E questa sarebbe la nuova Libia?

Un ordigno fatto esplodere lungo il muro di cinta e un tentativo di assalto. Nel mirino a Bengasi l’ufficio dell’ambasciata Usa. L’area dove ha sede l’ufficio, molto ampia, ospita tre palazzine. Secondo i primi rilievi, la bomba sarebbe stata «non artigianale» e non ci sarebbe nessuna vittima. L’attentato è stato rivendicato dal Gruppo Prigioniero Omar Abdelrahman, che ha minacciato «gli interessi americani» nel Paese nordafricano, ha riferito una fonte della sicurezza a Bengasi. «Abbiamo chiesto al governo libico di aumentare la sicurezza attorno alle nostre strutture» ha detto alla Reuters un funzionario dell’ambasciata. Appare sempre più intricata e in salita la strada per il consolidamento della nuova Libia, incapace di superare le divisioni interne e porre fine al «potere parallelo» delle milizie che, dopo la fine del regime del Colonnello Gheddafi, non hanno abbandonato le armi. Risale ad appena due giorni fa l’assalto all’aeroporto di Tripoli da parte dei miliziani della Brigata Tarhuna, che ha costretto le autorità a chiudere lo scalo.  LA NUOVA LIBIA

Advertisements

One thought on “E questa sarebbe la nuova Libia?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s