Lavori in corso

Prove tecniche di sopravvivenza. Alla fine, tutto come prima: ritorno al futuro.

Advertisements

22 thoughts on “Lavori in corso

  1. Non solo il Governo , ma anche “La Torre” è in fase di duro lavoro. :)
    Comunque bello queso tema. E’ quello che uso pure io nel mio blog. ;)

  2. “Facelift”; per l’immagine rettangolare, prima salvala nel formato “tiff” in cui applichi le modifiche al caso, poi terminato il lavoro la risalvi definitivamente in formato “jpg” o “png” per inserirla nel Blog… Magari per le piccole foto (copia immagine originale) imposti un contrasto nell’eventuale ridimensionamento dell’immagine finale.

  3. ….forse meglio l’altro ?…speriamo non diventi come quando ” marito e moglie” debbono arredare casa….non sono mai d accordo…

    …no che sia fondamentale ma come diavolo li mettete gli emoticon ?…

  4. Il tema mi piace molto ma mi rendo conto che non è molto adatto alla Torre. Probabilmente lo userò per Professione Reporter e qui torniamo all’antico. Non è detto, ci sto pensando.

  5. No, prima erano più grandi: col blog di prima… e pure adesso, per un po’, quando avevi già cambiato; invece ora si sono rimpiccioliti nuovamente.
    (poi: non mi piace solo il numeretto di lato per il numero dei commenti, ma di più prima – anche nella penultima versione – dove compare la scritta “commenti” di fianco al numero!)

  6. Quanno devo cambia’ quarcosa su er brogghe, me s’ allisciàno li capelli. Mo che splinder se ne va, chissà indove m’aritrovo.

    Le mutazzioni

    Quanno ce er zole
    er còre te sorride
    quanno ce so le nùvole
    er còre se fa tristo…

    Vabbé semo bòni
    e accontentamose
    puro se ner celo
    ce so le nùvole

    franca bassi ;)

  7. Poverino. Mi dispiace molto.
    Era molto malato anche, aveva un tumore. (così ho sentito).

    Ora, anche lui ce l’avranno sulla coscienza tutti quelli che TORMENTANO i malati fino alla morte, non permettendogli più di morire. Siccome ti tormentano, fino alla fine, e oltretutto dicono che il corpo soffre molto anche, con la nutrizione forzata, perchè in realtà se ne sta andando… sta abbandonando la fisicità, e con le flebo con queste nutrizioni forzate gli si provocano soltanto ulteriori sofferenze sono delle forzature! appunto. E per far che? Vivere una settimana di più, sei mesi di più?? Ma LASCIATECI IN PACE! Se la vita sta finendo, è al suo capolinea, lo deciderà il Padreterno il momento esatto, non voi con i vostri mezzi e le vostre torture! E’ un accanimento, un vero accanimento per 24 ore in più di vita!
    Vanno bene le cure palliative per lenire il dolore fisico e la sofferenza, ovviamente. Ma ci si limiti a quelle, per favore, nel RISPETTO della vita del malato che sta finendo, e deve avere il giusto suo decorso verso la morte! (e decoro, togliendo una “s”).
    Torture, vere e proprie torture, come hanno fatto con Eluana Englaro, come hanno fatto con Welby…
    La gente, che lo sa, è terrorizzata…. di finire in questi ingranaggi. Dove ti fanno di tutto, per non farti morire, per farti campare in maniera mostruosa 15 giorni di più, qualche mese di più: ma fatela finita e LASCIATECI IN PACE!! Cercate di imparare il RISPETTO per la vita e la morte!
    Idem Monicelli: aveva 91 anni….. si è visto addosso tutti gli accanimenti del mondo, visti certi precedenti di cui sopra…… ecco perchè li ha RIFIUTATI, poverino! gli accanimenti per 48 ore in più di “vita”! quando la vita in realtà ti sta lasciando.

    Questi casi saranno in aumento, vedrete. TORMENTATI fino alla fine dei propri giorni, TORMENTATI. E siccome la gente non è scema… è terrorizzata ora come ora di finire in questi ingranaggi. Dunque aumenteranno: chi si butta dal balcone dell’ospedale, chi va in Svizzera per l’eutanasia, chi si mette d’accordo col medico per staccare la spina…. saremo costretti, se la Scienza continua a produrre zombie senza farci morire più.
    Siamo a una svolta Epocale, proprio, anche in questo. La vita senza assolutamente contenuti…. non ci si chiede mai “che sto a fare qua”, “da dove vengo”, “qual’è il senso del dolore”… NO, una visione esclusivamente materialistica, la vita a tutti i costi a tutti i costi! istericamente, con una scienza alla Frankenstein.
    Per dire che possono dare tutte le “assistenze” del mondo – che al momento neanche ci sono, ma ci fossero pure… NON E’ GIUSTO creare mostruosità, nè sul piano etico nè sul piano pratico!

    In Svizzera: in queste cliniche per esempio, li portano in un reparto apposito… dove gli mettono la musica…. gli fanno esprimere i loro pensieri…. perchè un’altra esperienza molto dolorosa per il malato in fin di vita per esempio è negargli la realtà. Quando parenti e familiari dicono “ma no stai bene!”, mentre invece il malato lo ‘Sente’…… che se ne sta andando, che qualcosa in lui si sta staccando, che gli resta poco da vivere… e allora bisogna Accompagnarlo in questo percorso, con Umanità…….. il Medico, quello con la maiuscola, certo non questi…lasciamo perdere, si deve sedere vicino a lui, Ascoltandolo…. anche la musica accompagna creando un clima di serenità…di pace…
    Saranno in aumento, vedrete. Io pure voglio andare in Svizzera, quando sarà.

    (del resto che vuoi parlare con medici e scienziati, quando un Veronesi dice che il nucleare è giusto. Ma “con chi”… perdo tempo a parlare?).

    (perchè, dimenticavo: forse, e dico forse, se la scienza fosse meno mostruosa, i malati accetterebbero meglio le cure palliative, quelle per alleviare il dolore, che è giusto che ci siano quelle, per carità. Ma poi basta! non flebo e accanimenti e macchinari per non far morire a tutti i costi e che è!! e datevi una calmata, me che vi sentire il Padreterno! ma “chi” siete!!! I malati allora non sarebbero costretti ad andarsene in Svizzera… per liberarsi dalle loro torture. non fosse chiaro).

  8. E scusate le “rate” ma la chiarezza non è mai troppa con chi fa finta di non capire: va da sè che chi ha voglia di sottoporsi alle loro TORTURE, (perchè così si chiamano, per me che ho tutto il diritto di ritenerle tali), HA PIENA LIBERTA’ DI FARLO. Nessuno glielo impedisce. Lo riscrivo stampatello per chi finge di non capire: NESSUNO GLIELO IMPEDISCE. (di attaccarsi a macchinari, e/o con la nutrizione forzata, e/o Tutto quant’altro la scienza riesce nel frattempo ad inventare). Lo scandisco anzi: NE-SSU-NO GLIE-LO IM-PE-DI-SCE! E’ più chiaro sì???
    Ancora non hanno capito? NESSUNOGLIELOIMPEDISCE!!!!

    Siamo noi…. quelli che non siamo disposti ad accettarle invece, che siamo costretti ad andarcene altrove… per morire in pace! Chiaro sì?

    Chiedo scusa, un’altra volta, mi sa che detto una cosa sbagliata ieri: non aveva il tumore, mi sa. Non lo so, a me era stato riferito, non l’ho sentito io direttamente, e mi hanno detto di averlo sentito in televisione. Ma ieri sera ho sentito, io direttamente, che invece pare che non stava male fisicamente – oltre alla depressione.
    Vabbè allora in ogni caso correggo (veramente pensavo stesse male, e tutto quello che ho scritto sopra, non volevo “strumentalizzare” eh! che è una cosa odiosa, specie nei casi di morte).
    Per il resto vale quanto detto sopra. E ognuno decide quello che gli pare con se stesso… il punto fondamentale (da capire) resta.

  9. Solo questo, non ho ancora finito perchè ho letto su Repubblica adesso altre cose. A parte posso capire la richiesta di silenzio, riflessione e compassione fraterna, anzichè le polemiche, questo sì; ma il dibattito sul fine vita non è una “trappola”, ma fa parte della riflessione….di cui sopra, aiuta a Pensare…. quell’attività strana cui la gente non è più abituata mi sa. Allora ho letto questo:

    “Ben altro tono è usato dal centrista Maurizio Ronconi, che invita al silenzio soprattutto quanti “vorrebbero definire il suicidio un atto coraggioso e non invece di viltà, e anche quelli che ambirebbero trasformare una dramma della solitudine in un esempio”.

    Il “centrista” forse non riesce a comprendere che non è un (ideologico) atto di “coraggio”, tantomeno è definibile “viltà” voler SCEGLIERE nella vita, come nella morte: si chiama SCELTA…. quell’altra parolina strana – come il Pensiero – che alla gente che ama comandare (sulla vita degli altri) non piace.

    Poi SCEGLIERE DI NON FARSI TORTURARE E RIDURRE IN ZOMBIE da qualcuno la cui unica attinenza con la definizione di “medico” è il camice bianco che indossa – un po’ poco se si pensa che non appartiene soltanto alla suddetta categoria… – è ancora meno un atto di “viltà”: AUTODIFESA si chiama. Sulla nostra vita, che è mia e la gestisco io. Tutto chiaro?

    (La solitudine – per chi non lo sapesse perchè ha l’interiorità e il tatto e la sensibilità di una cabina armadio, e solitamente è noto, può esser noto, per l’incapacità totale di interiorizzare e di Pensare – è un’esperienza esistenziale che attraversiamo Tutti. Non è, anche qua, nè un esempio, nè un atto eroico, semplicemente fa parte della vita…l’attraversamento del “deserto”, in cui ognuno è solo con se stesso. E ognuno ha la piena LIBERTA’ (altra parolina che stride alle orecchie del “comando”) di viversela come gli pare…. questa solitudine, accettarla oppure rifiutarla, come tutte le esperienze della vita. I religiosi lo sanno… che abbiamo il cosiddetto “libero arbitrio”. Chi sono “io” per toglierlo?
    Allora o si affrontano SERIAMENTE certe questioni sul fine vita, perchè sono…serissime, o lasciamo perdere questi slogan ridicoli per favore. Si chiama Rispetto… per le scelte altrui. Altra cosa tutta da imparare, per alcuni).

    Poi Pino magari li accorperà… :-( volevo solo chiarire che NON sono a favore del suicidio, come si potrebbe facilmente e volutamente fraintendere, ma per la LIBERTA’ DI SCELTA – che è un’altra cosa. (specie distinguendo i suicidi da tutti qui casi tipo Englaro in cui proprio TI IMPEDISCONO di morire anche quando lo sei già, che è tutta un’altra cosa ancora).
    Chiarissimo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s