Amori

Ha comprato un avviso a pagamento sull’edizione di Venezia del Gazzettino per trovare il padre di sua figlia. Maria Theresia Liebenwein, che vive in Austria, racconta nell’avviso la sua storia e quell’estate del 1970 in cui lavorava al Lido di Jesolo come baby sitter. «Il 26 giugno 1970 – spiega la donna – un giorno prima della partenza per l’Austria ho incontrato Roberto. Roberto era un fotografo della spiaggia, alto circa 1.80 metri, aveva i capelli corti, scuri e ricci e aveva circa 18 anni. Il nostro incontro ha avuto una bellissima conseguenza, dopo 9 mesi è nata mia figlia Isabella. Io ho dimenticato di chiedere a Roberto il suo cognome e il suo indirizzo». «Oggi – prosegue nell’avviso – mia figlia Isabella ha 40 anni, è sposata e ha due figli, uno di 5 e uno di 9 anni. Il più grande desiderio di Isabella sarebbe conoscere il suo vero padre». E conclude: «Potrebbe essere un bellissimo regalo di Natale». Per questo la donna ha lasciato nell’avviso i suoi riferimenti (l’indirizzo e-mail è erich.liebenwein@chello.at) in modo che chiunque abbia informazioni utili possa contattarla.

L’hanno riportata tutti i giornali perchè è una storia bella ma strana. L’amore di una sera sulla spiaggia, quarant’anni di silenzio e poi, ormai nonna, questa voglia di rivedere Roberto che nel frattempo chissà che vita fa. E’ comunque una storia d’amore ed è bello, fra tante tragedie, presentarla a Natale. Sembra una fiaba.

Advertisements

27 thoughts on “Amori

  1. L’unica cosa che mi suona dolcissima di questa vicenda è l’estate del 1970…il lido di Jesolo… la straniera austriaca col fotografo… e i folli amori della Dolce Vita.
    (che sono un po’ cretina del resto lo so già. Non c’è rimedio ;-)
    …purtuttavia lo avrei cercato prima! “proprio una bella serata”…. gli avrei detto…in un altro senso ;-)
    (ma contenta lei, lo sono naturalmente tutti!).

    1. Se lo cercava prima, cioè subito, sarebbe stata una storia normale di un incontro improvviso, un amore lampo, fra il bel fotografo moro e la bella straniera bionda. Invece è ripartita il giorno dopo, neanche il tempo (o la voglia) di chiedergli come ritrovarlo e… si è tenuta Isabella. Così somiglia a una favola.

      1. Non lo so, io sono un altro tipo…non lo trovo propriamente fiabesco rimanere incinta di uno incontrato così una sera, quindi… non so.

        1. Incredibile: per una volta sei razionale! Hai ragione te assolutamente. E poi sono d’accordo che a questo punto la signora austriaca poteva pure fare a meno di cercare, è passato troppo tempo. A me piace l’idea della figlia che finalmente (forse) potrà conoscere il padre anche se a questo punto non ha poi molto senso.

          1. Ma io sono sempre…. razionale! :-)
            Diciamo che nelle mie ‘follie’ mantengo sempre un certo senso pratico…

  2. Comunque trovo bello e giusto farlo sapere al padre. Anche prima… mi ripeto.
    Non lo so, questo riapre anche una vecchia questione, in base alla quale tante donne che vogliono a tutti i costi un figlio ragionano che possono farlo comunque…crescendolo da sole anche senza un padre, ma io non sono d’accordo.
    Lei è diverso, è rimasta incinta…non era ‘programmato’, e quindi ha saputo prendersi le sue responsabilità.
    Ma in generale programmarlo a priori così…no, per me è..inconcepibile, per l’appunto.

  3. A me sembra tanto una storia del nord!
    Con le tedesche che arrivano sulla scia dei romanzati racconti delle amiche, zie e cugine, sulla vita dei pappagalli italiani da Jesolo a Rimini fino a Cefalù .
    Una notte d’estate , l’ultima, per suggellare una vacanza in Italia . Si e’ tenuta la bimba, brava, ed ora sempre con la stessa tenacia e carattere cerca l’oggetto dei desideri…..
    Certo che non e’ da poco come sorpresa natalizia…. padre e nonno come se non fossero passati 40 anni…

  4. Speriamo sia ancora in ottima salute, che i ricordi e l’alcol(?) non ingannino i ricordi, che non fosse gia’ fidanzato…. e che sua moglie non soffra di gelosia retroattiva….
    Insomma ci vorrà una buona dose di comprensione….

  5. Secondo me gli arriveranno tante mail di tanti Roberti vari , ma quello giusto ( soprattutto se ha moglie e figli ) col c……. che si fa trovare…. ahaha!!!

    Comunque Buon Natale a tutti anche se in ritardo……….

  6. Probabimete pressata dalla figlia che vuole conoscere il padre , da parte sua non lo avrebbe neppure piu’ cercato , io spero che lo possa trovare così la figlia potra’ esaudire che ognuno di noi avrebbe di guardare in faccia chi ha contribuito alla sua nascita , non ci trovo nulla di romantico

    1. Sarebbe già molto bello se potesse conoscere la figlia e soprattutto amarla, anche se il tutto è complicato questo non è impossibile. Da inguaribile romantica,mi piace crederci :-

  7. Vabbè, allora…visto che questo è un altro problema occidentale rimasto irrisolto, i cinesi prenderanno il sopravvento anche in questo? per la gioia di voi uomini…secondo Confucio sarebbe la benvenuta! ;-)

  8. Ci si può lasciare a quasi 100 anni e dopo la bellezza di 77 anni di matrimonio? A fronte di una scoperta di tradimento, pare proprio di sì. Lo conferma una storia che ha dell’incredibile: Antonio C., classe 1912 originario di Olbia, e Rosa T., classe 1915, napoletana, hanno deciso di separarsi a causa di una lettera di sessant’anni fa venuta allo scoperto. La missiva era stata scritta da Rosa al suo amante ed è casualmente finita nelle mani di Antonio in tempi recenti. link

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s