Fare i cronisti

Aveva pubblicato soltanto la notizia che il giudice aveva disposto un incidente probatorio nell’ambito di un’inchiesta su presunti abusi sessuali su due sorelline di 12 e 14 anni, ipotizzando che le indagini potessero coinvolgere altre persone. Nessun nome, nessuna dichiarazione, nessuna intercettazione. Ma per quella che il giudice ha ritenuto essere un favoreggiamento Giulia Martorana, giornalista pubblicista di Enna, corrispondente dell’agenzia Agi e del quotidiano “La Sicilia” è stata condannata a venti giorni di carcere, con la sospensione condizionale della pena, per non aver voluto rivelare al giudice la fonte della notizia. segue

Advertisements

14 thoughts on “Fare i cronisti

  1. Esatto, il problema “tecnicamente” è quello. Ma è comunque grave: specie in provincia sono tutti pubblicisti e comunque faceva un vero lavoro da cronista.

  2. Chiedo scusa per la mia ignoranza, ma che significa è una pubblicista e non una professionista? In pratica, qual’è la differenza?

  3. L’Ordine dei Giornalisti ha due elenchi. Uno riguarda i “professionisti” cioè quelli che svolgono esclusivamente la professione di giornalista, sono assunti da una testata e dopo un periodo di praticantato devono superare un esame di stato. Loro possono lavorare dentro un giornale e hanno la possibilità di non svelare le fonti. L’altro elenco riguarda i “pubblicisti”, in una parola i collaboratori: nella vita possono fare qualsiasi altro lavoro e in pratica si tratta solo di un riconoscimento per la loro collaborazione fissa, per accedere basta consegnare una serie di articoli pubblicati (e pagati).
    Tutto questo in teoria. In pratica, specie in provincia, si usano i pubblicisti per un’attività giornalistica vera e propria.

  4. Si pone allora la domanda, da chi non è “addetto ai lavori”: se la Giornalista ha subito una condanna (severa o no), non è da considerarsi responsabile anche la testata giornalistica? A cosa serve allora il Direttore Responsabile?

  5. La testata, e quindi il direttore responsabile, entrano in ballo quando c’è una querela e la loro quindi diventa una responsabilità oggettiva, cioè di mancato controllo. Qui la questione è diversa, ossia individuale: la cronista non è sotto tiro per quello che ha scritto, ma perchè si è rifiutata di riferire la sua fonte. Un’opportunità riservata solo ai professionisti.

  6. In questo caso, la fonte della notizia cercata dal Giudice, lei ha detto no; quale considerazione? io mi trovo concorde con il comopianto Montanelli, urge una riforma delle leggi che regolano la materia giornalistica; pubblicisti, professionisti, freelance; in fondo (è una regola non scritta) anche un grande giornale on line o carta; decide il direttore o l’editore l’accesso in pagina di scrittori, giornalisti o non.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s