In Libia si continua a morire

Dall’inizio della rivolta, sono sette (quattro stranieri) i giornalisti morti in Libia. 12 marzo: Ali Hassan Al-Jaber (Qatar) – 18 marzo: Mohammed al-Nabbous – 20 aprile: Tim Hetherington (Gran Bretagna) e Chris Hondros (Stati Uniti) – 12 maggio: PeshawarAli al-Graw e Ismail al-Sharif – 20 maggio: Anton Hammerl (Sudafrica). L’ultima vittima è un fotoreporter sudafricano. Arrestato, insieme ad altri reporter dalle forze di Gheddafi, è stato ucciso in circostanze misteriose.  Leggi

Advertisements

One thought on “In Libia si continua a morire

  1. Ciao gabbiano ho continuato a leggere tutto il post. Cosa scrivere su queste grandi tragedie io proprio non lo so. Ci ritroviamo con i soliti elenchi macchiati di sangue. Ieri, oggi, domani e si continua ancora a morire.
    E’ un vero peccato perdere delle vite! Scrivere per loro con parole banali non serve, portare indietro il tempo non si può. Cosa si può fare per loro e cosa per fermare queste guerre?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s