Come nasce un sogno

Era soltanto una piramide su un foglio, poi un’altra e un’altra ancora. Bisogna vedere come iniziano le cose anche per capire come si sono trasformate. Era una piramide con un dettaglio diverso, un punto di osservazione o un colore che cambia, prima di diventare il prisma della copertina di uno dei dischi che hanno fatto la storia del rock, “The dark side of the moon” (1973). Autore Storm Thorgerson, il graphic designer inglese, l’artista che ha trasformato gli lp in una forma di pop art. segue  Per me quell’album non è solo musica, ma costituisce qualcosa di molto importante, diciamo che è un pò la mia “copertina” di Linus. Nei momenti più duri della vita da gabbiano mi ha sempre accompagnato tirandomi fuori (idealmente) dall’inferno e trascinandomi in un mondo magico, di pace e di silenzio. Ricordo che nelle notti freddissime di Kabul, giusto dieci anni fa, protetto a malapena da una montagna di coperte, mi addormentavo con i Pink Floyd nelle cuffiette e mi aiutavano a prender sonno dimenticando disagi e obbrobri. Volavo in cielo, molto in alto. Fin sulla Luna: naturalmente dall’altra parte, la faccia scura e pulita .

Advertisements

17 thoughts on “Come nasce un sogno

  1. Pino concordo al 1000×1000 con te…sono una specie di rassicurante melodia che anche io utilizzo molto spesso…in ogni situazione: quando sono felice, quando mi girano i coglioni, quando ho ansie o paure…per me nessuna medicina li può battere…..e comunque quel “lato oscuro della luna” a distanza di tanti anni per me rimane un vero mistero .
    Quella copertina, e non esagero, mi fa venire i brividi.Se trovi la radio giusta ti capita di sentire un brano dei PINK FLOYD e pensi ma questo pezzo l’ho gia sentito …ma sembra nuovo a qualcosa di diverso da come lo ricordavo …sembra riarrangiato da sapienti mani che con effeti musicali lo arricchiscono..!questo mi stupisce ancora dopo iecine di anni.
    Oggi la musica è merce ….! La si sente per radio fino a schifarla,non dura molto -come la moda-e come è apparsa cosi se ne va ! purtroppo…..

  2. E vederli ,in una sera d’estate ,a Venezia pensando di essere da sola in mezzo a migliaia di persone…..

  3. @PIno
    Beh, dopo aver detto che i Pink Floyd sono i tuoi preferiti penso che posso considerarti mio amico.
    Ti sembrerà strano ma i Pink Floyd sono la colonna sonora della mia anima.
    Sono molto serio quando si parla di Pink Floyd. Tanto che ho un intero hard disk dedicato a loro. ( 250 giga di video e tracce musicali , dalle prime versioni fino alle ultime rivisitazioni , tutti i concerti live ecc… )

    La miglior interpretazione di “The great Gig in the sky” : ( dedicata a chi ha ancora un po’ di anima ;) )

    Il miglior concerto della storia dei Pink Floyd ( Live in Venice )

  4. Beh hai detto niente !!! I Queen sono dei grandi indubbiamente. Vediamo , per diventare mio nemico dovresti dire che ti piace qualcuno degli “Amici” di Maria de Filippi. ahahahaha !!!

  5. Siamo dei nostalgici freakettoni che ancora si emozionano ascoltando i Pink ed accorrono ad ogni richiamo che li riguardi….nonostante tutto ….

  6. Led Zeppelin, Pink Floyd, Queen…ci sarà un motivo se buona parte di noi giovani d’ oggi preferisce loro a tanta musica-spazzatura odierna. Personalmente, non disdegno Battiato…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s