Chiuso nel bunker

Sto per dire una cosa sconvolgente, o forse banale. In queste ore Berlusconi (sangue a parte) mi ricorda moltissimo Gheddafi. Letteralmente assediato, consigliato dagli ultimi amici di inseguire una resa onorevole e invece lui che vuole “morire in aula” perchè non si arrenderà mai. E poi i tradimenti di quelli (e quelle) che ha politicamente inventato, l’abbandono di alleati per cui ha pagato molti prezzi (per favorire Bossi ha perso prima Casini e poi Fini). Per non parlare della drammatica riunione di famiglia. Insomma, è chiuso nel bunker pronto a resistere fino alla fine. Senza capire che al di là di torti o ragioni, ormai non c’è più speranza: la sua stagione è finita, ne ha fatte troppe. L’ultima similitudine riguarda il futuro: il popolo ha detto basta, ma come in Libia non si capisce ancora cosa succederà. Ma dopo un periodo di assestamento complicato e doloroso, pieno di vendette, anche l’Italia saprà sicuramente trovare un futuro.

Advertisements

126 thoughts on “Chiuso nel bunker

  1. Le angherie che hanno fatto a Gheddafi e al suo corpo qui non sono neppure immaginabili, ma l’indifferenza, il “Berlusconi chi?” e più in piccolo ad esempio il “Minzolini chi?” (a Fede non succederà di sicuro) secondo me fanno anche più male ai suddetti. Dalle stelle alle stalle. Alla fine per Berlusconi sembra soprattutto un dramma umano, a prescindere dalla fine politica. Che ormai aspetta anche chi gli stava vicino. O per opportunità politica, o semplicemente della speranza di restare in politica, o – semplicemente – perché non si può più avallarne le scelte. Sto cercando di analizzare la situazione, perché io sono sempre stato distante anche dallo stesso modo berlusconiano di trattare i telespettatori, cioè come mercato e non come individui

  2. Personalmente mi auguro appunto che più che Berlusconi, finisca il “berlusconismo”. La sfida vera è questa.

  3. Diario della crisi (Corriere.it)
    13:02 Bossi toglie la fiducia a Berlusconi e la dà ad Alfano. La strada del premier sembra segnata, tutto si accelera.

  4. Sarà l’ inizio della democrazia? Di sicuro è un nuovo giorno. Occorre fare attenzione però che non si concretizzi il detto fiorentino di Marcello nell’ altro articolo.

  5. Nel tempo mi sono chiesto più di una volta come sarebbe finito Berlusconi ed il berlusconismo. Non sappiamo ancora esattamente come andrà a finire ma per uno dall’ego smisurato sarà comunque una fine ignominosa. Avrebbe potuto passare alla storia come uno che ha cercato di dare una svolta diversa all’Italia (ma non ci è riuscito) ed invece finirà, a mio modo di vedere, come uno che si è aggrappato al potere per sistemare le sue cose finendo per perdere di vista i contorni della realtà. Di sicuro l’uomo è un lottatore ma oggi ha più le sembianze di un pugile suonato che quelle di uno che alza il trofeo. E’ sempre stato giudicato un comunicatore ma mi sembra che sia stato più un ammaliatore ed uno che tanto ha potuto per il suo denaro ma non per altro. Io gli sono sempre stato avverso ma non gli auguro alcun male. Spero che possa andare a godersi il suo denaro dove non possa fare più danni a questo bel paese. Soprattutto spero che finisca il berlusconismo per tutto ciò che di deleterio rappresenta. Spero che la sua discesa possa mettere al giusto posto anche quell’accozzaglia di “padani” gretti ed ignoranti che di certo non rappresentano la crema delle popolazioni del nord e che più che essergli amici gli hanno fatto una lenta gorrota. E’ ora di girare pagina e di pensare con un pò più di senso delle istituzioni al bene del paese. Spero ancora che tanti figuri alti un “metro e niente” spariscano per sempre dalla scena politica.

    1. Mi auguro anch’io una sola cosa: che ci governi una maggioranza diversa, non so quale ma diversa. Ho sempre creduto che la devastazione culturale prima che politica sia arrivata da “quella” gente. Che tornino nei boschi.

    2. Muoia Sansone con tutti i filistei.Oltre ai riti vodoo pure agli antichi popoli del mediterraneo mi voterei per fare sparire sti buzzurri.

  6. “Sic transit gloria mundi” (http://bit.ly/uUGxLQ).
    O forse è più indicato: “Mundus transit et concupiscentia eius” (1 Gv 2,17)?
    Seriamente: anch’io avevo notato alcune analogie con il caso libico. Ed è ugualmente palpabile l’incertezza per il “dopo”.

  7. Barba ha illustrato in egregia sintesi il quadro della situazione passata e presente. Del ventennio berluscofilo ne è venuto fuori il “Liberismo”.
    Oggi sembra una parolaccia, o forse lo è sempre stata. Fa assonanza con libertinaggio, che non ha niente a che vedere con democrazia. Credo.
    @ Irisilvi. Meglio se non riesci a piangere. Come dice Pino, verrà un periodo di assestamento complicato e doloroso. Serba per quei momenti le lacrime. Poi, fai tu.

    1. Guarda Walter ora come ora chi non si accorge della situazione difficile che viviamo o è cieco o è il b. quindi…sara’ peggio di questo? Sara’ che sono ottimista di mio…

  8. Per quanto attiene al dopo mi viene da fare una riflessione. Io sono nato subito dopo la fine della seconda querra mondiale per cui non ho una visione reale dei fatti di quell’epoca ma mi sembra di poter dire che, dopo un ventennio di regime, non fossero molte le figure di spicco che potessero, anche per la censura, essere molto note. Malgrado ciò, nel momento difficile della transizione, un mucchio di gente ha saputo dare il meglio di sè per far transitare l’Italia da una dittatura ad una democrazia. Politici i cui nomi erano stati fino ad allora sconosciuti o quasi. Oggi forse non li vediamo perchè siamo abituati a scontrarci con la solita “gerontocrazia”. Cribbio lasciate spazio ai giovani che magari potranno anche sbagliare qualche cosa ma che con la voglia di fare sono in grado di scavalcare montagne. Aria nuova, idee nuove, nuovi metodi comportamentali che abbiano un etica del servizio ed il rispetto delle istituzioni.

  9. Allora si ripartì quasi da zero. Il fatto è che il futuro, per ora, pare sempre in mano agli stessi (ed ecco che torna la famosa battutaccia sui cambiamenti….). Cioè carta vince carta perde ma …

  10. E’ la democrazia bellezza? Io lo sento un venticello….poi mi pentiro’ amaramente ma per ora sono felice!!!! Voglio vedere le bandiere sui davanzali della mia citta’ e le auto in carosello!!!!(è un sogno ,solo un semplice ,infantile sogno)

    1. Anche a Bengasi hanno fatto il carosello delle auto. Ricordo bene l’euforia per la caduta della Prima Repubblica. Oggi siamo costretti a rimpiangerla. Era ora di cambiare, sicuramente, ma non me la sento di brindare, a me spaventa molto il futuro.

      1. Di sicuro non mancheranno vendette e coltellate ,metaforiche,alle spalle come d’altronde ogni presa di potere che si rispetti.Questa ancor di piu’,per il clima da resa dei conti voluto,creato,studiato nei minimi particolari da chi ha disprezzato e sfeggiato l’avversario.Ma ci siamo dimenticati di quel tipo,parlamentare(?),con la bottiglia di vino e la mortadella? Il brindisi alla caduta di Prodi! Mi piacerebbe sapere che fine ha fatto quel signore……poi detto tra noi tu non brinderesti se la lega ne uscisse con le ossa rotte? Ognuno con le proprie,piccole soddisfazioni ….

        1. Beh…non fa un plissè! vada per il brindisi ;)))
          dopo tanta violenza gratuita e sguaiata…che si è dovuta sopportare…. ci meritiamo un brindisi e un ritorno alla civiltà.

        2. No, non brinderei. Ne prenderei atto, semplicemente (mi accontenterei della convinzione che il Paese può solo migliorare senza l’egoismo leghista). I brindisi sono sempre patetici, come quell’imbecille che sfoggiò la mortadella. Resto dell’idea che le differenze si vedono soprattutto quando si vince.

          1. Appunto! Dai comportamenti si evince lo stile. Io un brindisino con pochi intimi lo farei ma si sa non sono astemia….

          2. Già, lo stile. Come si dice in questi casi? Dimostriamo di essere migliori.
            Comunque, io sono favorito: sono astemio ;)))

  11. Non mi sento di fare lo stesso errore di quelli della “bolla”. Il danno è fatto. Ce ne sarebbero troppe da dire e mi esimo dal farlo, un po’ come diceva Bianca Balti nella sua ultima intervista: non mi controllo sennò.
    Non lo so se è l’inizio della fine, di una fine annunciata… o la fine dell’inizio, quello tanto agognato..ma per il quale mancano personalità. Continuo a pensare alle parole di Veronica Lario cioè. E speriamo bene…per la democrazia.

  12. ciao tutti
    il paragone rispetto ai traditori e mercenari col colonnello calza per il bunker insomma…sempre se non ci si riferisce alla Camera d’altronde come possono esserti amici persone che si fanno comprare o sono mossi da interessi economici personali perché qui non si tratta di cortesie o piccoli favori
    ma voi tutti ci credete all’amicizia ai valori alla solidarietà alla cultura ? E allora c’è ancora chi ha un ‘anima ..
    grazie.

  13. Ciao:))
    ci crediamo, ma è quella “devastazione culturale”… che rende il tutto ancora più difficile, se non impossibile ormai.
    (basta, stop, non voglio appesantirvi col mio pessimismo! Auguroni a tutti).

      1. Prendiamoci un impegno. Un conto è la politica, un conto è la guerra (anche quella partigiana). Non ipotizziamo neppure lontanamente scenari di sangue. Ne va della civiltà.

  14. @ Irisilvi. Ti tratto con affetto come una ‘bimba’… in senso naturalmente buono. Ma per amor di sincerità devo dire che il pessimismo prevale e condivido tanto anche Pino… che non c’è proprio niente da festeggiare. E’ più forte di me, proprio, come peraltro avevo già scritto nel mio commento iniziale.
    ciao, saluti a tutti…:)) e speriamo bene.

    1. Sissi hai ragione e non puoi capire quanto pure per me non sia chiara la situazione…per niente!Poi per carattere sono lontana da ogni vendetta ,come mi par di aver capito,ogni persona che si affaccia qua ,perlomeno lo spero.Vero.,ci scherzo sopra perchè altro non mi rimane ….

      1. Lo so, lo so, non c’era nessun tipo di ‘giudizio’ da parte mia, lo so che scherzi:)))
        apposta ti ‘concedevo’ il brindisi…ma con la consapevolezza di quanto sia ‘aleatorio’ – nel senso originario del termine… ;)))

  15. Le amazzoni di Arcore, come le chiama Marcello, troveranno un altro potente da coccolare. E’ il loro mestiere. Solo quello sanno fare.

  16. Il rendiconto passa alla Camera. Ma la maggioranza alla Camera si ferma a quota 308, otto voti sotto la maggioranza assoluta. E la cosa apre scenari imprevedibili. «Rassegni le sue dimissioni e rimetta il mandato al Capo dello Stato», è stato l’invito che il leader Pd Pier Luigi Bersani, prendendo subito la parola in Aula, ha rivolto al premier. «Rassegni le dimissioni, qui faremo la nostra parte per il Paese. E sia chiaro che sei lei non lo facesse, non oso credere che lei non lo faccia. Se lei non lo facesse le opposizioni considererebbero iniziative ulteriori perché così non possiamo andare avanti» ha detto Bersani facendo implicito riferimento alla mozione di sfiducia di cui si è parlato nei giorni scorsi e specificando a più riprese che la maggioranza non esiste più. I sì sono stati dunque 308, nessun contrario e un astenuto. I non votanti 321. Immediatamente dopo il voto, Silvio Berlusconi si è messo a controllare il tabulato dei voti che gli è stato consegnato dalla sottosegretaria Laura Ravetto. Ora tutti i ministri sono intorno al premier per controllare chi ha votato a favore e chi non ha votato per il rendiconto finanziario dello Stato.

  17. ognuno ha il governo che si merita, noi italiani siamo anche questo …

    Per l’Inps era totalmente cieco e da oltre quindici anni percepiva una pensione d’invalidità totale, compresa un’indennità di accompagnamento. I carabinieri di Bergamo lo hanno arrestato mentre faceva giardinaggio nella sua abitazione, dopo averlo pedinato per sei mesi mentre passeggiava con la moglie, aiutava un amico a parcheggiare l’auto e montava l’ombrellone sulla spiaggia per ripararsi dal sole. In manette è finito un uomo di 68 anni, originario della Bassa Bergamasca, con l’accusa di truffa aggravata e continuata. I militari lo controllavano da aprile, dopo una segnalazione arrivata in caserma. L’uomo era stato dichiarato cieco totale nel 1995 e da allora, secondo le indagini, aveva percepito indebitamente dall’Inps una somma pari ad oltre 150 mila euro. L’uomo si trova ora agli arresti domiciliari. (fonte: Ansa)

  18. Sinceramente non lo so, non frequento ;))) Forse sì, è nel suo diritto: anche perchè lo ha fatto in maniera lampante. Credo che sia contemplato il voto palese.

  19. La politica è un esercizio di equilibrismo. “Gli abbiamo chiesto di fare un passo di lato, laterale”: così il leader della Lega Umberto Bossi. Mica poteva dirgli di fare un passo indietro.

  20. Si sa.

    Sono undici i deputati di area centrodestra che oggi non hanno partecipato al voto sul Rendiconto generale dello Stato. Si tratta dei deputati del Pdl Roberto Antonione, Fabio Fava, Gennaro Malgieri, Giustina Destro, più Alfonso Papa (agli arresti domiciliari). Assenti al voto anche gli esponenti del Misto Calogero Mannino, Giancarlo Pittelli, Luciano Sardelli, Francesco Stagno D’Alcontres e Santo Versace. Si è invece astenuto Franco Stradella, del Pdl.

  21. @ Barba :))) già, perchè poi se lui è un uomo rimasto solo, e che io non riesco a odiare, per questo, – non fraintendetemi – la risata è proprio per i votanti.

    Non riesco a capire che cosa rischiamo adesso: caos? o quelle “larghe intese” ammazza-tutti?

  22. @Sissi – Rischiamo il caos? Perchè quello che c’è ora ti sembra una cosa normale? E poi, vivaddio, non è pensabile che su una sessantina di milioni di italiani non si possa trovare qualcuno che lo possa sostituire. In quanto alle larghe intese vorrei sapere perchè ammazzano tutti? Se non sono riusciti a fare le cose con una maggioranza schiacciante forse le farà, magari litigando un pochino, un governo di larghe intese che abbia (speriamo) capito che è ora di mettere da parte certi atteggiamenti perchè ormai il paese ha le pezze al culo.

  23. @Barba. Sì…siamo già nel caos completo da anni, ma io temo proprio una brutta stagione di caos…nel senso più allargato del termine, proprio molto più grave cioè. Sia perchè, sembrerà un altro slogan, ma sul serio le opposizioni non hanno mai trasmesso alcunchè, sia perchè la situazione è ormai talmente aggravata…che dubito fortemente chiunque salga al governo adesso trovi la soluzione a problemi ‘incancreniti’.
    Il cambiamento serviva, come pensiamo tutti, e penso anch’io. Un governo a larghe intese o ‘tecnico’ anche… ma è risaputo che quand’è così le soluzioni saranno quanto di più impopolare possa esistere, per quanto a estremi mali non possano che corrispondere estremi rimedi.
    Poi sopra si accennava anche a…una “brutta stagione”… per quanto quella attuale non sia naturalmente bella, insomma il rischio di un’uscita drammatica..c’è. In tutti i sensi.

  24. @Sissi – non piacerà a nessuno ed a me men che meno ma se ci sarà da fare sacrifici ce ne faremo una ragione. Se non li faremo le conseguenze potrebbero essere ancora peggiori. Certo chi prenderà in mano le redini avrà un compito ingrato: dovrà prendere misure impopolari. E sarà difficile che le possa prendere un politico che ha la velleità di essere rieletto. Io però confido che dal cilindro esca un coniglio intelligente e capace. Non posso fare a meno di essere ottimista pur nella consapevolezza che, al momento, ci aspettano tempi duri.

  25. @Barba Non per ripetermi, ma la differenza è che io sono pessimista invece, come già dicevo, anche se potrei anche avere dei motivi per definirmi realista..piuttosto. Tristemente…realista, certo.
    Vorrei tanto avere la tua fiducia, fondata o no che sia, perchè sono anni…che non si vede più uno spiraglio di luce.
    Però sono anche anni…che non facciamo che sacrifici, rinunciando praticamente a tutto (o quasi). Ora invece diventerà sempre più una questione proprio di sopravvivenza…generale. Per troppi motivi, troppi. In ginocchio per via della Cina…- e questo non accadrà domani, ma nemmeno fra millenni, il che significa che la crisi non “durerà una decina d’anni”… come sostiene la Merkel. Per l’Europa che si sta sgretolando. Perchè il liberismo, appunto, ha sostituito una globalizzazione fondata sui diritti sociali… Perchè non esistono, neppure a volersele sognare raccogliendo tutte le forze più profonde dell’immaginazione al potere, proprio non esistono…personalità di spessore! che già basterebbero per far ben sperare. Perchè, per tutti i suddetti motivi e molti di più, non si riesce a vedere uno spiraglio di luce sulla CRESCITA sacrosanta di un Paese, e di tutta l’Unione Europea. Leggi che garantiscano quella fraternità in economia al posto di una malintesa stra-malintesa libertà! Saranno problemi di sopravvivenza estrema, Barba, questo temo, che si protrarranno pure parecchio.
    (però l’avevo detto che non volevo appesantirvi col pessimismo, ma è più forte di me poi dico come la penso… sperando tanto ma tanto di avere molto torto).

  26. (P.S. Le soluzioni impopolari sono ormai talmente necessarie, sono d’accordo con te, che le avrebbe fatte anche questo governo tanto, anzi…se ne sta andando giusto in tempo. Per il solito scarica barile. Già tempo fa B. aveva ‘aperto’ alle opposizioni…su un tentativo di larghe intese proprio per mischiare meglio…lui e tutti i “gatti e le volpi” della buca dei miracoli).

  27. Sicuramente un accordo si troverà. C’è un collante sicuro che unisce tutto e tutti da sempre: il potere. C’è solo da mettersi d’accordo sulla spartizione.
    Certo se penso a un accordo Bersani-Fini tutto è possibile e niente è impossibile.

    1. da dagospia

      Sapete chi è il più incazzato dell’uscita del Cavalier Pompetta da palazzo Chigi angolo Grazioli? Fini. Nessuno dei fuoriusciti è passato al Fli.

  28. Undici, dunque, i deputati di centrodestra che non hanno partecipato al voto. All’astenuto Stradella vanno aggiunti i pidiellini Roberto Antonione, Fabio Gava, Gennaro Malgieri (che era in bagno e si è scusato), Giustina Destro, più Alfonso Papa (ai domiciliari). Assenti al voto anche gli esponenti del Misto Calogero Mannino, Giancarlo Pittelli, Luciano Sardelli, Francesco Stagno D’Alcontres e Santo Versace.

  29. Secondo me si dimette perché il nano malefico è furbo ed ha capito che l’unica strada per far si che in questo Paese persista la paralisi è proprio andare alle elezioni. A Belrusconi e a tutti quelli che lo sostengono ( …) interessa lo stallo per evitare il cambiamento. Facendo dei rapidi calcoli la sinistra non arriva alla maggioranza assoluta , quindi avrà bisongo del terzo polo. In questo scenario nasceranno contrasti politici molto forti tra quelli che sono gli interessi dei lavoratori e dei pensionati contro quelli della Confindustria e degli schiavisti. In sostanza chi ha il Potere , continuerà ad averlo. Questo è un Paese sul ciglio del baratro (…)
    Comunque il giorno che veramente B. darà le dimissioni una bottiglia di vino me la bevo tutta. Altro che brindisi. :)

    1. Ho già detto che non mi piace il tifo da stadio. La questione è troppo seria. E ancora ti rifiuti di capire che certe frasi (che ho sostituito con i puntini) sono penalmente pericolose e non ho nessuna intenzione di pagare per il tuo entusiasmo.
      Non si va alle elezioni perchè è il caos completo, tutti ne hanno paura, a cominciare dal Pd. Perchè sai l’Italia è un Paese strano: metti che poi le rivince non ce lo togliamo più di torno, almeno per altri vent’anni. Questa è verità.

  30. Sono un Comunista non bevo Champagne ………. :)
    Comunque aspettiamo , non si sa mai. Quello è matto !!! E’ capace che non si dimette e ci fa arrivare lo spread a 600 punti se non di più. Gli sciacallii non aspettano altro che questa ghiotta occasione.

  31. Strano che non bevi champagne. E non usi neppure il cashmere? E non vai in barca? Strano… i tempi sono cambiati. Anche la Russia è cambiata, tutti sono cambiati.
    Deve essere comunque una grande soddisfazione per Bersani allearsi con il fascista Fini, ah cosa non si fa per la politica. Non credevo si arrivasse a tanto.

  32. Beh in questo caso effettivamente lo champagne ci vuole ahahaha !!!
    Però non chidetemi di mettermi il cashmere perché mi fanno schifo i maglioncini e le giacchette di lana. :)
    E poi non me lo posso permettere , non ho la “r” moscia. ahahaha !!!

  33. Tutta questa sceneggiata per approvare le manovre di austerità che segue il piano di globalizzazone (Dell’FMI + BCE + Poteri forti USA) su base neoliberista. La casta è furba , ci stanno per schiavizzare senza colpo ferire. La casta e le lobbies ne usciranno pulite e saranno i lavoratori a pagare il tutto. Il popolo è un ammasso di pecore lobotamizzate. Hanno risparmiato solo l’Art18 perché sanno che avrebbero rischiato una nuova stagione di tensione. Sono maiali ma sono furbi ;)

  34. Già… casta e lobbies continueranno ad uscirne bene, continueranno tutti i più patetici tentativi di un’economia liberista, e a pagare saranno i lavoratori, tutti, nessuna categoria esclusa, in una parola: i nuovi vassalli.

    1. @Pino
      Questo è la vecchia visione del Mondo. Ma un altro tipo di sviluppo è possibile. Ma ci vogliono le nuove generazioni al Governo. Piano piano ci prenderemo il potere ;). Diamo ancora a questi folli vecchieti una decina d’anni per fare ancora qualche disastro e qualche guerra. ( Iran per esempio ) . Poi via….. ;)

      1. Anche perchè quelli saranno pure furbi e maiali…
        ..ma tutti gli “altri” sono candidi come colombe e furbi come aquile! ;)))
        uaaaa sono trooppo dolce…:)))

      2. @ Francesco. Beato te che ancora ci credi. E’ la visione del mondo.
        Le nuove generazioni quando avranno potere saranno uguali alle vecchie, se non peggio. Il potere logora chi non ce l’ha, diceva un vecchio geniaccio della politica.
        Poi è una clamorosa scemenza parlare di vecchietti in senso lato. Obama, per esempio, non è vecchietto. Scendi dalla nuvola ogni tanto.

  35. Però le utopie sono le uniche ad essere realmente realizzabili… è tutto il resto che è fuori dalla realtà.

  36. Intendevo dire che le utopie sono talmente belle e morali… che sono le uniche a potersi realizzare, a poter funzionare.
    Tutto il resto è una tale forzatura…che praticamente sta ‘solo’ venendo giù il mondo intero: realtà irrealizzabili…evidentemente. Le loro.

    1. Ah ma io sono d’accordo ….tutti sti soloni ,con la bocca piena di paroloni e le tasche di soldi spesso nostri ,guarda dove ci hanno portato,a diventare provincia tedesca ecco come finiremo altro che nuove generazioni e senza fiatare,rauss,lavorare che dobbiamo pagare i debiti anzi il debito.Sovrano.

    2. @ Sissi
      Vero Sissi. Le loro idee sono irrealizzabili. La dimostrazione ce l’abbiamo sotto gli occhi. Guerre , disastri ambientali e 4 porci che si stanno mangiando tutto il Mondo. Stanno divorando anche se stessi e non se nerendono conto. Siamo al cannibalismo finanziario. Ma crolleranno è matematico. Io ho guardato qualche algoritmo che usano nelle borse. E’ tutto talmente collegato e così complesso che basta un stronzata e salta tutto. Sinceramente penso che anche loro non sanno più come uscirne se non con l’aumentare lo fruttamento delle persone e delle cose. Sperano di resistere ancora un 20ennio aumentando lo sfruttamento delle cose e delle persone. Ma salterà prima e poi ci penseranno le nuove generazioni ;)

  37. No Silvi intendevo il Debito.. il nuovo sovrano. (rispondevo al commento precedente).

    Su Monti a dir la verità condivido abbastanza sia Napolitano che Scalfari, soprattutto su una cosa anzi due: che a parte andare ora alle elezioni creerebbe una situazione grottesca…perchè l’Italia che affonda sempre di più e noi in piena campagna elettorale, ma soprattutto che non sia per una volta per una volta… questione di interessi di bottega!! senza rispettare gli ideali. Dunque Scalfari ha definito Napolitano un genio della politica nominando Monti senatore a vita. Sicuramente serve una figura di rilievo che riesca ad impugnare la situazione con larghe intese…ma anche conoscenza tecnica… un po’ come Ciampi tanti anni fa, con cui i mercati hanno ripreso immediatamente a salire.
    (credo, poi certo fare pronostici ora…)

    @Francesco condivido che salterà per forza, se ne stanno già rendendo conto… ahimè. Non a caso in america stanno studiando nuove forme di capitalismo (“più umane”…l’ha aggiunto Rampini) ;)))

      1. Sono anni che dico che una guerra all’Iran sarebbe totale, l’ultima, un disastro. L’ho ripetuto anche di recente. Non è che ci vuole molto a capirlo. Il problema non è a Washington, ma a Tel Aviv.Non vedono l’ora di…cadere nella trappola di Ahmanejad o come cavolo si scrive. Fa il finto contadino, ma ha due lauree serie ed è un politico di prim’ordine. Appunto stuzzica.

  38. allora, c’è un politico americano..di quelli del TeaParty, con un trascorso tra banche epizzerie, che ha un programma politico dal titolo 999. Ovviamente una sua antagonista (ora il nome non mi ricordo) ha subito immaginato come sarebbero i numeri rovesciati… e gliel’ha detto ;)))

  39. Posso fare un OT ..personale?
    vorrei solo sapere se qualcuno sa.. che succede se ho rovesciato il caffè sulla tastiera del computer, in quantità abbondante. (perchè all’inizio non mi faceva mandare email, ma ora funziona benissimo! che abbia scoperto una nuova ricetta di manutenzione per il pc??:))))

    – però si può cancellare, volendo ;)))

    1. eh.. vero? ho pensato la stessa cosa.
      (ho il computer vizioso;))) ogni tanto c’è pure la cenere delle sigarette tra i tasti)

  40. Adesso sì è venuto il momento del riciclaggio e della rottamazione. Trà un pò vedremo che fine faranno i tanti topi che stanno tentando di lasciare la barca che se non è ancora affondata, naviga in cattive acque. Che fine faranno tanti uoninicchi (o femminicchie) dalla statura politica pari a zero? Ci sarà chi, come certe evaquazioni corporee, riesce a stare sempre a galla e chi tornerà mesto , con qualche privilegio acquisito, ad una vita di lavoro. Soprattutto sarà interessante, o forse sarebbe meglio dire ilare, ascoltare i loro commenti ed i loro distinguo postumi.

  41. Non vorrei togliere le speranze a qualcuno ma la storia dimostra ampiamente che le ” NUOVE GENERAZIONI DI POLITICI ” tanto auspicate, dopo 5 minuti di POLTRONA diventano magicamente ” VECCHIE GENERAZIONI “. Lo dimostra il fatto che dopo pochi anni percepiscono già la pensione e neppure quella minima……..scrivo da Firenze, ed aspetto con fiducia il ” NUOVO CHE AVANZA” nella persona di MATTEO RENZI…..un vero cavallino di razza…..mah!
    Attendo con altrettanta fiducia che qualcuno, oltre che DIRE ” COSE DI SINISTRA ” ( oggi riesce un pò a tutti, pure a Tremonti e Fini ) FACCIA E RIBADISCO FACCIA !!! seriamente ” COSE DI SINISTRA “……tutto il resto mi annoia mortalmente…….

  42. In questo momento, lo dico con sincerità, provo un po’ di pena per quell’uomo. Sì perché alla fine è un uomo solo. Bravissimo nel lavoro ma troppo preso da se stesso al punto tale da perdere tutti i punti di riferimento importanti e ritrovarsi circondato solo da incompetenti e incapaci. Perché alla fine, nolente o volente, i nodi vengono al pettine.
    Se ti circondi di incompetenti, quando arriva l’emergenza e serve la competenza, non avrai nessuno a cui chiedere aiuto. Come sta accadendo ora. Ecco alla fine qual è il male dell’Italia in generale, di tante aziende, di tante istituzioni. Per accettare piaceri e scambi di favori, si portano alla ribalta personaggi discutibili, non all’altezza, che alla prima prova vera da affrontare non sono buoni a cavare un ragno da un buco.
    E per quanto abbia sempre odiato il berlusconismo e il mondo da lui creato, adesso guardo con perplessità tutte quelle figure che non aspettavano altro di vederlo crollare e, soprattutto, non vedono l’ora di sostituirsi a lui.

    PS: leggo nei commenti riferimenti a Renzi. Nei contenuti sì, lo trovo giusto, può anche aver ragione. Ma nei modi… mi ricorda troppo B. da giovane. E’ troppo pieno di sé perché possa davvero pensare al benessere delle persone “comuni”. Purtroppo siamo attratti dalla gente che urla, che sbraita, che grida, che parla a frasi fatte. E chi è in silenzio ma ha voglia di far funzionare le cose non lo vediamo neppure. Ecco come si creano poi i mostri.

  43. @Siv – Provare pena, almeno per me, è un tantino eccessivo. L’uomo si è circondato di proposito di molte nullità che non potessero fargli ombra. Una pletora di Yesmen e Yeswoman da comandare a bacchetta. Il fatto è che la politica è estremamente complicata, richiede polso ma anche diplomazia, scioltezza ma anche consapevolezza del ruolo, astuzia ma anche un bricciolo di onestà intellettuale. Il “capo” è comunque, per sua natura, sempre solo. Lo è un pò meno se ha saputo, e voluto, circondarsi di gente onesta e capace di cui fidarsi e di cui accettare giudizi e consigli. Lacchè, opportunisti, avvoltoi e “squali” (prendo a prestito il sostantivo da Pino) sono una componente fisiologica di molte realtà, non solo quella politica.

  44. No, io ho capito che vuol dire Siv…la condivido.

    Comunque, il governo è ancora in vena di cabaret: “è tutta colpa dell’opposizione” :))) Ma che potere persuasivo che ha quest’opposizione che, senza televisioni, senza grandi possibilità di parlare, è riuscita a convincere i più grandi pensatori europei che il nostro governo non vale! – come ha appena detto qualcuno.
    (e naturalmente senza neppure stare al governo: non lo sapevate che gli onori sono dei posti di potere ma gli oneri sono tutti di chi non comanda?! ;)))
    Per favore, non distruggete la bolla di sapone a chi vuol sognare… :(((

    (per ora c’è solo questo, ma appena lo trovo voglio mettere “casta diva” di ambra angiolini del 10.11.11 perchè è trooppo carino, specie con quell’espressione da (diva) come una bambina ‘ferita’ che fa alla fine….
    Bra-vi-ssi-ma! :)))

  45. Vabbè… solo per aggiornare… – a me Crozza mi fa impazzire! :))) ora sta facendo Renzi ahahahah!! – comunque volevo dire..che Monti ha lavorato per la Goldman Sachs che è quella che ha contribuito al fallimento della Lehman… e, giustamente…se non è troppo presuntuoso come punto interrogativo… può uno che ha fatto fallire una società internazionale aiutare noi..a non affondare?! si parla si parla..i politici tutti, ma tanto vediamo solo la punta dell’iceberg, vai a capire se non hanno deciso di far fallire l’europa…. e punto.
    Grande Crozza ;)))

  46. Aggiornamento 2: a Otto e mezzo un economista… ha detto che se B non se ne va i mercati reagirebbero molto violentemente….. e allora sarebbe il fallimento sicuro dell’Italia, ma ora ci si chiede se almeno potesse decidere di andarsene se non per l’Italia…perlomeno perchè crollerebbero anche i titoli delle sue società finanziarie…. chissà se almeno con questo secondo rischio ad personam ci facesse la grazia…

  47. Ultimo atto, Dimissioni , ora guardiamo avanti ,con ottimismo , senza troppe illusioni ma con chiarezza e onesta’

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s