La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

Brindisi: fermato un benzinaio leccese, avrebbe già confessato l’attentato

Avrebbe finalmente un volto il responsabile dell’attentato alla scuola di Brindisi. Dopo un lungo interrogatorio è stato fermato un benzinaio di 68 anni di Copertino in provincia di Lecce, Giovanni Vantaggiato. La sua auto, una Fiat Punto, sarebbe stata ripresa  poco prima dell’esplosione.Ma le telecamere della zona avrebbero ripreso anche un’altra automobile di un familiare del sospettato. L’uomo è accusato di strage aggravata alla finalità di terrorismo. Avrebbe già confessato.  Oscuro il movente. ansa.it

14 comments on “Brindisi: fermato un benzinaio leccese, avrebbe già confessato l’attentato

  1. irisilvi
    6 June 2012

    Sono senza parole!! Un benzinaio, un uomo di 68 anni, probabilmente per vendetta personale, sarebbe l’autore di quel macello?????

  2. pipistro
    6 June 2012

    Del tutto fuori dagli schemi.
    Mette a disagio ripeterlo, ma era scritto.

    • pinoscaccia
      6 June 2012

      E se veramente è lui, così fuori dagli schemi, bisogna ammettere che sono stati bravi a trovarlo.

      • pipistro
        6 June 2012

        Sì, penso che l’unico aiuto per gli inquirenti sia stata la assurda disinvoltura con cui si è mosso in prossimità della scuola.

        • pinoscaccia
          6 June 2012

          Proprio un dilettante (per fortuna): fare tutto sotto l’occhio delle telecamere.

  3. ceglieterrestre
    7 June 2012

    De sti tempi la mente umana se perde e chi ce rimette chi è senza corpa.
    :(

  4. ….Pino questo folle personaggio ha commesso una tale sequela di cretinate che non potevano non prenderlo….esatto !! un dilettante…….bravi comunque gli inquirenti…..

  5. sissi
    7 June 2012

    Che fosse una vendetta privata tutti ci hanno pensato. La mafia locale ha mandato biglietti di solidarietà alle famiglie e ha subito detto di non entrarci niente. Io pensavo alla malavita…locale, (per qualche vendetta sempre) che non necessariamente deve essere “mafia”, ma pare che non si muova foglia che un potere più grosso non voglia, e quindi scartata anche quest’altra ipotesi.

    Il preside è una figura strana per due motivi: pare che avesse messo una porta blindata nella sua stanza dentro la scuola – il che già è strano, se vuoi stare in pace senza che nessuno ti disturbi tutt’al più chiudi a chiave, ma non metti addirittura la porta blindata – e soprattutto che non ha partecipato alle manifestazioni della gente dopo l’attentato (mentre come preside, come rappresentante della scuola, avrebbe dovuto farlo).

    Oppure, pare che l’obiettivo fosse il tribunale distante 200 mt dalla scuola. Ma resta da chiarire PERCHE’ ha azionato il dispositivo proprio al secondo pullman di studentesse e lo ha azionato al loro passaggio. A meno che, siccome dicevano anche che la bomba sia partita in anticipo rispetto all’orario ‘previsto’, non volesse fare proprio una strage con tanti morti, colpendo proprio la scuola…o come atto in realtà indirizzato al tribunale lì vicino.

  6. sissi
    7 June 2012

    Certo, brividi su brividi…. Se l’obiettivo era il tribunale…. lui che non si è fatto scrupolo di uccidere delle ragazzine….. è allucinante.
    Poi, quella dei cassonetti è stata chiarita? erano là, sempre stati là quei cassonetti, o qualcuno li ha spostati e posizionati davanti alla scuola? Ricordo che era quest’ultima l’ipotesi, ma Pipistro diceva che i cassonetti sono sempre stati là, da google…street? insomma da una mappa di google.

    • pipistro
      7 June 2012

      Dunque:
      – il cassonetto blu (grande) che si vede squassato, contro il muro, è sempre stato là.
      – pare che invece fosse stato portato sul luogo un cassonetto (piccolo), pure blu, in vendita dappertutto e, se non erro, con ruote.

  7. pinoscaccia
    7 June 2012
  8. pipistro
    7 June 2012

    PM: il movente non convince.
    Appunto.
    Nessuno ti proibisce di andare fuori di testa – sempre che tu non sia già totalmente pazzo – per un caso di presunta, parziale denegata giustizia. Ma penso che anche negli atti di un alienato si debba cercare una sorta di logica, per quanto distorta.
    Nel caso, non vedo una parvenza di consequenzialità tra quella che sarebbe stata una delusione “tribunalizia” – per quanto cocente – e la strage preordinata e mirata alle ragazzine di una scuola.
    Gli inquirenti non mancheranno di approfondire.

    • sissi
      7 June 2012

      Infatti Pipistro, anche perchè se un cassonetto è stato portato appositamente là….l’obiettivo era la scuola allora, non il tribunale.
      (avrebbe potuto essere un “atto dimostrativo” per la vicinanza del tribunale a 200 mt… ma allora, dovendo comunque spostare i cassonetti, li avrebbe messi più vicini al tribunale che alla scuola…suppongo).
      Infatti gli inquirenti non ci vedono chiaro sul movente.

      • sissi
        7 June 2012

        (cioè dovendo spostare UN cassonetto, ma insomma il concetto è quello).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 6 June 2012 by in terrorismo.

contatti
pinoscaccia@gmail.com

Categories

Archives

Professione Reporter

2016: morti 105 reporter.
[341 in prigione]

Un fiocco giallo per padre Paolo Dall'Oglio e Sergio Zanotti, rapiti in Siria.

Aspettando i 984 anni che mancano al 3000


Blog Stats

  • 691,484 hits

ShinyStat

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 14,420 other followers

L’ultimo libro

%d bloggers like this: