuto da decenni con grandi imbarazzi politici) ne tanto meno gli “sceriffi fai da te” che giudico personalmente degli idioti.
    Gli Americani purtroppo sono un popolo strano. Sono contro il fumo e sono i leader nel mondo della produzione di sigarette, si credono, (oggi forse meno), gli esportatori della democrazia in tutto il mondo a forza di bombardamenti e si credo i più democratici dei democratici perchè permettono a chiunque di difendersi sparando a chi varca la “proprietà privata”. Le armi, per loro, fanno parte di questa cultura paradossale ma possedere un arma ( @ sissi ) non significa necessariamente essere un pericolo pubblico né tantomeno dei ” poco intelligenti “.
    Psicanaliticamernte il prolungamento del pene si manifesta nei modi più disparati: la bella moto, la bella macchina, la ricchezza.
    L’importante, se si hanno problematiche psicologiche, è farsi curare da ” uno bravo”…. :)

    • sissi
      21 July 2012

      Per carità, Freud quello col pallino fisso, che riduce tutto al sesso pure se ti sei sognato una matita?!? :))))
      L’importante è la bellezza…in tutte le sue forme, comprese quelle materiali. E non ne vedo nello sparare agli scoiattoli, sinceramente. (come nelle manifestazioni più barbare e incivili dell’essere umano).

      • marcelloululilupoulula
        21 July 2012

        Chi spara agli scoiattoli scusa?

        • pinoscaccia
          21 July 2012

          In realtà nessuno. Però ai cinghiali sì, con i pallettoni.

          • marcelloululilupoulula
            21 July 2012

            Pino lo so bene vivo in campagna circondato da cinghiali e cacciatori e purtroppo finche daranno loro il permesso continueranno .

          • pinoscaccia
            21 July 2012

            Infatti il problema è il permesso. Un mio amico un giorno ne ha uccisi tre. Non sapeva che farne, ha cercato di regalarli a tutti. Insomma, lo aveva fatto per il solo gusto di uccidere.

          • pinoscaccia
            21 July 2012

            La questione delle armi poi è un’altra. Quel mio amico è una brava persona ma ogni tanto, giocando a carte, ha scatti d’ira improvvisi. Senza voler fare equazioni a ognuno di noi salta talvolta il cervello e avere un’arma a portata di mano è pericolosissimo. Almeno una volta finiva in una scazzottata. La cronaca è piena di episodi.

        • sissi
          21 July 2012

          Ma no marcello era per dire agli esserini indifesi, Bambi! Per gli scatti collerici – un’alra cosa dai giustizieri comunque – la pistola non serve: funziona benissimo anche una manciata di pomodori conditi con olio su una bella camicia bIanca e cravatta mmh! Che piacere!! :)))

  20. Mouse On Mars
    21 July 2012

    @irisilvi
    Non ti allarmare. Non intendo ne rivoluzioni armante ne niente del genere. Ma credo che presto arriveranno a prelevare dai conti correnti. :-)

    • pinoscaccia
      21 July 2012

      Io direi che per un attimo dimentichiamo l’euro, non c’entra niente nè con Denver nè con le armi.

  21. sissi
    21 July 2012

    Non sono un’esperta, non frequento i luoghi per scambisti e non dovrei giudicare quello che non conosco, ma infatti il dubbio mi era venuto…di quella finta trasgressione molto banale… composta da persone un po’ terra-terra (non me ne vogliano gli scambisti, ma il dubbio viene :)))
    anche qui è tutta questione di giri giusti…e ad alti livelli di bellezza ed eleganza… :)))

    • pinoscaccia
      21 July 2012

      Non era uno scambista, non aveva nessuna…da scambiare. Si era iscritto a un sito di incontri, voleva solo sesso facile e senza impegni.

      • sissi
        21 July 2012

        come gli animali, insomma…(non che , in questo, ci fossero dubbi).

  22. pinoscaccia
    21 July 2012

    I primi frammenti della vita di James, 24 anni, non dicono molto. È cresciuto nel sud della California, in un sobborgo di San Diego. La sua è una famiglia «adorabile». Il padre ingegnere ed esperto di computer, la mamma infermiera, una sorella minore. Poi la solita marcia del bravo figliolo, cadenzata dagli impegni scolastici. Il liceo, quindi l’università con una laurea in neuroscienze nel 2010. Anno non buono per trovare lavoro. Infatti James non lo trova e la madre lo spinge a continuare gli studi con una specializzazione. Ma lontano da casa, in Colorado. E quando arriva sotto le Montagne Rocciose, James cerca un appartamento con un annuncio. Scrive: «Sono un tipo tranquillo, senza pretese». E forse senza tanti amici. I vicini – quelli di San Diego e a Aurora – dicono tutti la stessa cosa.

  23. Rosaria
    21 July 2012

    Scusatemi non voglio prendervi in giro ma ci sono espressioni che se prese in disparte sono molto simpatiche
    Sissi : Per carità, Freud quello col pallino fisso, che riduce tutto al sesso pure se ti sei sognato una matita
    Pino : Non era uno scambista, non aveva nessuna…da scambiare.
    :) :)

    • sissi
      21 July 2012

      :)))
      ma sono sgomenta, in realtà.

  24. Rosaria
    21 July 2012

    Buona sera a tutti rispetto agli Stati Uniti il grande serbatoio delle persone abbandonate dinanzi ai media dove quasi per 24 ore intere sono pubblicizzate armi e l’esigenza di fare la guerra per essere un buon cittadino americano. Le differenze di classe si superano diventando militare . Qualcuno tra voi mi sa Sissi spera che le scene di violenza presenti nei film non possano influenzare le azioni e i comportamenti delle persone L’emulazione in alcuni casi per le organizzazioni criminali si è registrare ricostruire scene prese dal Padrino o Il camorrista il film più inflazionato Adesso non si vuol dire che chi propone è il caso anche di tante associazioni tale film per ricordare e trasmettere attraverso una pellicola una parte di storia sia un delinquente o voglia crearne ma sicuramente c’è chi né ha fatto un uso diverso. Sicuramente quando agiscono in questi casi hanno anche assunto sostanze stupefacenti per gasarsi Lo racconta la cronaca e per questo sono sempre più del parere che anche nel mondo delle associazioni bisogna cambiare stile e modo di proporre degli argomenti affidandosi alle inchieste che giornalisti seri anche della RAI ( non devo arruffianarmi nessuno fanno dei fatti .Perché è su questi canali che poi fortunatamente come ns. anche increscioso patrimonio La storia non è fatta solo di belle cose e trionfi ottenuti con la violenza e guerre) che hanno ricostruito i fatti secondo documenti su youtube oggi si trova molto. Rispetto all’uso delle armi in Italia eliminerei il porto d’armi anche per la caccia altresì le armi per altri sport. Una famosa e ormai storica espressione dialettale dice : “A capa è una sfoglia di cipolla” . Come fai Pino a sapere che la foto di capelli rossi era una preparazione alla tragica vicenda è stata introdotta qualche ora prima su quel sito ?

  25. pinoscaccia
    21 July 2012

    Non l’ho mai detto che era una “preparazione”. Era solo per disegnare il suo profilo psicologico.

  26. pinoscaccia
    21 July 2012

    Secondo una statistica, definita dagli autori ‘approssimativa per difetto’, sarebbero piu’ di 400 milioni le armi a disposizione dei 311milioni di cittadini americani. Tra queste anche armi pesanti da guerra con le quali gruppi di fanatici in tuta mimetica si divertono a prendere di mira bersagli piazzati nelle anse dei fiumi. Qualcuno, ogni tanto, visto che non gode a sufficienza, si mette ai lati di un’autostrada per far fuori ignari automobilisti. Shock, orrore, pianto corale, pieta’ per le vittime, affetto e vicinanza alle famiglie dei morti e dei feriti: la giaculatoria sperimentata in decine di altri casi a rilevanza nazionale si e’ puntualmente messa in moto anche nella notte dell’eccidio al Cinema del sobborgo Aurora di Denver in Colorado. Tra qualche giorno i media metteranno in terza, quarta pagina il tragico evento e la gente scordera’ anche questa azione tragica di un folle che ha avuto la possibilita’ di acquistare su Internet armi e munizioni. Quanto ad una legge che controlli la diffusione ed il possesso di armi meglio non parlare. Non si deve disturbare il manovratore, ovvero la NRA, National Rifle Association, che distribuisce a repubblicani e a molti politici democratici milioni di dollari per le campagne elettorali e paga lautamente le agenzie di lobby di Washington per impedire che siano presentate proposte di legge che vadano contro gli interessi della categoria. E poi c’e’ la cultura dei peggiori film western, diffusa specialmente nei paesi della Bible Belt, quelli nei quali vi sono stuoli di seguaci dei predicatori televisivi. In chiesa con la pistola nella fondina. Ed anche questa e’ America. Oscar Bartoli (da Washington)

  27. Walter
    22 July 2012

    Mah… Se si vuole guidare una vettura, un camion o altro veicolo, ci vuole una patente, rilasciata da un Ente statale previo esami. E questo accade in ogni parte del globo.
    Per comperare alcolici in USA occorrono 21 anni, e mica si possono portare in vista, ma ben chiusi e non pubblicizzati.
    Solo 19 per uccidere su ordinazione nell’ Esercito, mentre chi dice “arbitro cornuto!” in uno stadio viene cacciato a pedate.
    Con le armi no.
    Si entra in uno store e si ordina un fucile a pompa, qualche snack, una pepsi e arrivederci.
    Gli anacronismi assurdi della moralità maccartista.

    • pinoscaccia
      22 July 2012

      è lo spirito degli antenati che prevale, quelli che hanno massacrato i pellerossa

  28. Walter
    22 July 2012

    Chi è emigrato negli Stati Uniti quando ancora tre secoli fa di unito c’ era ben poco, non era certo la crema dell’ intelletto e della cultura. Disperati di ogni sobborgo europeo.
    Questi sono i risultati.

    • pinoscaccia
      22 July 2012

      e anche adesso, hanno tanto bisogno di soldati per le troppe guerre nel mondo che regalano la carta verde a tutti (e si vede cosa succede)

  29. Walter
    22 July 2012

    Vero. Se si vuole emigrare per lavoro, si sta in decantazione alla frontiera fino allo sfinimento. Ma se si va per sparare si è i benvenuti, basta che i capelli e la divisa siano in ordine. Buonanotte a tutta la Torre.

  30. sissi
    22 July 2012

    Lo diceva anche mio nonno, ‘che ti vuoi aspettare dagli americani, popolo di ex galeotti e avventurieri’…ma è pure vero che sono passati tre secoli eh!
    Se penso a quanto eravamo innamorati di loro, alla liberazione che ci hanno portato, la libertà!… E poi invece…l’aberrazione delle guerre e dell’individualismo più esasperato, di un materialismo senza spiragli di luce, dell’angoscia… senza soluzione.
    Mah. So che quel territorio è soggetto a fortissime influenze elettromagnetiche: saranno queste la causa di un materialismo così esasperato? Io li vedo ‘lacerati’, come persone, tutti che stanno dallo psicanalista – che poi, per me fa perfino peggio, proprio non credo nella psicanalisi, è inutile, troppo materialista a sua volta, incapace di trovare la verità, chiusa in un vicolo cieco, senza risposte.
    Forse come società occidentale, considerando la decadenza in atto, dovremmo davvero seriamente interrogarci sul fallimento di un estremo materialismo senza ideali, imprigionato in un individualismo scientificamente strutturato e nel contempo completamente astratto…avulso dalla realtà, che ormai produce soltanto ‘automi’ omologati come pezzi in fabbrica.

  31. pinoscaccia
    22 July 2012

    Infatti la questione è prevalentemente concettuale e riguarda il materialismo. Gli americani non sono certo bestie assetate di sangue ma con le armi rivendicano il diritto a difendere la proprietà.

    (E pur vero comunque che la moltitudine di guerre e…il bisogno di guerrieri per portarle avanti hanno inquinato la società)

  32. sissi
    22 July 2012

    Già, perchè poi la conseguenza principale di questo materialismo (e individualismo) portato all’estremo è proprio la PAURA. Il terrore e la paura di tutto e di tutti (dalle malattie alle aggressioni) è proprio la prima conseguenza in assoluto del materialismo estremo posto al centro della vita. Tutti armati fino ai denti con la paura amplificata di ladri e assassini, i quali, a loro volta aumentano – sempre come conseguenza della medesima causa: l’imprigionamento nella materia, senza sentire più nulla, senza un ideale.
    Anche questa assoluta fiducia che “con le armi” possano difendere se stessi e la proprietà, e quindi con la violenza contrapposta a violenza come ‘soluzione’, è il sintomo dello stesso discorso. Proprio è lontanissimo da loro un qualsiasi discorso di ‘interiorizzazione’, di ricerca… anche spirituale, ma tra emarginazioni disumane – e quindi mancanza di lavoro, Lavoro, e conseguente stordimento tra slot-machine e videogames, musica techno e vuoti esistenziali – e il successo, il potere, l’arroganza della tecnologia e del lusso più sfrenato – con conseguente vuoto, depressioni, alcol, droghe, suicidi e psicanalisti – non riescono a capire, o almeno porsi il dubbio, di una fase giunta alla sua conclusione: tutto nasce, si sviluppa, ma poi necessita di una trasformazione, sennò ristagna.

    Questo come popolo, un po’ genericamente; poi, come dice più di qualcuno sopra, la colpa non è comunque proprio la loro ma di chi ‘realmente’ li governa, come sappiamo. Comunque certo che basta leggere “Hollywood Babilonia”…per capirne veramente la follia – estremamente materialistica – che li caratterizza da sempre.. da voltastomaco quel libro, non sono riuscita neanche a finirlo (va bene il fascino del lusso e del vizio, ma davvero a tutto c’è un limite).

    Dovendo rappresentarli come un quadro – e tutti, allargando il discorso occidentale – viene fuori un’opera sola: l’urlo di Munch. Non riesco a pensarli (e a pensarci) diversamente.
    – oppure la solita differenza tra “lo zoo di vetro” e..che so, “zio vanja”, “il giardino dei ciliegi”: angoscia sorda e senza via d’uscita la prima, un altrettanto dolore ma veramente dotato di profonda e toccante bellezza…gli altri due.

  33. pinoscaccia
    22 July 2012
  34. Walter
    22 July 2012

    [OT]
    Caspita! Questo non è più un Blog, ma quasi un Giornale quotidiano!

    • pinoscaccia
      22 July 2012

      Walter, menomale che almeno tu… te ne sei accorto… Non va più visto solo nei post, ma anche nelle colonnine.

      • irisilvi
        22 July 2012

        Eh no cavolo!!! Diciamo che Walter l’ha detto per primo. Vero Walter? Ce ne eravamo resi conto tutti….

        • pinoscaccia
          22 July 2012

          Ambè!

        • Walter
          23 July 2012

          Dai Irisilvi, sempre a malignare (io non ho tappato la tastiera a nessuno). :-)
          Poi quelle che sembrano colonnine, sono rubriche a tutti gli effetti.

          • pinoscaccia
            23 July 2012

            dove si può anche commentare, volendo (il link porta sempre a una pagina): lo dico per tutti, irisilvi lo sa è già stata su acidcamera che è un pò un altro blog parallelo

          • irisilvi
            23 July 2012

            A malignare??? ;)
            ok ok

  35. pinoscaccia
    23 July 2012

    «Durante l?estate ho lavorato sull?illusione temporale, che permette di cambiare il passato». Voce e gesti tradiscono timidezza e nervosismo. Ma parole e argomenti sono quelli di una persona molto intelligente È un video di 6 anni fa, ottenuto e trasmesso in esclusiva domenica dall’emittente americana Abc. A quei tempi James Holmes, il killer che ha ucciso 12 persone (e fatto 59 feriti) dentro un cinema di Aurora, vicino Denver, durante la prima di Batman, aveva 18 anni e parlava nervosamente di fronte a dei coetanei, studenti come lui al Miramar College di San Diego. Nelle immagini Holmes, che all’epoca si presentava come aspirante scienziato, parla di un concetto più fantascientifico che reale: le «illusioni temporali che consentono di cambiare il passato», spiegava sei anni fa Holmes. VIDEO

  36. GiorgiusGam
    23 July 2012

    Occhio ai Ladri – Italia: Riccione, Coppia sequestrata in villa da due finti carabinieri

    …LA rapina si è consumata venerdì mattina. Nella casa vive la coppia, lui 65 anni, ex commerciante riccionese, lei qualche anno più giovane, insieme alla figlia che però aveva dormito fuori. Sono circa le 8, quando la donna sente suonare il campanello. E’ sola, perchè il marito è uscito a fare la spesa, e quando va ad aprire si trova di fronte due uomini, sui 30-35 anni, che si qualificano come carabinieri. Inventano una scusa qualsiasi, ma una volta dentro si tolgono la ‘maschera’. Non sono carabinieri, ma banditi e vogliono i soldi che ci sono in casa. Non sono armati, ma bastano i loro ‘modi’ a convincerla che fanno sul serio e sono pericolosi…

    MORE: http://bit.ly/MipbWj

  37. sissi
    23 July 2012

    OT – Voglio dire una cosa sola, anzi una domanda

    Non soltanto FORZA SPAGNA, siamo i vostri fratellini e siamo tutti con voi – della Grecia neppure si parla più e non si sa di che morte li hanno fatti morire, poverini – ma pure secondo me succederà qualcosa di grosso prima o poi, non con i conti correnti ma proprio che finisce di sfasciarsi tutto.
    Del resto, la domanda è: ma possono quattro stronzi ridurre alla morte MILIONI di persone???

    Milioni di persone….senza più nulla….da un giorno all’altro improvvisamente così…la morte civile.
    Ma dovrebbe scendere in piazza semplicemente tutta Europa….ma proprio TUTTA L’EUROPA contro i reati di quattro gatti… criminali.

  38. GiorgiusGam
    23 July 2012

    [OT Allerta Meteo Estofex]: http://www.estofex.org/

    Immagine Sat24: http://www.sat24.com/en/eu

  39. GiorgiusGam
    23 July 2012

    Alla faccia del “forse sedato” giornalistico. Mentre il giudice leggeva le imputazioni, l’assassino 24enne era con la testa in un altro mondo…

  40. pinoscaccia
    23 July 2012

    Lo sguardo perso nel vuoto e l’aria stravolta. James Holmes, sospetto autore della strage nel cinema di Aurora, vicino a Denver, è comparso davanti alla Corte in Colorado. I capelli ancora tinti di arancione, il 24enne si è seduto al banco dei giurati, guardando verso il basso e mostrando una certa emozione. Il killer, tenuto in isolamento, si è finora rifiutato di collaborare con le autorità e non ha mostrato rimorso per aver ucciso 12 persone. L’udienza è stata breve. La prima di un processo legale che si protrarrà per mesi.I giudici formalizzeranno le accuse la settimana prossima, esattamente lunedì 30 luglio. Quindi a sette giorni dalla brevissima udienza preliminare, che ha visto la partecipazione dell’imputato, per la prima volta in pubblico dopo il massacro. L’accusa potrebbe chiedere la pena di morte, la difesa punterà sull’infermità mentale.James Holmes è apparso assente, lo sguardo perso nel vuoto e gli occhi spesso chiusi, quasi fosse sotto l’effetto di sedativi. Tanto che qualche osservatore tra i media americani si è chiesto se sia stato sottoposto, durante la sua detenzione in isolamento, a qualche trattamento farmaceutico, a base di calmanti. Il ragazzo indossava una uniforme penitenziaria arancione. E nel frattempo è stata diffusa la notizia che James Holmes assunse 100 mg di Vicodin due ore e mezzo prima di compiere la strage nel cinema di Aurora. Lo riferiscono i media Usa, per i quali sarebbe stato lo stesso Holmes a rivelarlo agli agenti che lo hanno fermato nel parcheggio del cinema multisala dopo la sparatoria. Il Vicodin, ricorda la stampa americana, è un antidolorifico e si tratta di una delle sostanze assunte da Heath Ledger, l’attore australiano che aveva interpretato il ruolo di Joker in un precedente film della saga di Batman, morto per overdose di farmaci nel 2008. Il tabloid NY Post, riferisce inoltre di un testimone che abitava nella stessa via di Holmes, che sostiene di aver visto in precedenza il giovane «fumare erba all’interno del suo appartamento».

  41. aurelianoflavio2
    24 July 2012

    200 milioni di armi, vendute negli USA? Follia pura!

  42. GiorgiusGam
    24 July 2012

    [Svizzera]: Razzismo d’alta quota sotto i ghiacci del Bernina – “Italiani, fuori dal rifugio”

    …’ERANO TROPPI’ – Interpellata dal Secolo XIX sull’episodio, la titolare del rifugio Berghaus Restaurant Fourcla Surlej, ai piedi del ghiacciaio del Bernina, si è giustificata dicendo di averli mandati via ”solo perché erano troppi, ma non perché fossero di nazionalità italiana. Comunque questo è un rifugio privato”. In quanto tale non fa parte del Club Alpino Svizzero, dunque non ha l’obbligo di accoglienza. Della serie: sulle nostre montagne facciamo come ci pare…

    MORE: http://bit.ly/OdWRHl

  43. GiorgiusGam
    24 July 2012

    [ITALIA]: “Vergilius”, per multarti meglio sulle statali italiane

    …”Non ha le spire affogate nell’asfalto per rilevare il passaggio dei veicoli”, spiega l’ANAS. “Tutte le auto vengono riprese dalle telecamere montate sui portali, che identificano la targa in entrata e in uscita dal tratto sorvegliato. Se la velocità media risulta superiore ai 90 km all’ora, massimo consentito sulle statali, il computer della Polizia stradale invierà in automatico il verbale a casa del trasgressore…

    MORE: http://bit.ly/OdRwQe

  44. pinoscaccia
    25 July 2012

    Ecco. Questi sono gli americani.

    Dopo la strage di Denver la gente si sente meno sicura. Ma la conseguenza, inaspettata, è l’aumento repentino della vendita di armi automatiche, registrato già nelle ore immediatamente successive alla tragedia del cinema di Aurora. Lo rivela il Denver Post, secondo il quale nello stato del Colorado, dove si trova la città teatro della sparatoria, la domanda di armi è cresciuta rapidamente del 41%. A Parker, cittadina del Centennial State, davanti all’ingresso del negozio Rocky Mountain Guns and Ammo si erano radunate da 15 a 20 persone in attesa di entrare, già poche ore dopo la tragedia. Una sorta di paura improvvisa e incontrollata si è allargata a macchia d’olio contagiando centinaia di semplici cittadini che si sono precipitati nei negozi d’armi. Il Colorado Bureau of Invastigation nel week end successivo alla sparatoria ha approvato 2,887 richieste di acquisto di fucili e pistole, un numero incredibilmente alto, il 43% in più rispetto ai giorni precedenti, e il 39% superiore al primo wek-end di luglio. segue

  45. pinoscaccia
    25 July 2012

    La Casa Bianca non ha escluso che Barack Obama decida di violare quello che negli Stati Uniti rimane comunque un autentico tabù e che, sulla scia dell’emozione suscitata nell’opinione pubblica dalla strage della settimana scorsa a Denver, intervenga sul delicatissimo tema del controllo delle armi, quanto meno per renderlo maggiore rispetto agli attuali standard ultra-permissivi. Secondo il portavoce presidenziale Jay Carney, infatti, “è certo possibile” che Obama “si occupi in futuro di tali questioni, ma al momento”, ha tagliato corto, “non ho da fornire alcun aggiornamento della sua agenda”. Appunto. Mica è scemo.

  46. pinoscaccia
    25 July 2012

    James Holmes, il sospetto killer della strage del cinema di Aurora, è stato rifiutato da tre donne su un sito per adulti poco prima di compiere la mattanza al cinema di Aurora, in Colorado, il 20 luglio scorso. Lo riporta il sito Tmz. Il ventiquattrenne si era iscritto ad AdultFriendFinder.com – che si autodefinisce il più grande ritrovo per appuntamenti sexy del mondo – il 5 luglio scorso. Secondo il quotidiano Daily News alcuni funzionari federali hanno confermato che il profilo è proprio quello del killer. Sulla sua pagina Holmes ha detto di essere alla ricerca di un rapporto sessuale occasionale, anche con due o più partner. Stando ai racconti degli ex compagni di liceo sembra però che l’assassino non fosse esattamente un latin lover. Durante tutta la durata delle scuole superiori non avrebbe mai avuto una ragazza. E anche una delle tre ragazze che ha respinto le avances di Holmes su AdultFriendFinder.com, ha definito il suo approccio “innocente”, spiegando che “forse voleva solo chattare, non avere un rapporto sessuale”.

  47. GiorgiusGam
    26 July 2012

    YouTube e i “troppi” video tutorial, di personaggi (americani, alcuni ex reduci Iraq) con la birra in mano e un arsenale da guerra in casa (armi nuove e usate) da fare invidia anche all’esercito americano…

  48. GiorgiusGam
    28 July 2012

    Annuncio choc in Rete: “Cercansi ex galeotti per recupero crediti”

    …E’ l’annuncio choc pubblicato qualche giorno fa (per la precisione il 24 luglio) sul sito specializzato Subito.it da un’agenzia di recupero crediti di Pesaro. Un’offerta di lavoro che non è passata inosservata alla Rete che nelle ultime ore l’ha rimpallata in lungo e in largo, nonostante l’annuncio sia stato bannato poche ore dopo la sua pubblicazione online, per le proteste di alcuni internauti offesi dal contenuto giudicato “razzista”…

    MORE: http://bit.ly/OYp6Gu

    Vigile gli eleva una multa di 39 euro, lui lo prende a pugni: un massacro

    …POCO PRIMA delle 18 la proprietaria di una di queste auto, uscendo dall’edicola della piazza, si è accorta di aver beccato la multa e non ha esitato a rivolgersi con piglio deciso nei confronti dell’agente, che subito dopo è stato afferrato per il collo dal marito della donna — Giuseppe Pierangeli, pensionato, 60 anni — sbattuto contro il portone della centralissima chiesa di San Francesco e colpito ripetutamente in faccia con violenza inaudita. Un cazzotto dietro l’altro, fino a far sanguinare copiosamente il giovane e a spaccargli il naso e se le conseguenze non sono state ancora peggiori lo si deve al pronto intervento di un avventore del vicinissimo bar «Duca», che accortosi di quanto stava succedendo, ha placcato energicamente da dietro il 60enne, evitandogli di inferire ancora sulla sua vittima, rifugiatasi in municipio con gli abiti completamente imbrattati di liquido ematico e la faccia tumefatta…

    MORE: http://bit.ly/QnWa1v

  49. Pingback: Come ai tempi del far west | Succede in America

  50. Pingback: Tutto è fermo ai tempi del far west « La Torre di Babele

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 20 July 2012 by in far west.

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Categories

Archives

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Blog Stats

  • 691,959 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,421 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: