A Diamante, in treno

Ubriaco di sonno dopo le chiacchiere pressocchè inutili di Unomattina, giusto il tempo di fare la valigia e vado alla stazione per prendere il treno che va a Diamante. Il tour …editoriale mi porta in Calabria (l’appuntamento è per domani sera) e ne sono felice, dopo la bella esperienza del Friuli. Dopo una vita in televisione, mi piace il contatto diretto con la gente, è come fare teatro. Mi piace guardare le facce che mi stanno davanti, cercando di capire il livello di interesse. Mi piace rispondere alle domande. Mi piace, lo ammetto, anche essere un pò coccolato. Mi piace girare l’Italia, quasi a carpirne gli umori oltre che ad assaporarne le ricchezze. Scrivo questo post anche perchè non so ancora se porterò il computer e dal Blackberry posso solo rispondere ai commenti. Mi piace infine tornare in treno, non succedeva da tanto tempo. Almeno dormo.

Advertisements

18 thoughts on “A Diamante, in treno

  1. ;) Li sbaji so’ umani er perfetto nun esiste.
    Ciao Gabbia’, i mì’i sbajii so’ veri e so’ solo li mì’.
    So’ filice quanno quarcheduno m’agliuta a mijora’, grazzie a chi lo fa!
    Sta pòra tastiera nun m’arègge’ più! Co’ tutte ste mazzolate che je dò ‘gni giorno, j’ho fatto veni’ er ‘tippe-tappe, mo se nun la smetto e me ne vado ar trullo, co’ du paro de carci ar culo, me manna puro a quer paese.
    Oggi solo pe’ te Gabbia’ ho riacceso la Tivvi.
    Sai che te dico? Ch’è mejo che ‘n antra vòrta nun c’approvo. M’è so’ venute le bùggere vede’ ride’ su le traggedie a senti’ di’, che ste trasmissioni so’ bellissime, che so’ favole che piacéno e che fanno odienz!
    Gabbia’ dijelo che la sòra Franca nun tifa su le disgrazzie artrui, solo ar penziero me farei solo tanta pena.
    Tu che m’intènni e mo so’ tanti anni che me leggi, me dichi quanto travajo c’è ne la mente umana?
    Me piacérebbe di a quelle signore ricche d’aspertézza, che pe’ furtuna nun semo tuttiquanti uguali e ch’ io tifo pe’ la vita, pe’ la bellezza de la natura e der creato.
    Eppoi visto che ce so’ puro le perzone che se nun vedono più la Tivvi è puro còrpa loro.
    Gabbià oggi t’ho visto! Te posso di la verità? Era mejo che pijavi er volo, te preferisco co’ l’ali aperte quanno svolazzi su li mari aperti.
    Me sa che oggi a Ostia er marozzo era più pulito e ner celo nun c’erano le nuvole.
    Nun te ce vedevo arampicato su quer poggiolo, se vedeva la timidezza der Gabbiano de frontiera, quanti scrupoli te fai, nun è da te. Meriti de vola’ ‘n antri mari.
    Dimanno scusa, ma me piace di’ quelo che penzo, li salemelecchi nun fanno parte der mi carattere.
    Quanno more ‘n essere umano, ce vole tanto rispetto e tu Gabbia’ lo sai bene, l’hai visto co’ l’occhi e quanto amaro te resta ‘n bocca e nell’anima quanno vedi e scrivi er vero!
    Me chiedo epperché la legge nun vieta ste soppopere (soap opera) vere, che se sentono er diritto de ammolacce listesso quanno annavamo a scòla.
    Nun basta la reartà amara de la vita de ‘gni giorno?
    Nun ce scordamo che pe’ scala’ le montagne, ce serve tanta concentrazzione e serenità nell’anima.
    A chi je piace vede’ le fishonne e c’ha puro er tempo, avoja a inventà le storie, armeno quanno smorzi sai che sti ricconti’ so’ finti drénto ‘na scatola nera, nun te li porti appresso quanno magni, drènto l’ inzogni e drènto er còre.
    Me sa che er monno pe’ corpa de ste situazzioni sta diventanno masochista e puro tanto più crudele.
    Pemmé tutto st’ intrujo de notizzie a l’anima je fa’ solo che male.
    Rega’ famola finita de massagrà er ciarvello, sinnò puro la sòra commaraccia quanno scocca l’ora, nun c’ha più er gusto de venicce a prenne.
    franca bassi

  2. ;) Forse sto commento annava ar piano de sotto. So’ contenta che te fai sto giretto. Riposate e domani rigalace tutta la grinta der Gabbiano de froniera.ciao

  3. Non l’ho visto…mi sono dimenticata.
    Però ha detto molto bene Ceglie: per fortuna non siamo tutti uguali!!
    …e ognuno ha i propri argomenti :)))
    Ma in assoluto molto più affascinante il teatro del ministero.

  4. Devo essermi perso qualcosa, non sapevo dell’appuntamento televisivo.
    Ah, ho trovato e… no, non avrei potuto vederlo. Tra l’altro non amo molto quel programma, men che meno la versione “estate”: mi mette ansia perché bisogna essere brevi. Dico io, fate la metà delle cose e metteteci il doppio del tempo, vedrete che la trasmissione sarà il doppio migliore!
    E poi di delitti ne ho abbastanza: il TG3 regionale per un mese ci ha assicurato che gli inquirenti erano a un passo dalla soluzione del delitto Rea, sembrava il paradosso di Achille e la tartaruga.

    Molto meglio dedicarsi alla promozione editoriale, direi. Credo di capire anche il gusto dell’incontro diretto con le persone, guardare finalmente occhi anziché telecamere, sentire applausi spontanei e sinceri anziché comandati. E girare l’Italia che, nonostante tutto, è un Paese meraviglioso.

  5. Sei preso tra due fuochi, la grande stanchezza e il treno che ti culla e ti fa dormire da beato; basta un poco di pazienza e il treno dei desideri ti porta dove vuoi; obiettivo; Diamante, Calabria (sei passato a 8 chilometri da casa mia, Agropoli (Perdifumo)) lunga vita a te lungo i binari d’Italia, la promozione dei tuoi libri è un passo giusto, necessario; il contatto con la pancia di questo nostro unico bellissimo strampalato paese ci fa capire molto meglio le cose Giovanni Farzati, Reporter senza frontiere, Positano news

  6. Ciao Gabbia’, com’ è annata la serata a Diamante? Se nun ce ricconti quacosa ce addormino tuttiquanti su sta Torre e su li scòji er zole nun se pija bene.
    Vebbè! Visto che nun c’ho sonno e puro pe’ nun perde’ er vizzio, mo provo a scrive quarcosa.

    Er primo amore

    ‘Gni matina quanno er mare
    se spòsa co’ la scojera
    la spuma del mare
    entra…sòrte tra li scoji
    e da l’abbisso a la costa
    t’ ariva l’odore del mare
    te sturbi mentre t’arivorti
    abbraccicàta a le lenzola.
    Me sento che so’ istésso viva.
    Eppoi er canto de le onne
    su li scoji so’ soni puri
    che m’ariempeno er còre.
    Appena se fa giorno
    da lucernario de la càmmera
    pija allòggio ‘n po’ de luce
    che me riscalla er viso
    istèsso ‘na carezza
    der primo bacio
    che me diede mi fìjo.
    Eppoi lemme lemme
    la luce scivola su er còre
    me sento istésso ‘n paradiso
    e m’ ‘ritrovo filice
    drénto ‘n ‘inzogno de colore azzuro
    ‘n braccio ar primo amore mio.

    franca bassi

  7. ;)

    Mo da fiume so’ arrivati
    ‘n paro de gabbiani
    chissà che se strillàno?
    Forze me vojono sveja!
    Ma nun se so’ accorti
    che addormi’ ce devo
    istésso anna’!

  8. ;) Me sa ch’hai preso er trenino a vapore.
    “Tutto benissimooooo In treno, tornando indietro” tutto qui?! Nun ce ricconti gnente e manco ‘na foto de la serata?
    Vabbè visto che le notizzie so’ striminzite me ne vado a dormi’.
    Bona notte a tutti quanti.

  9. ;) Gabbia’ che te serve ‘na penna nova pe’ scrive? Vabbè, oggi puro se ce so’ le nuvolate, nun se fatiga e tuttiquanti partono pe’ anna a le vaganze. Ce ricconti ‘na notizia! te prego, sinnò nun me va d’anna’ a lavora’. Scusà se ‘gni tanto giocherello ;)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s